Macron attacca Le Pen per i suoi legami con la Russia mentre si avvicinano le elezioni presidenziali

Il presidente francese Emmanuel Macron ha attaccato la sua rivale di estrema destra Marine Le Pen per i suoi legami con la Russia e il sospetto dell’Unione Europea in una partita per ottenere i voti di cui ha bisogno per vincere un altro mandato di cinque anni.

Nel loro unico dibattito televisivo prima che gli elettori parlassero al ballottaggio di domenica, Macron ha cercato di ritrarre Le Pen come fondamentalmente inaffidabile, accusandola di disonestà nelle sue promesse elettorali.

Le Pen, che è stata sconfitta da Macron alle ultime elezioni presidenziali cinque anni fa, stavolta va meglio nei sondaggi anche se è ancora dietro l’incumbent.

Il presidente francese è stato particolarmente esplicito nelle sue critiche a un prestito che il partito di Le Pen ha preso nel 2014 da una banca russo-ceca. Ha detto che il debito significava che se fosse stato eletto presidente, le mani di Le Pen sarebbero state legate quando si trattava del Cremlino.

“Parli con il tuo banchiere quando parli della Russia, questo è il problema”, ha detto Macron al dibattito serale, che avrebbe dovuto essere seguito da milioni di persone.

“Hai fatto una scelta che è stata, ovviamente, una limitazione al tuo status politico e non ti rende indipendente su questo tema”, ha detto Macron.

La gente osserva il presidente francese Emmanuel Macron durante il dibattito di questa sera.

Le Pen era allarmata dal suggerimento di Macron di essere vincolata alla Russia. Si è definita “totalmente libera”. Ha detto che il suo partito stava rimborsando il prestito e lo ha definito “disonesto” per aver sollevato la questione.

READ  KORONAVÍRUS Kamarátky (29, 28) išli dovolenkovať na Ibizu: Netušili, aká pohroma ich tam čaká!

Macron, un centrista europeista, è emerso prima del primo turno del 10 aprile ed è in testa alle urne.

Ma Le Pen, una nazionalista anti-immigrazione che ha guadagnato quest’anno sfruttando la rabbia per l’inflazione, ha ridotto drasticamente il divario nel sostegno pubblico rispetto al 2017, quando ha perso il 34% dei voti contro il 66% di Macron.

# Aprire la stampa

Nessuna notizia è una cattiva notizia
supporto rivista

è tuo contributi Ci aiuterai a continuare a fornire le storie che contano per te

Sostienici ora

Entrambi i candidati si erano preparati con cura per il dibattito di mercoledì. Ma Le Pen ha avuto un inizio infausto: dopo che è stata scelta per parlare per prima, lo ha fatto prima che la canzone di apertura del dibattito finisse di suonare. Inudibile a causa della musica, ha dovuto fermarsi e ricominciare da capo. Mi scusai.

Appena iniziato il duello, Macron ha messo subito Le Pen sulla difensiva. Concentrati sul suo curriculum elettorale come legislatore e metti in dubbio la sua comprensione dei numeri economici.

Nel 2017, un dibattito simile ha inferto un colpo fatale alla sua campagna.

Entrambi i candidati devono ampliare il sostegno prima del voto di domenica. Molti francesi, soprattutto di sinistra, dicono di non sapere ancora se andranno alle urne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.