Mentre i bielorussi votano per elezioni “farsa”, Lukashenko rivela il suo piano di rielezione | Notizie sulle elezioni

Mentre i bielorussi votano per elezioni “farsa”, Lukashenko rivela il suo piano di rielezione |  Notizie sulle elezioni

Mentre l'opposizione boicotta le elezioni parlamentari e locali, il presidente, al potere dal 1994, afferma che intende candidarsi l'anno prossimo.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, al potere dal 1994, ha dichiarato che intende candidarsi per la rielezione l'anno prossimo, cosa che potrebbe estendere il suo controllo sul paese a 36 anni.

Putin ha parlato domenica mentre il paese, vicino e alleato della Russia, ha tenuto elezioni parlamentari e locali strettamente monitorate, che l'opposizione ha descritto come una farsa e ha definito il voto una “farsa senza senso”.

“Dite loro che vado a correre [2025] “Elezioni”, ha detto Lukashenko, secondo un canale di social media gestito dalla sua squadra. “Nessuno, nemmeno un presidente responsabile, abbandonerà il suo popolo che lo ha seguito in battaglia”.

Le elezioni parlamentari e locali – iniziate martedì e terminate domenica – sono il primo voto a livello nazionale dalle elezioni presidenziali del 2020, che hanno scatenato massicce proteste contro Lukashenko, che si ritiene abbia manipolato il risultato per estendere il suo governo decennale. .

Le elezioni sono destinate a consolidare il solido governo di Lukashenko nonostante le richieste di boicottaggio dell'opposizione.

Un venditore vende verdure accanto a volantini ufficiali che mostrano informazioni sui candidati parlamentari concorrenti, a Minsk, Bielorussia [AP Photo]

La leader dell’opposizione Svetlana Tsikhanouskaya, che vive in esilio nella vicina Lituania dopo aver sfidato Lukashenko alle elezioni del 2020, ha esortato gli elettori a boicottare le elezioni.

“Non ci sono persone al ballottaggio che possano apportare cambiamenti reali perché il regime ha permesso solo ai suoi burattini di partecipare”, ha detto Tsikhanouskaya in una dichiarazione video.

“Cerchiamo di essere chiari: il tentativo del regime di utilizzare queste elezioni farsa per legittimare il proprio potere non avrà successo. Lei ha detto che il popolo bielorusso si rende conto di questo inganno e ha esortato la comunità internazionale a non riconoscere il risultato del voto.

READ  Crisi dello Sri Lanka: i manifestanti prendono d'assalto la casa del presidente e si rinfrescano in piscina | notizie dal mondo

La maggior parte dei candidati appartengono a quattro partiti filo-regime a cui è stato permesso di registrarsi: Bielorussia, Partito Comunista, Partito Liberal Democratico e Partito Lavoro e Giustizia.

Tutti questi partiti sostengono le politiche di Lukashenko. Lo scorso anno ad altri dieci partiti è stata negata la registrazione.

Lukashenko ha avvertito che le autorità hanno “imparato la lezione” dalle proteste del 2020 e che non ci saranno “ammutinamenti” durante le elezioni di domenica.

Il mese scorso, il potente servizio di sicurezza bielorusso del KGB ha organizzato una serie di raid che, secondo i gruppi per i diritti umani, avevano preso di mira le famiglie dei prigionieri politici.

Secondo il principale gruppo per i diritti umani Viasna, attualmente nelle carceri bielorusse ci sono 1.419 detenuti politici. Tra gli arrestati c'è il famoso difensore dei diritti umani Ales Bialiatski, vincitore del Premio Nobel per la pace nel 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *