“Gilet Gialli” cinque anni dopo: “Queste persone invisibili sono riuscite a far saltare in aria lo schermo e spaventare chi li ignorava”

“Gilet Gialli” cinque anni dopo: “Queste persone invisibili sono riuscite a far saltare in aria lo schermo e spaventare chi li ignorava”

Cosa resta dei “gilet gialli” a cinque anni dall’inizio del movimento che farà tremare la Francia? Analisi con Domenico Andolfato, professore di scienze politiche e specialista in movimenti sociali.

Cinque anni fa, il movimento dei “gilet gialli” scosse la Francia. Che posto lascerà questo movimento nella storia delle rivoluzioni popolari?

Un luogo importante, perché si trattava di un movimento senza precedenti, poiché mescolava diversi gruppi sociali e diverse sensibilità, con l’intenzione di far sentire la propria voce e mobilitarsi al di fuori dei consueti canali sindacali o politici. Mostra le difficoltà o i limiti affrontati dal dialogo e dalla democrazia in Francia.

Come analizzare il disagio provato da questa Francia periferica, delle rotatorie, che ha fatto tremare il potere?

È davvero una Francia di piccole città, una Francia rurale, una Francia un po’ periferica che è emersa anche nel cuore delle grandi città.

Si sente dimenticata o sotto forte pressione a causa delle politiche pubbliche che non tengono adeguatamente conto delle difficoltà di ogni tipo, compresi i trasporti o il costo della vita.

Così, coloro che erano invisibili agli occhi del potere, o anche della società, hanno cercato di salire sul palco, di presentare le loro rivendicazioni che nessuno portava avanti, e sono riusciti a far esplodere lo schermo, e anche di più , per spaventare chi lo ignorava. fino a quel momento. C’è qualcosa come un esercito ombra che si sta sollevando e metterà in difficoltà il regime.

Emmanuel Macron ha imparato la lezione di questo movimento?

Non credo, anche se le misure di emergenza adottate, come quella di premiare Macron, anche per rispondere al movimento, e poi la grande polemica che ne è seguita, lo hanno reso soprattutto un monologo del presidente.

READ  Trova uno spazio vitale nell'età della pietra com'era 17.000 anni fa

Ma il famoso referendum di iniziativa cittadina è rimasto lettera morta. È stata la crisi sanitaria a permettere al governo di voltare pagina. Tuttavia, i risultati delle recenti elezioni legislative, con l’aumento dell’estremismo – di sinistra o di destra – come mai prima sotto la Quinta Repubblica e l’assenza di una maggioranza in Parlamento, testimoniano a modo loro il fallimento del potere in Paese. Il volto dei “gilet gialli”.

La rappresentanza nazionale è diventata altamente frammentata. Il malcontento è stato espresso e vittorioso. Ma il movimento dei “gilet gialli” non è riuscito a istituzionalizzarsi, se davvero lo voleva.

L’Accademico Domenico Andolfato.
medico

Che fine hanno fatto le figure di questo movimento?

Sono tornati all’anonimato. Molti di loro – ex leader o semplici “gilet gialli” – hanno spesso partecipato alle manifestazioni del 2021-2022 contro la politica sanitaria e, in particolare, contro il lasciapassare sanitario.

Alcuni hanno presentato inutilmente la loro candidatura alle elezioni legislative.

Sono state messe in discussione le tattiche talvolta contestate della polizia di fronte a questo movimento violento?

Molti sociologi hanno da allora dimostrato che la gestione dell’ordine pubblico in Francia è problematica. I cambiamenti sembrano essere tranquillamente in corso. Le proteste contro la riforma delle pensioni sono state molto meno problematiche. Anche i servizi di sicurezza sindacali hanno frenato gli abusi.

I sindacati, sopraffatti dal movimento, sono riusciti a riprendere il controllo durante la crisi delle pensioni…

Sono riusciti a mobilitare l’opposizione contro la riforma delle pensioni e ad organizzare quattordici grandi manifestazioni contro di essa, quattro delle quali hanno superato il milione di manifestanti. Non è niente.

Ma la riforma è avvenuta. Naturalmente non sono riusciti abbastanza ad ampliare la cerchia dei loro sostenitori abituali. Queste manifestazioni di routine hanno perso il loro impatto anche quando si sono confrontate con un’azienda governativa nei suoi siti. In questo contesto, non sono riusciti a innovare, come hanno fatto i “gilet gialli” nel 2018-2019.

Ricomparirà la rabbia dei “gilet gialli”?

La Francia è regolarmente caratterizzata da movimenti di fazione o politici più o meno aspri. Ricordiamo i “berretti rossi” dell’epoca Hollande. Pertanto, un fenomeno come i “gilet gialli” potrebbe ripetersi in una forma o nell’altra.

Ancora una volta, queste tensioni riflettono gli squilibri della nostra democrazia, diventata troppo verticale e troppo distante dai cittadini.

Il nuovo libro di Dominique Andolfato: “Cittadini nella crisi sanitaria”, 22 novembre, da Garnier Classics.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *