Lo studio rileva che gli insetti potrebbero essere in grado di provare dolore

Il fatto che gli insetti provino dolore o meno è oggetto di molti dibattiti tra gli scienziati. In uno studio pubblicato martedì, un team di ricercatori ha affermato che questi animali sviluppano un meccanismo biologico che suggerisce che potrebbero già avere un’esperienza soggettiva con il dolore.

Il giornale pubblicato sulla rivista Atti della Royal Society B: Scienze biologiche, suggerisce in primo luogo di ricordare la distinzione tra il cosiddetto dolore e l’esperienza soggettiva negativa del dolore. Concretamente, la sensazione di dolore è definita come un mezzo per separare il processo fisiologico di rilevamento degli stimoli nocivi dall’esperienza soggettiva percepita del dolore.

Sappiamo che il dolore è spesso accompagnato dalle sensazioni di dolore negli esseri umani e in altre creature complesse. Sappiamo anche che gli insetti Capace di semplici riflessi nocicettivi. Se riscaldi il pavimento di un contenitore contenente una mosca, ad esempio, quella mosca si allontanerà rapidamente dalla superficie. Quindi gli insetti reagiscono a stimoli dannosi. Tuttavia, è sempre stato difficile concludere se le reazioni nocicettive possono essere accompagnate da un vero dolore in questi organismi.

Allora come facciamo a distinguere tra una reazione semplice e un’esperienza dolorosa più complessa? Questo nuovo articolo, scritto da tre ricercatori, si riferisce qui a un concetto chiamato In ordine decrescente di gesti.

Modifica il tuo trattamento nocicettivo

Questo concetto si riferisce a una sorta di livello superiore di attività del sistema nervoso in cui l’organismo Il suo trattamento nocicettivo può essere regolato in base a una situazione specifica. Nei mammiferi, ad esempio, questa capacità è svolta dai neuroni.

Una caratteristica della percezione del dolore umano è che può essere modulata dai segnali nervosi del cervello‘, dettagli Matilda Gibbons, che ha co-firmato questo articolo. Ad esempio, i soldati a volte non sono consapevoli di gravi ferite sul campo di battaglia perché gli stessi oppioidi del corpo sopprimono il segnale che causa dolore. Puoi anche “digrignare i denti” consapevolmente e sopportare il doloreUn altro esempio potrebbe essere un animale ferito in combattimento: la riduzione del trattamento nocicettivo può aumentare le sue prestazioni assicurando che non venga sprecato tempo o energia per rispondere alla lesione.

READ  "È possibile che il virus continui a mutare e sia un problema con il vaccino".

Tuttavia, raramente è stato studiato se gli insetti possiedano tale controllo o anche i circuiti neurali necessari per farlo. Concretamente, quindi, i ricercatori hanno cercato di scoprire se si trattasse di insetti o meno Indipendentemente dal fatto che abbiano o meno la capacità di controllare o modificare la loro vegliaun fattore che caratterizza l’esperienza soggettiva del dolore degli animali.

Dopo aver esaminato un corpo di prove neurologiche e comportamentali, gli autori hanno scoperto che questi organismi probabilmente hanno un sistema nervoso per smorzare le loro risposte a stimoli potenzialmente dolorosi in modo che possano adattare in modo flessibile il loro comportamento, come gli esseri umani. ” Quindi, se gli insetti hanno questa capacità, è anche possibile che gli insetti abbiano sviluppato un percorso simile al nostro per affrontare i sentimenti di dolore.‘”, osservano gli autori.

Gli insetti possono provare dolore. Crediti: ElinaElena/Pixabay

preoccupazioni etiche

A differenza dei mammiferi, gli insetti non hanno geni per i recettori degli oppioidi. E quindi , Altri meccanismi neurochimici Dovrebbe quindi essere strumentale, poiché un certo numero di neuropeptidi come la drosulfachinina, l’atostatina-C e la leucochinina potrebbero essere potenziali fattori di dolore negli insetti.

Poiché non esiste un modo diretto per misurare l’esperienza del dolore soggettivo di un animale, gli autori considerano questi risultati estremamente importanti. ” Non possiamo chiedere a questi animali le loro esperienze o notare manifestazioni come cipiglio o deformità facciali, come potremmo nel caso del dolore in un cane. Pertanto, l’esistenza di meccanismi neurali che possono alleviare il dolore negli insetti è una scoperta importante.‘, sottolinea il dottor Gibbons NEWSETTIMANA.

Questo ultimo studio arriva in un momento in cui la percezione pubblica e la legislazione riguardo ad alcuni invertebrati come Piovre Dove iniziano a svilupparsi le aragoste. Pertanto, questo nuovo articolo può cambiare il modo in cui vengono trattati gli insetti Nei contesti dell’agricoltura e della ricerca.

READ  Potrebbero essere state trovate parti dell'asteroide

Il Le implicazioni etiche non sono state ancora considerate, in parte perché molti politici ritengono che non ci sia nulla che gli insetti possano considerare.‘, conferma Sajida Sarlak, coautrice di quest’opera. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere questi processi che causano dolore negli insetti, poiché la produzione di massa di questi organismi per il cibo è in rapido aumento in tutto il mondo.“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.