Migliaia di monete in bronzo del IV secolo rinvenute in Sardegna

Migliaia di monete in bronzo del IV secolo rinvenute in Sardegna

Un subacqueo che ha avvistato un oggetto metallico al largo delle coste della Sardegna, in Italia, ha portato alla scoperta di decine di migliaia di antiche monete di bronzo.

Il Ministero della Cultura italiano ha detto sabato che il subacqueo aveva allertato le autorità, che hanno inviato subacquei assegnati a una squadra di protezione artistica insieme ad altri del dipartimento di archeologia subacquea del ministero.

Le monete risalenti alla prima metà del IV secolo furono rinvenute in praterie di posidonia, non lontano dalla costa nord-orientale dell’isola mediterranea. Il Ministero non ha specificato quando esattamente il primo subacqueo abbia avvistato qualcosa di metallico al largo della costa sarda, non lontano dalla cittadina di Arzachena.

Non è ancora stato determinato il numero esatto dei pezzi recuperati, poiché sono in fase di smistamento. Un comunicato del ministero stima che siano almeno 30.000, o addirittura 50.000, visto il loro peso collettivo.

Un’importante scoperta monetaria

Tutti i pezzi erano in ottimo e raro stato di conservazione., ha indicato il ministero. I pochi pezzi danneggiati recavano ancora iscrizioni leggibili, si legge nel comunicato stampa.

Il tesoro rinvenuto nelle acque di Arzachena rappresenta una delle più importanti scoperte monetarienegli ultimi anni, ha detto Luigi La Rocca, responsabile del dipartimento di archeologia della Sardegna.

Una foto resa disponibile dal Ministero dei Beni Culturali italiano che mostra alcuni degli antichi pezzi in bronzo rinvenuti.

Foto: AP

Il signor La Rocca ha aggiunto in una nota che la scoperta è avvenuta ulteriore prova della ricchezza e dell’importanza del patrimonio archeologico che i fondali dei nostri mari, attraversati da uomini e merci delle epoche più antiche, ancora oggi conservano e preservano.

READ  I nuovi ramponi all'inizio del 2021

Alla scoperta e al recupero dei pezzi hanno partecipato anche i sommozzatori dei vigili del fuoco e della polizia di frontiera.

Questi sono stati trovati principalmente in una vasta area sabbiosa tra le praterie di alghe e la spiaggia, ha detto il ministero. Considerata la posizione e la forma del fondale marino, potrebbero esserci resti di relitti nelle vicinanze, ha affermato il ministero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *