“Il mistero di Denisova” solleva il velo sui Denisovani, i nostri cugini più stretti

“Il mistero di Denisova” solleva il velo sui Denisovani, i nostri cugini più stretti

libro. Nel 2008, i ricercatori russi hanno trovato un piccolo osso di un dito nella grotta di Denisova ad Altai. Questa scoperta, che sembra insignificante, rivoluzionerebbe il quadro familiare della stirpe umana. Nel 2010, il team di Svante Pääbo (Istituto Max Planck di antropologia evolutiva di Lipsia) ha rivelato che queste falangi risalenti a circa 50.000 anni fa appartenevano a una giovane ragazza e potrebbero portare all'identificazione di ciò che i ricercatori non osavano ancora chiamare “nuovo”. “Classificare.”

Oggi questo status è stato confermato e abbiamo cominciato a indovinare le caratteristiche dei Denisoviani e le caratteristiche dell'enorme impero che si costruirono in Asia. Questa avventura scientifica è brillantemente raccontata dalla paleontologa Sylvana Condémy (CNRS, UMR ADES Università di Aix-Marseille) e dal giornalista François Savatier in Enigma di Denisovache i due procedono a decodificare.

Silvana Condimi espone onestamente i suoi dubbi iniziali sulla capacità della genomica di far luce su una nuova stirpe, basata su un fossile la cui analisi anatomica non ha consentito di trarre alcuna conclusione. Allo stesso tempo, Svante Pääbo e i suoi seguaci scioccarono i paleontologi quando dissotterrarono il genoma dell’uomo di Neanderthal, rivelando che si era effettivamente incrociato con la nostra stessa specie. Homo sapiens – qualcosa che mettono in discussione da alcuni mesi.

Uscire dalle “acque medie stagnanti”

Queste ferite all’autostima sembrano superate oggi, mentre il potere di scoprire il DNA antico – che ha portato Svante Pääbo a ricevere il Premio Nobel per la fisiologia e la medicina nel 2022 – è da allora saldamente consolidato. Al punto da aiutare i paleontologi umani, sottolineano gli autori, ad estrarsi gradualmente da… “Caos in mezzo”la “zona stagnante di mezzo”, un periodo compreso tra 800.000 e 100.000 anni fa, che ha prodotto le caratteristiche più antiche e moderne dei fossili umani fino a quel momento. “Impressione generale mista”.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Il Premio Nobel per la medicina viene assegnato a Svante Pääbo, che ha decifrato il genoma dell'uomo di Neanderthal

READ  Si può dire che questo fa parte di un antico pianeta più antico della Terra

Dal 2010 è stato descritto un altro Denisovano. Nella stessa Denisova, dove circa 100.000 anni fa viveva una razza mista, figlia di Neanderthal e Denisoviani. In Tibet, i Denisoviani sembrano averlo ereditato H. sano di mente I geni per l'adattamento all'altitudine In Laos un dente risalente a 150.000 anni fa è stato attribuito a una ragazza denisovana. Alla fine si potrebbe dimostrare che un gruppo di fossili asiatici, in particolare cinesi, di attribuzione incerta appartengono ai Denisoviani.

Questa è la tesi presentata dai nostri autori, che svelano anche lo scenario di una serie di viaggi di rappresentanti di questo genere omo Fuori dall'Africa: nel terzo episodio, in Europa, Homo rhodesiensis Conosciuto anche come Heidelberg Ci sarebbero stati discendenti di Neanderthal, ma in Asia sarebbero i Denisoviani, con aree sovrapposte nell'Altai, come abbiamo visto. Entrambi verranno sostituiti dalla nostra specie, apparsa in Africa circa 70.000 anni fa. Ma il resto di noi Il saggio Conserviamo dentro di noi, come notano Silvana Condémy e François Savatier, alcune tracce genetiche di questi parenti scomparsi.

Hai il 2,99% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *