Tadashi Tokida, un mago della matematica non classificato

Tadashi Tokida, un mago della matematica non classificato

I matematici hanno l’abitudine di dividere la loro professione in due gruppi: quelli che lavorano con il gesso, alla lavagna, ei teorici. E chi lavora con il feltro, su supporti laminati, è più o meno esperto di matematica applicata. Il giapponese Tadashi Takeda appartiene a una terza categoria, nella quale non è impossibile che compaia da solo. I suoi strumenti, ha tirato fuori da una scatola di cracker di riso giapponesi. Sempre la stessa marca, Lui dice. Uno strano corpo di plastica, a volte tondo, a volte appuntito, a seconda di come lo si guardi. Elastici, elastici o graffette che maneggia come un mago. Fogli di carta, tagliati, piegati, annodati, ramificati dagli origami della sua infanzia. O un gigantesco pezzo che gira davanti a te su un tavolo dell’Institut Henri-Poincaré, tempio parigino della ricerca matematica, per avvicinarsi a modo suo alla “singolarità a tempo finito”, un tema classico. di disciplina. .

Tadashi Takeda si trova a Parigi. Invitato per tre mesi dal laboratorio di matematica della scuola di specializzazione, il professore della Stanford University della California tiene un seminario settimanale lì. “Cup Sings”, “Stone, Paper, Scissors, Potential”, “The Riddle of Evolution”: i titoli dei suoi discorsi sono sorprendenti, in questi luoghi è abituato a frasi misteriose, inafferrabili per i comuni mortali. Qui però nessuno può stupirsi, perché Tadashi Tokida è una star della disciplina. Non come la medaglia Fields Terrence Tao, il prolifico scavatore di armadietti sportivi, che ha anche trascorso le sue ultime settimane a Parigi. “Ma, se ci fosse stata una medaglia Fields per la pubblicazione della matematica, l’avrebbe ricevuta molto tempo fa.”Martin Andler, professore emerito all’Università di Versailles Saint-Quentin e instancabile sostenitore di un approccio ampio e gioioso alla disciplina. “Il modo in cui parte da cose molto semplici per rivelare una matematica profonda è unico al mondosaluta da parte sua Etienne Ghys, Segretario Permanente dell’Accademia delle Scienze, altro Maestro di Promozione e collaboratore del Quaderno di Scienza e Medicina. Quanto sono uniche le sue lezioni, che è più simile a uno spettacolo di magia che a uno spettacolo educativo. Tuttavia, gli spiega i suoi trucchi e li fa attraverso la matematica e la fisica. Sorprendente. »

Hai il 70,16% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

READ  In che modo i punti quantici collegano due tecnologie avanzate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *