Perché il recente terremoto in Afghanistan fa luce sulla tettonica a placche

Nella notte del 22 giugno, forte terremoto scosse Le remote città e villaggi dei monti Salomone al confine tra di loro Afghanistan E il Pakistan. Molte case sono crollate lì Più di mille vittime. È chiamato il “terremoto di Khost”, dal nome di una città vicina con una popolazione di circa 150.000 abitanti.

Nell’area situata all’interfaccia tra la bobina placche tettoniche Indiano ed Eurasiatico – che anche, per la loro collisione, formano la catena montuosa più alta del nostro pianeta, Himalaya Questo raro evento è un doloroso promemoria delle questioni chiave associate a una migliore comprensione delle faglie e delle forze tettoniche all’opera.

Le prime osservazioni scientifiche del terremoto di Khost mettono in dubbio ciò che è noto (o che si pensa sia compreso) delle faglie vicine.

Bordo del pannello scorrevole quasi impercettibile

La placca indiana si sta spostando verso nord a una velocità di circa 3 centimetri all’anno, all’incirca alla stessa velocità con cui crescono le nostre unghie. ai suoi confini con Eurasia In Afghanistan e Pakistan, scivola lungo le faglie di scorrimento; Cioè, le piastre, come i treni trasversali, si muovono in direzioni opposte attraverso le faglie, senza scontrarsi l’una con l’altra.

Se le faglie fossero diritte, lisce e verticali, tutto scorrerebbe come binari, ma la verità è che questi confini delle placche sono deformati e spessi con milioni di anni di storia tettonica e movimenti più complessi del previsto.

Contesto e geografia tettonica del terremoto di Khost del 22 giugno 2022. Difetti segnati in rosso e confini nazionali tratteggiati – Manon Dalyson (via Conversazione)

Danni enormi

Era il terremoto del 22 giugno dimensione del momento » Stimato 6,0. Questa cifra indica un rilascio moderato di energia, più di mille volte inferiore Terremoto in Giappone 2011 associato Disastro di Fukushima, di magnitudine istantanea 9,1 (si dice che la scala della potenza istantanea sia “logaritmica”). In media, ci sono circa 100 terremoti della stessa entità in tutto il mondo ogni anno, ma pochi di essi si rivelano molto distruttivi.

READ  Concentrati sul miglioramento della fisica, delle cuffie e degli approcci in futuro

Due terremoti minori (magnitudo 4,5 e 4,3) nelle immediate vicinanze può essere rilevato Un’ora e tre giorni dopo. Queste sono le più grandi “scosse di assestamento” di questo terremoto che probabilmente ne avranno dozzine di altre, e sono molto più piccole e non rilevabili a causa della mancanza di sensori in quest’area.

Il rischio, infatti, può essere valutato solo confrontando le caratteristiche fisiche del sisma con i fattori di vulnerabilità dell’area, compresa la vicinanza della popolazione, e la resistenza delle strutture. Così, nel caso del terremoto di Khost, Sottolineato Che la straordinaria entità dei danni causati da un tale terremoto fosse in gran parte correlata alla fragilità degli edifici non supportati. Tuttavia si possono addurre altri fattori esplicativi, come la superficialità del terremoto (it Iniziato a 10 km) da un lato, e gli effetti dell’amplificazione delle onde sismiche locali associate alla natura del sottosuolo dall’altro.

Perché è difficile stimare il rischio sismico nella regione?

In generale, è l’analisi dei terremoti contemporanei e storici nella regione che costituisce la prima fonte di informazioni per cercare di prevedere l’ubicazione e l’entità dei terremoti futuri.

È andato Sono stati documentati pochissimi terremoti In questa regione, rispetto ad altri confini di placca, come quelli della California ad esempio, i più studiati al mondo. L’ultimo grande terremoto registrato vicino a Khost risale al 1956 e la sua magnitudo era stimato dal 6.7.

Lo sappiamo anche noi Kabul, la capitale afgana, distrutta da un terremoto nel 1505, e si narra che “la terra salì all’altezza di un elefante in alcuni punti e cadde molto in un altro”. Altri calcoli, insieme alle informazioni geografiche, hanno portato a stime che si trattasse di un terremoto di magnitudo 7,3, 90 volte più potente del terremoto del 2022.

L'intensità sismica di tre terremoti afgani: quelli avvenuti il ​​22 giugno 2022 e quelli avvenuti nel 1505 e 1956. Mentre le mappe dei terremoti contemporanei sono prodotte quasi in tempo reale attraverso attestazioni e stazioni sismiche collegate, la ricostruzione dell'intensità dei terremoti storici è stato piuttosto impressionante.  Un altro lavoro investigativo.  rappresentazione basata su
L’intensità sismica di tre terremoti afgani: quelli avvenuti il ​​22 giugno 2022 e quelli avvenuti nel 1505 e 1956. Mentre le mappe dei terremoti contemporanei sono prodotte quasi in tempo reale attraverso attestazioni e stazioni sismiche collegate, la ricostruzione dell’intensità dei terremoti storici è stato piuttosto impressionante. Un altro lavoro investigativo. Rappresentazione basata sulla “Scala Mercalli modificata” – Manon Dalison (tramite The Conversation)

Nel loro insieme, queste osservazioni non sono sufficienti per ottenere una visione accurata delle faglie sismiche attive lungo i confini di queste placche larghe più di 100 km. Pertanto, l’attuale conoscenza scientifica delle faglie in questa regione dipende in gran parte dalle tracce lasciate dai movimenti tettonici nel paesaggio e nella geologia.

READ  Uno studente indiano vince la NASA Moon To Mars App Development Challenge, e questa è l'app realizzata dal suo team

Dato il contesto geopolitico della regione, da diversi decenni i sismologi lavorano principalmente a partire da immagini satellitari, cioè con il “telerilevamento”. Vegetazione sparsa, collegata clima arido, favorevole all’osservazione della Terra e dei suoi movimenti tettonici. Tuttavia, se visti dal cielo, le faglie oggi attive e quei fossili ereditati dalla storia geologica non sono facilmente distinguibili.

Pertanto, sappiamo che il terremoto del 22 giugno 2022 si è verificato nelle immediate vicinanze di diverse faglie corte note, in una regione in cui il terreno mostra rigonfiamenti caratteristici di una regione compattata (blocchi su entrambi i lati delle faglie si scontrano e saltano su di esse). uno sopra l’altro), ma l’attività sismica di queste faglie è indeterminata. Possono accogliere lo slittamento? Quanto e in che direzione?

Primo sguardo realistico al movimento sismico

Parte della risposta è fornita dal “meccanismo di focalizzazione” di questo terremoto ottenuto nelle ore successive all’evento dai segnali registrati sulla rete globale delle stazioni sismiche.

I sismologi erano soliti rappresentare lo slittamento 3D di un terremoto su un “pallone da spiaggia” visto dal cielo. La palla a quattro quarti rossa e bianca è orientata con precisione in modo che il movimento sia dal bianco al rosso. I piani tra i quartieri identificano due potenziali difetti e altri dati, come immagini satellitari, per vedere quale rappresenta effettivamente il bug che è stato riprodotto. Nel nostro caso, i piani sono prossimi alla verticale e il movimento è ‘stripping’, cioè i due lati della faglia scivolano senza alcuna contrazione o estensione netta ad essi associata.

Il luogo del terremoto di Khost, il cui movimento è rappresentato dal meccanismo di messa a fuoco rosso e bianco.  La trama dei difetti noti è in rosso.  Vengono indicati i terremoti precedenti di magnitudo 6 o più e viene indicato l'anno in cui si sono verificati
Il luogo del terremoto di Khost, il cui movimento è rappresentato dal meccanismo di messa a fuoco rosso e bianco. La trama dei difetti noti è in rosso. Vengono indicati i precedenti terremoti di magnitudo 6 o superiore e viene indicato l’anno in cui si sono verificati – Manon Dallaison (via Conversazione)

Questa osservazione contraddice la nostra visione degli errori basati su di essa geologia E le immagini satellitari che ci dicono che lo slip action tra India ed Eurasia è diviso in due parti su scala locale. Grandi strutture scorrevoli che sono aree Sciamano si incrina La Garde che avrebbe ospitato un tale terremoto è più a est, mentre l’area in cui si è verificato il terremoto di Khost è associata a strutture identificate come “compressive”.

READ  Il lancio del volo di prova Starliner inizia entro e non oltre il 2 aprile - Spaceflight Now

Di conseguenza, questo terremoto ha sorpreso la comunità scientifica per i notevoli danni causati, ma anche per la direzione del movimento dell’onda d’urto, in un’area ritenuta in stato di compressione tettonica. È un elemento nuovo (tra gli altri) che aiuta a chiarire l’attuale geometria dei confini del dipinto e gli schemi del suo sviluppo nel passato e nel futuro.

Questa analisi è stata scritta da Manon Dalayson, ricercatore post-dottorato in geofisica presso l’École Normale Supérieure – Paris for Sciences and Letters.
L’articolo originale è stato pubblicato su Conversazione.

Dichiarazione di interesse
● Manon Dalaison ha ricevuto finanziamenti dall’ERC (European Research Council).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.