Eleni Diamanti, Acceleratore Quantistico

Eleni Diamanti, Acceleratore Quantistico

Eleni Diamanti, una fisica quantistica di 46 anni, indossa molti cappelli. In una certa misura, sembrano riuscire, come le particelle, a trovarsi in due posti contemporaneamente. Direttore della ricerca presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica, tiene corsi anche all’Università della Sorbona, dove ha sede il suo laboratorio. Il fisico fa la ricerca Per lei, e per altri, è coinvolta nel coordinamento del Centro di Parigi per le tecnologie quantistiche, un consorzio sulle future applicazioni della meccanica quantistica, tra il Centro nazionale per la ricerca scientifica, INRIA e le università della Città di Parigi, Scienze e Lettere di Parigi (PSL ) e la Sorbona.

L’ingegnere di origine greca, francese dal 2020, ha anche co-fondato nel 2022 una startup chiamata Welinq, che lavora sulla produzione di memorie quantistiche, ovvero nuvole di atomi che intrappolano le informazioni prima di restituirle, per fungere da relè per le comunicazioni a lunga distanza, o ponti tra processori computazionali. Partecipa a numerosi progetti europei, oltre a ricevere un finanziamento dall’Unione Europea. Tutto questo mentre tornava a casa la sera tardi per stare con il marito, ricercatore economico presso l’Istituto di Scienze Politiche, e i loro tre figli. “È entusiasta dalla mattina alla sera, guidata dalla conoscenza e dallo sviluppo di applicazioni. È uno dei massimi esperti in comunicazioni quantistiche e crittografia ed è forte nella scienza e nella tecnologia. Lei è solare »vigliacco Sebastiano TanzelliDirettore delle Ricerche del CNRS presso l’Istituto di Fisica di Nizza e Responsabile del Programma Nazionale di Ricerche Quantistiche.

Partiamo dal suo stato fondamentale, come si dice in questo campo.

Eleni Diamanti È cresciuto in Grecia in una famiglia di insegnanti di fisica. È appassionata di astronomia, senza arrivare al punto di mettere gli occhi su un telescopio. Ho imparato l’inglese e il francese prima del college. Sua madre vuole che diventi medico, ma lei preferisce matematica e fisica al liceo. Ciò l’ha portata a superare l’esame di ammissione all’Università Tecnica Nazionale di Atene, dove si è classificata prima, cosa che l’ha portata ad apparire in televisione.

READ  Gli svizzeri hanno scoperto come saldare una ferita con il laser

La “pensione” resta nella tua squadra

Al college lo è ” lui incontra “ Fisica quantistica, ma dal canto loro apprezzano anche la robotica e l’ottica “applicato”. Cinque anni dopo, ha ricevuto la sua tesi. “Amo studiare e imparare cose nuove. Ho sempre desiderato fare una tesi e fare il ricercatore. »

La partenza nel 2000 per gli Stati Uniti fu un passo quasi obbligato di miglioramento. Dallo stato fondamentale si passa ad uno stato più eccitato, si potrebbe dire. A Stanford non sta con le mani in mano: ha scritto ventisei articoli in sei anni, sotto la supervisione di Yoshihisa Yamamoto, professore di fisica applicata e ingegneria elettrica. Per prima cosa, “mettimi alla prova”. Proponendo di studiare la possibilità di effettuare calcoli quantistici con i fotoni, Si ricorda dell’esordiente dell’epoca. Ha spiegato che ciò non era possibile con le tecnologie esistenti all’epoca, ma le startup di oggi si stanno posizionando in questo spazio. »

Hai il 65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *