La NASA scopre come nutrire gli astronauti diretti su Marte

L’astronauta Scott Kelly ha trascorso più di 520 giorni nello spazio.

NASA

Come mangiano le persone nello spazio? Le persone sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) non possono arrivare al Kentucky Fried Chicken per prendere un po ‘di pollo ai popcorn durante un venerdì sera libero. E l’ultima volta che ho controllato Uber Eats non sta fornendo servizi di consegna su Marte.

Il che fa sorgere la domanda: come intende la NASA nutrire i suoi astronauti diretti verso una possibile missione su Marte?

Sono contento che tu l’abbia chiesto. Gli scienziati dell’alimentazione Grace L Douglas, Sara R. Zwart e Scott M. Smith della NASA hanno recentemente pubblicato un articolo in Giornale nutrizionale Entra nei dettagli sull’argomento. Non hanno ancora tutte le risposte, ma stanno individuando i problemi principali.

Sulla Stazione Spaziale Internazionale, gli astronauti ricevono il 20% del loro cibo. Il restante 80% proviene da uno “standard alimentare comune”. Questo cibo viene introdotto tramite composti di rifornimento che apportano frutta e verdura fresca, nonché alimenti che possono essere conservati a lungo termine. Questo letteralmente non volerebbe una missione su Marte, quindi le cose sarebbero molto più difficili.

L’attuale strategia della NASA sembra concentrarsi su una serie di I principi di base e su di esso basa la sua strategia nutrizionaleSicurezza, stabilità, appetibilità, nutrizione, riduzione delle risorse, versatilità, affidabilità e facilità d’uso. È probabile che qualsiasi dieta creata richieda anche un nuovo hardware pronto per lo spazio.

Sembra che la NASA si occuperà di una serie di questioni diverse. La dieta deve essere affidabile, o le persone possono morire di fame, ma la diversità è fondamentale per una serie di ragioni: non solo dal punto di vista nutrizionale, ma per la salute psicologica dell’equipaggio a bordo. Il cibo è necessario per essere portato a bordo della nave, per ovvie ragioni, ma la NASA sembra pensare che sarà necessario anche coltivare cibo a bordo della nave. Tuttavia, quando ciò accade, sacrifichi l’affidabilità. E se il cibo smette di crescere?

Per aiutare a risolvere il problema, la NASA offre una ricompensa di $ 500.000Sfidare il cibo nello spazio profondoA partire da gennaio di quest’anno, la NASA offre quel mucchio di soldi a chiunque possa inventare un sistema che aiuterà ad affrontare tutti i problemi di alimentazione degli astronauti a lungo termine.

E come molte delle innovazioni che la NASA ha coltivato nel corso degli anni, questa innovazione potrebbe avere impatti di vasta portata sui restanti esseri umani sulla Terra: “Le soluzioni di questa sfida potrebbero aprire nuove strade per la produzione di cibo in tutto il mondo”, si legge nel sito , soprattutto negli ambienti. In situazioni di disagio, in aree con scarsità di risorse e in nuovi luoghi come le aree urbane e luoghi in cui i disastri interrompono le infrastrutture vitali “.

qualche idea?

READ  Abbiamo aspettato 800 anni per questo: perché dovresti andare a ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *