Perché nei prossimi mesi vedremo più aurore boreali nel Canada meridionale?

Perché nei prossimi mesi vedremo più aurore boreali nel Canada meridionale?

Nella notte tra il 5 e il 6 novembre, il cielo provinciale si è illuminato di verde, giallo e rosa sulla Martinique Beach, a est di Halifax. Durante la notte si sono verificate aurore boreali molto forti. È un fenomeno raro a cui questa regione assiste in tempi normali, ma diventerà più evidente del solito alle nostre latitudini nei prossimi mesi.

Nostalgia del paradiso

Da diversi anni Gaurav Singh ha sviluppato una passione per l’astrofotografia, cioè per scattare foto del cielo stellato, e non è pronto a dimenticare questa notte di inizio novembre.

Ho potuto vedere che il livello di attività dell’aurora era molto alto e non diminuiva. Tutto mi diceva che quella notte sarebbe stata speciale, in più non c’erano nuvole in cielo e anche la luna era sorta molto tardi.“, dice Gaurav Singh.

Quindi vai a Martinique Beach, lontano dall’inquinamento luminoso, e scatta foto. È stato incredibile, una delle cose che avresti solo sognato di vedere nella tua vita.

Gaurav Singh pubblica una foto e un video sul suo account Instagram com.skywatchercanada E il successo è immediato. Finora il video è stato visto quasi 9.000 volte, ovvero quattro volte di più rispetto agli altri suoi post.

Ho parecchi iscritti e non mi ero reso conto che la mia foto fosse diventata virale. È una bella sorpresaaggiunge il fotografo che è diventato un po’ uno specialista di questo fenomeno. Molti abbonati gli fanno domande sul fenomeno e seguono le sue previsioni.

Il sole è al suo apice

Ci saranno sempre più opportunità di vedere l’aurora boreale nei prossimi mesi in Nuova Scozia, ma anche in tutto il Canada meridionale, zone solitamente meno adatte a tali avvistamenti.

READ  Questo video mostra cosa accadrebbe se cadessi in un buco nero

Il motivo: il sole. La stella sta chiudendo uno dei suoi cicli di attività, che gli scienziati misurano utilizzando le macchie nere sul sole. Più ce ne sono, maggiore è l’attività e si prevede che questa aumenterà, poiché si prevede che il ciclo si concluderà entro uno o due anni.

Olivier Hernandez è un astrofisico e direttore del Planetario di Montreal

Foto: Altre banche immagini / Espace Pour La Vie – Montreal

Quando l’attività aumenta, la superficie del Sole viene espulsa nello spazio e protoni ed elettroni vagano nell’universo. In linea di principio, il campo magnetico terrestre ci protegge da questo, ma ai poli queste particelle possono scendere nell’atmosfera, dando origine all’aurora boreale.spiega Olivier Hernandez, astrofisico e direttore del Planetario di Montreal.

Come monitorarlo correttamente?

Siamo quasi al nono anno di corso, quindi circa 11 anni. Nei prossimi due anni i brillamenti solari saranno più frequenti e più intensi“, spiega il signor Hernandez.

E alle latitudini che non siamo abituati a vedere, ne vedremo sempre di più.

Per sapere quando si verificherà l’aurora bisogna guardare due elementi. Il primo è l’indicatore KP, che misura il campo magnetico. Affinché il crepuscolo sia visibile nelle regioni meridionali, l’indice deve essere maggiore di 4 o 5. L’altro indicatore è l’indice BZ, che deve puntare verso sud e quindi essere negativo.

Aurora boreale.

Questa aurora boreale è stata fotografata a febbraio a Misco, nella penisola di Acadia. (foto d’archivio)

Foto: per gentile concessione di Chrissy Ward

App e siti Web gratuiti condensano questi dati e ti consentono di prevedere la notte in cui uscirai per vedere l’aurora boreale. In questo periodo anche il cielo dovrebbe essere sereno e stare lontano da fonti di inquinamento luminoso come le città.

READ  E se la materia oscura interagisse con se stessa? Questo è ciò che suggerisce la scoperta dell'anello di Einstein, a 17 miliardi di anni luce dalla Terra!

Poche persone si rendono conto che la Nuova Scozia è uno dei posti migliori sulla Terra per osservare le stelle“, dice Gaurav Singh. Se vai a Cape Breton o Yarmouth, troverai i migliori cieli notturni del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *