Sono in corso nuove iniziative globali per rilanciare gli sforzi volti ad affrontare il cambiamento climatico e migliorare la qualità dell’aria

Sono in corso nuove iniziative globali per rilanciare gli sforzi volti ad affrontare il cambiamento climatico e migliorare la qualità dell’aria

Rappresentanti di governi e organizzazioni che collaborano all’interno della Coalizione per il clima e l’aria pulita (CCAC), convocata dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), hanno lanciato una serie di iniziative globali incentrate sull’affrontare le questioni interconnesse del cambiamento climatico, dell’inquinamento e della biodiversità. Perdita.

All’annuale incontro ministeriale sul clima e l’aria pulita tenuto dalla Commissione sul clima e l’aria pulita a Nairobi, in Kenya, in vista della sesta sessione dell’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEA-6), i paesi e i partner partecipanti hanno svelato un nuovo importante documento sull’ambiente pulito iniziativa aerea.

Questa iniziativa è progettata per rafforzare la cooperazione regionale, coinvolgere il settore privato, dare priorità alle azioni politiche basate sui dati, garantire finanziamenti, promuovere la ricerca scientifica e sostenere la conservazione ambientale.

Rappresentanti dei settori pubblico, privato e no-profit si sono incontrati per discutere le strategie per amplificare l'attuazione degli impegni dei paesi per ridurre le emissioni, in particolare attraverso iniziative come il Global Meater Pledge e l'Emendamento di Kigali. L’attenzione si è concentrata sulla promozione di azioni di trasformazione in vari settori.

La conferenza ha inoltre esaminato i progressi nell’aumento dei finanziamenti e nell’attuazione di politiche efficaci per ridurre le emissioni di inquinanti climatici di breve durata (SLCP) come metano, nerofumo e idrofluorocarburi (HFC). Questi inquinanti sono noti per essere il modo più rapido ed economico per mitigare l’aumento della temperatura a breve termine e migliorare la qualità dell’aria.

Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e il CCAC hanno presentato congiuntamente un nuovo rapporto intitolato “Veicoli pesanti usati (HDV) e l’ambiente”. Il rapporto evidenzia un aumento significativo di oltre il 30% delle emissioni di CO2 associate ai veicoli pesanti dal 2000. Fornisce una tabella di marcia per ridurre le emissioni in questo settore attraverso la standardizzazione, il monitoraggio e l’adozione di strategie di tariffazione più ecologiche.

READ  السعودية: السلالة الجديدة لفيروس كورونا لا تصيب بالمرض الشديد - سياسة - أخبار

Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP, ha sottolineato l’urgente necessità di affrontare i superinquinanti e ha esortato i paesi a incorporarli nei loro contributi determinati a livello nazionale (NDC) man mano che li aggiornano. Ha sottolineato l’importanza di finalizzare le tabelle di marcia del metano e di trovare meccanismi di finanziamento innovativi per sostenere il lavoro.

“Proprio come serve un supereroe per sconfiggere un supercriminale, abbiamo bisogno di soluzioni da supereroi per affrontare i superinquinanti. E abbiamo bisogno che tu padroneggi queste soluzioni.”

Riconoscendo il ruolo fondamentale delle città nella lotta all’inquinamento e al cambiamento climatico, Andersen ha sottolineato il loro accesso limitato ai finanziamenti. Ha sottolineato gli sforzi del CCAC per facilitare le discussioni sulla governance multilivello, comprese le partnership con la rete C40 Cities.

I partner hanno inoltre accolto con favore la creazione del team di valutazione economica e tecnologica del CCAC con l'obiettivo di colmare il divario tra tecnologie e finanza. Il comitato si concentrerà sulla valutazione dei costi delle misure, sull’esplorazione di modelli di business praticabili e sull’eliminazione degli ostacoli all’aumento dei finanziamenti per il clima.

Ibrahim Ouma, ministro della contea verde di Nairobi, sottolinea che i paesi sono ancora lontani dal raggiungere l’obiettivo di aria pulita, acqua pulita e un pianeta sano. Sottolinea l’importanza di trasformare i piani stabiliti in azioni concrete e di creare istituzioni forti. In assenza di un’attuazione efficace, avverte, il pianeta rimarrà a rischio, l’inquinamento atmosferico persisterà e le fonti idriche rimarranno inadatte al consumo.

“Senza questo, il pianeta rimarrebbe in pericolo, la nostra aria sarebbe sporca e la nostra acqua imbevibile”.

Peter Dery, copresidente dell’Alleanza per il clima e l’aria pulita e Direttore della divisione Ambiente presso il Ministero dell’ambiente, della scienza, della tecnologia e dell’innovazione del Ghana, ha elogiato l’Alleanza per il clima e l’aria pulita per aver incarnato i principi di un forte multilateralismo e di partenariato.

READ  Donna britannica lascia il lavoro per vivere una vita senza stress con papà: "Non mi sento turbata"

Ha sottolineato il ruolo del Ghana come membro fondatore, dando l'esempio incorporando gli inquinanti climatici di breve durata e altri inquinanti atmosferici nell'inventario nazionale ufficiale dei gas serra presentato alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Elizabeth Watuti, attivista ambientale keniota e fondatrice della Green Generation Initiative, ha sottolineato l’importanza fondamentale dell’aria pulita e di un clima stabile. Ha descritto il processo della respirazione come l'essenza della vita, ma ha espresso il suo rammarico per il fatto che sia diventato pericoloso per molte persone in tutto il mondo a causa dell'inquinamento e delle difficoltà causate dal clima.

Watoti ha sottolineato che l’impegno per l’aria pulita e un clima stabile non è solo una questione ambientale, ma piuttosto una lotta fondamentale per il diritto alla vita.

Disclaimer: I punti di vista, i commenti, le opinioni, i contributi e le dichiarazioni fatte dai lettori e dai contributori su questa piattaforma non rappresentano necessariamente le opinioni o la politica di Multimedia Group Limited.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *