Perché, secondo questo studio, il voto televisivo e quello populista vanno bene insieme in Italia (e perché questo potrebbe essere il caso in Francia)

Perché, secondo questo studio, il voto televisivo e quello populista vanno bene insieme in Italia (e perché questo potrebbe essere il caso in Francia)
Perché, secondo questo studio, il voto televisivo e quello populista vanno bene insieme in Italia (e perché questo potrebbe essere il caso in Francia)

©Charlie Tripalo/AFP

Influenzare il voto in televisione

Atlantico: Secondo gli autori dello studio, “l’esposizione precoce alla televisione di intrattenimento ha influenzato le preferenze politiche impoverendo le capacità cognitive”. Quali pensi siano le ragioni di questo legame? Attraverso quale processo logico il consumo di televisione di intrattenimento influenza il voto populista?

Francesco Paolo: Quanto a Berlusconi, quest'ultimo ha formato una rete di televisioni regionali non inizialmente per ragioni politiche, ma perché ha costruito nuove residenze in tutta Milano, e il modo migliore per rendere redditizio questo investimento immobiliare è stato collegarlo con l'obiettivo di costituendo una vera e propria rete televisiva. Se ha giocato la carta dell’intrattenimento, e dell’intrattenimento non necessariamente informato o educativo, è stato semplicemente per conquistare il più vasto pubblico possibile, non per fini politici. È solo una coincidenza che gli italiani sostenitori del potere italiano da lui formato fossero proprio i clienti dei programmi di intrattenimento che gli permisero di rendere redditizia la sua campagna.

Dall’Italia, invece, ci ritorna la formula di Umberto Eco, il quale diceva che “la televisione rende intelligenti le persone che non hanno accesso alla cultura e stupidi coloro che si credono colti”. Certamente, l’istruzione e l’istruzione che ricevono influenzano fortemente la scelta dei programmi politici (quando resta la scelta).

C'è divertimento e intrattenimento. Ci sono intrattenimenti davvero strabilianti, anche per chi è annoiato dal lavoro e ha bisogno di divertirsi (nel senso buono del termine), ma ci sono anche intrattenimenti che magari non sono affatto educativi ma possono essere intrattenimento culturale per le persone. Non bisogna stabilire un collegamento diretto tra le due questioni, soprattutto perché negli studi che si occupano di ciò che le persone guardano in televisione si sottovaluta chi guarda programmi di intrattenimento e si sopravvaluta chi dice di guardare programmi culturali o politici: dobbiamo anche diffidare degli studi sull'audience legati ai programmi televisivi.

READ  Colpo all'italiana: perché Edward Norton si è rifiutato di partecipare alla promozione del film?

Che tra coloro che frequentano i programmi di intrattenimento più ridicoli, volgari e meno istruiti vi sia una percentuale maggiore di persone che votano maggiormente per gli estremi di sinistra o di destra, quelli che chiamiamo partiti populisti, non è affatto improbabile, e è assolutamente provato e verificabile.

Non sono i volgari programmi di intrattenimento a portare al voto populista, ma il fatto che c’è un terzo fattore in gioco. Quelli che tendono a votare per i partiti populisti e quelli che guardano i programmi di intrattenimento più noiosi sono quelli che sono meno colti, meno istruiti, e quindi quelli che hanno i “requisiti” più bassi. Non esiste un rapporto diretto tra le due questioni: questo legame è legato al fatto che il voto populista e la scelta dei programmi di intrattenimento dipendono dallo stesso fattore, che è la fragilità intellettuale e un basso livello di istruzione, e quindi un basso livello di capacità intellettuale. richieste. . Pertanto, non esiste alcuna relazione di causa ed effetto tra i due.

Ciò che potrebbe spiegare perché le persone meno istruite votano per i partiti populisti è certamente il fatto che le piattaforme populiste hanno l’arte di spiegare tutto attraverso un fattore, una sola idea, e quindi di semplificare la realtà per renderla facilmente accessibile a chiunque: sono ideologi, ideologi. Che riduceva tutto a un fattore.

Secondo gli autori, i partiti populisti attirano deliberatamente gli elettori meno informati politicamente. I consumatori di intrattenimento televisivo non rappresentano forse i clienti politici ideali per i partiti populisti nella misura in cui essi deliberatamente fuorviano?

È vero che l’ignoranza è un terreno fertile per il populismo, la cui arte o tattica è quella di spiegare tutto con un unico fattore, e così di rendere le cose facilmente comprensibili a partire da un unico elemento. degli stranieri ecc.) L’ignoranza politica è infatti terreno fertile per tutti gli aspiranti predicatori. Dopotutto, la propaganda esiste solo perché ci sono potenziali propagandisti, cioè persone “propagandabili”. I predicatori danno chiaramente la priorità a coloro che sono più facili da “propagandare”, cioè a coloro che sono meno istruiti e cercano una spiegazione per i mali di cui soffrono le conseguenze.

READ  Amelia Hamlin perquisisce Scott Disick in mezzo a DM: "Non hai una ragazza?"

Tutti i paesi sono colpiti allo stesso modo, nella misura in cui una percentuale non meno significativa di persone è sufficientemente istruita in questioni politiche per essere suscettibile alla propaganda, ma non è sufficientemente istruita per essere in grado di opporsi ad essa con uno spirito critico. Una sorta di contro-tossina Le persone sono generalmente abbastanza sofisticate da essere accessibili alla propaganda, ma non abbastanza istruite per poter contrastare questa disinformazione con una sorta di contro-tossina. L’unico antidoto da opporsi a chi vuole instillare in te la propaganda è il pensiero critico. Ora, il pensiero critico è ciò a cui di solito portano la cultura e l’istruzione, se comunque fatte bene.

Quali altre conseguenze politiche potrebbero logicamente derivare dal consumo di televisione di intrattenimento (disinteresse, apatia, opinioni politiche più moderate, ecc.)?

Chi è veramente distratto dal lavoro e chi si trova in una situazione precaria è più propenso degli altri a guardare i programmi di intrattenimento offerti dai grandi canali e in prima serata, ma questo non vuol dire che non cerchi una spiegazione ai mali da cui derivano arrivano. Lui soffre. Cercando una spiegazione a questa sofferenza sociale e non avendo una mente critica sufficientemente illuminata, sono vulnerabili e vulnerabili a qualsiasi propaganda o ideologia che tenda a spiegare la complessità della realtà politica con un unico fattore. La loro resa al voto populista non significa che non siano interessati alla politica, ma piuttosto cadono in un’interpretazione semplicistica che non tiene conto della realtà politica in cui viviamo.

Allo stesso modo, nei programmi di intrattenimento c’è molto cinismo, un tipo di cultura che mina le basi dell’autorità e fa sì che chi governa non sia più rispettato, che i governati non vogliano più “obbedire”. Questo spirito di cinismo mina tutte le forme di autorità (politica, intellettuale, culturale, religiosa, ecc.) e spinge ulteriormente verso un voto radicale, di protesta e smodato.

READ  L'Italia batte il Belgio e sfida la Spagna in semifinale

In generale, la fruizione di programmi di intrattenimento può portare a due diversi atteggiamenti: un atteggiamento di protesta che porta al voto islamico oppure un disinteresse per la politica e disprezzo per gli stessi politici. O ci allontaniamo dai programmi e dai progetti politici e dagli uomini che li incarnano; Oppure, al contrario, ci buttiamo a capofitto nelle spiegazioni più semplici che portano al voto estremo. Ciò porta quindi all’astensione o alla depoliticizzazione, che sono i due elementi chiave nel DNA del voto populista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *