Philippe Villain ti invita a viaggiare in Italia

Lo scrittore francese Philippe Vilain, napoletano d’adozione, lavora per creare ponti culturali tra Francia e Italia. Come le due raccolte di racconti letterari in uscita: Bella Italia e la sua controparte italiana, Douce France.

bella Italia Una raccolta di racconti letterari che invita a viaggiare in Italia: ci spieghi questo progetto?

Perché l’Italia ha sempre affascinato gli scrittori francesi che, da Montaigne a Patrick Modiano, da Stendhal a Dominique Fernandez, non hanno smesso di ispirarsi a questo Paese, perché l’Italia è una regione selezionata come nessun’altra. della bellezza, ho voluto raccogliere un certo numero di autori contemporanei per invitarli a esplorare il loro rapporto con questo Paese. Volevo sapere perché Bel Paese Continua ad ispirare gli scrittori francesi e volevo conoscere i motivi della loro predilezione per l’italofilia, il loro mantra per un paese che a volte divide, del resto, gli stessi italiani. Questa raccolta di racconti, bella Italia, può quindi essere letto come una dichiarazione d’amore per l’Italia ma facilmente letto come una guida letteraria e intima al Viaggio in Italia.
bella Italia Ha anche spinto alla creazione della sua controparte italiana, dolce Francia, una raccolta di racconti che riunisce autori italiani che evocano il loro legame con la Francia. Sono molto felice di iniziare questo progetto e di vedere la dimensione che ho preso in così poco tempo a favore di una pubblicazione speculare davvero unica.

Come ha scelto quegli autori francesi che hanno dato la loro visione dell’Italia?

Ci sono autori il cui lavoro apprezzo e chiedo loro; E ci sono autori, tantissimi, che me lo chiedono direttamente, e tra questi devo scegliere, cioè rendere insoddisfatto qualcuno. In questa selezione tengo a riunire autori provenienti da mondi molto diversi (come Johann Ferber, Hervé Joubert Lorencin dei brillanti critici letterari, il regista Lucas Bellevue che mi è familiare perché ha adattato al cinema un mio romanzo non del genere) , ma anche per mettere insieme autori noti oltre Gli altri sono meno chiari. Questa varietà era vicina al mio cuore.

READ  Al cinema. Elementary, il nuovo successo pieno di umanità dei Pixar Studios

Quali argomenti trattano? Quali città della penisola attraversa?

È l’Italia polimorfa che questi autori rappresentano, anzi l’Italia, reale e immaginaria, politica e romantica, straniera e familiare, museale e popolare, fraterna e madre, desiderabile, erotica e fantasiosa – visitata talvolta “sotto il piatto”. “Come ha scritto Henri Calais, il cui scopo comune è quello di consentire sia la descrizione e il ritorno della memoria, sia un viaggio interiore, nonché di far rivivere un senso di sé, un sentimento archeologico, giustamente ha scritto il poeta Stéphane Bouquet. L’Italia sembra incarnare la stessa voglia di viaggiare. Quindi viaggiamo attraverso Venezia, Torino, Ancona, Ventimiglia, Sanremo, Roma, Firenze, Milano, Trieste, Napoli, la Sicilia o l’intera regione di Stendalia. I nostri autori hanno l’Italia nel cuore. Per loro l’Italia resta la madre delle arti e della bellezza, ma è anche una cartolina della memoria, il ricordo delle vacanze di sole, dei viaggi in treno e Gelato al limoneE amore e flirt incantati.

Forse l’amore dell’Italia è trovare il posto più intimo per te

La loro percezione dell’Italia differisce da una regione all’altra? e la vostra ?

Questa è una buona domanda. Ho notato che la percezione di questi autori varia perché ognuno ha una visione distintamente unica di questo paese, ma questa visione non differisce necessariamente a causa della sensibilità di questi autori alle stesse differenze tra le regioni, alle profonde rivalità. O anche le rivalità occasionali che queste regioni possono alimentare.
Alcuni autori riconoscono una passione per l’Italia, un forte attaccamento, e soprattutto legami culturali e personali, ma questo non li rende necessariamente consapevoli delle divisioni e dei dolori di questo Paese. D’altra parte, autori come Evelyn Bloch-Dano sulla Sicilia, Alain Vercondelet su Venezia, che si definisce “dall’Italia”, più precisamente “da Venezia”, ​​e io per Napoli – io che non l’ho fatto. Non abbiamo mai sentito alcun senso di appartenenza a una regione e ci siamo sempre sentiti ‘stranieri’ nel mio Paese, forse più sensibili a queste differenze regionali, a cosa significa, in Italia, riconoscersi nel mio Paese. Città, regione, paese, qualsiasi terra. Queste domande hanno trasceso tutta l’Italia sull’appartenenza a un territorio, anche all’interno di città dove l’essere in un quartiere risulta diverso dall’essere in un altro. Forse l’amore dell’Italia è trovare il posto più intimo per te, è scoprire il proprio paese o la propria città.

READ  BofA: la parete immunitaria necessaria sale all'85% - mutazione 'delta'...

In Love with Italy, lavori per la collaborazione letteraria italo-francese nelle edizioni Gremese…

Questa missione è tanto necessaria quanto stimolante, e sono felice di cercare di creare ponti culturali tra i due paesi, traducendo i romanzi francesi in italiano. Inoltre, il mio obiettivo è creare opere collettive, in particolare come bella Italia, è creare una famiglia di scrittori le cui pubblicazioni probabilmente alimenteranno il gruppo nei prossimi anni Narratori francesi contemporanei. Un editore ha bisogno di buoni scrittori e gli scrittori hanno bisogno di traduzioni per rendere visibile il loro lavoro, espanderlo in nuove aree e dargli profondità. La traduzione lo porta.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Ce ne sono così tanti, è un momento molto creativo per me. Innanzitutto i miei progetti editoriali. Ci sono due. Il primo è riunire gli autori – cosa che sto facendo in questo momento – per formare un nuovo gruppo sugli scrittori italiani. Ogni autore deve mettere in discussione il suo rapporto con uno scrittore, attraverso un testo personale, un’opinione e una riflessione, per dire l’unicità dell’opera e cosa dice del suo tempo nella società. Amo che gli scrittori parlino di scrittori, senza dubbio perché hanno sempre una comprensione più sensibile del lavoro di scrittura, delle sue difficoltà, dei suoi successi e del suo vicolo cieco.

Il secondo progetto, a cui ho iniziato a pensare prima della pandemia, riguarda gli incontri con gli scrittori. Dal prossimo anno, nel 2022, quando la pandemia sarà alle nostre spalle, spero di invitare gli scrittori in Italia, con il sostegno degli istituti francesi e delle università italiane, e far loro presentare il loro lavoro all’università. Come parte di una produzione interattiva. Da quando ho assunto la mia posizione a Gremese, la mia unica delusione è stata che tutti gli eventi e le riunioni che avevamo programmato di fare sono stati in gran parte interrotti, ma spero che tutto riprenderà presto dopo settembre.

READ  In Sardegna nasce un cucciolo con il pelo verde, cosa piuttosto rara

E poi ci sono i miei progetti personali, letterari intendo: finisco il romanzo “Napoli” per Grasset Edizioni, e dopo ho intenzione di scrivere un seguito non del suo genere. È importante per me riprendere questa storia più di dieci anni dopo che è stata scritta, sei anni dopo l’uscita del film. Ora è il momento ed è passato molto tempo da quando ho avuto questa voglia di scrivere. Infine, c’è il progetto editoriale della rivista مشروع Dalhousie studi francesi che dedicherà il numero dell’estate 2023 al mio lavoro, ‘Philip Phelan, Novelist of Critical Thought’. Colgo l’occasione per ringraziare calorosamente i quindici ricercatori universitari che contribuiranno a questo libro. È una rivista che ho consultato quando ero studente negli anni ’90, quindi inevitabilmente, per me, dopo il libro dell’università Philippe Phelan o la dialettica delle specie, che è una distinzione molto importante.

Il libro Bella Italia sarà pubblicato in concomitanza con il suo omologo italiano, Douce France, a partire dal 15 giugno in Francia e il prossimo settembre in italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *