I referendum e la crisi RTÉ dominano l’agenda politica

I referendum e la crisi RTÉ dominano l’agenda politica

Qui diamo uno sguardo agli argomenti che domineranno il discorso politico la prossima settimana.

Crisi RTÉ

Lo scandalo RTÉ non mostra segni di cedimento e continuerà a essere un grande argomento di discussione.

Le dimissioni del presidente della RTÉ Siún Ní Raghallaigh seguono ulteriori rivelazioni di ingenti pagamenti a personale di alto livello.

Il Ministro dell'Informazione Catherine Martin non ha espresso in diretta la sua fiducia alla Sig.ra Ní Ragalai, costringendola a presentare la lettera di dimissioni nelle prime ore del mattino.

Da allora Martin ha dovuto affrontare critiche significative da parte dei partiti di opposizione, con i laburisti che hanno affermato che la sua posizione era “insostenibile”.

È stata fortemente sostenuta dai colleghi della coalizione come il Taoiseach Leo Varadkar e il ministro della Giustizia Helen McEntee.

Tuttavia, è improbabile che questa sia la fine della discussione. Lo Sinn Féin ha invitato la sig.ra Martin a rispondere alle domande sulla crisi RTÉ nel Dáil questa settimana.

Referendum

Venerdì 8 marzo i cittadini irlandesi saranno chiamati a votare in due referendum per modificare la Costituzione e fornire un concetto più ampio di famiglia e di ruolo della donna nella società.

Le proposte, denominate Emendamento sulla Famiglia e Emendamento sul Welfare, apporteranno modifiche al testo dell'articolo 41 della Costituzione.

Il governo e gran parte dell'opposizione sostengono il voto positivo su entrambi gli emendamenti.

Ontu è l’unico partito che sostiene il “no”. Tuttavia, alcuni rappresentanti e senatori indipendenti stanno facendo lo stesso.

Alcuni critici hanno anche affermato che un referendum non aiuterebbe la situazione degli operatori sanitari, quindi questo sarà un argomento nel Dáil.

Clicca qui per una guida completa su ciò su cui voteremo.

READ  Richiedere una riforma radicale mentre l’istruzione in Galles si trova ad affrontare risultati in calo e una crescente disuguaglianza

al di fuori

Negli Stati Uniti, Donald Trump ha vinto in modo convincente le elezioni primarie repubblicane nella Carolina del Sud, dando un altro duro colpo alla sua recente rivale nel partito, Nikki Haley.

La signora Haley, che ha ricoperto il ruolo di governatrice, si è impegnata a continuare la sua campagna, ma realisticamente non sembra esserci alcuna strada per lei per ottenere la nomina del partito.

L’altra grande storia politica è la legge sugli aiuti esteri proposta dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Questo piano vedrà 14 miliardi di dollari stanziati a Israele come parte del conto di 95 miliardi di dollari per gli aiuti esteri. Ciò ha portato a severe critiche all'interno del suo partito.

È passato con un voto bipartisan al Senato e ora passerà alla Camera a guida repubblicana.

Anche nel Regno Unito ci sono molti disordini politici.

Irlanda

La teoria del professor Maynooth è diventata centrale per…

Sir Lindsay Hoyle sta affrontando continue pressioni per dimettersi dalla carica di presidente della Camera dei comuni britannica dopo che quasi 70 membri lo hanno invitato a dimettersi.

La controversia ruota attorno alla sua gestione del dibattito sul cessate il fuoco a Gaza, sfociato nel caos alla Camera dei Comuni.

Nel frattempo, il partito conservatore del primo ministro Rishi Sunak si trova ad affrontare ulteriori polemiche.

Ciò avviene dopo che il politico senior dei Tory Lee Anderson ha sospeso la presidenza dei conservatori in seguito alla sua affermazione, ampiamente criticata, secondo cui il sindaco di Londra Sadiq Khan era controllato dagli “islamisti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *