Lo studio dice che il bradipo terrestre di Darwin era un mangiatore opportunista

nuova ricerca Pubblicato sulla rivista Rapporti scientifici Fornisce la prima prova diretta di onnivoro Nell’antica specie di bradipo.

Ricostruzione del bradipo terrestre di Darwin (melodon darwinianoSi nutre di carcasse di erbivori ungulati Macauchenia. Questi mammiferi estinti vagavano per il paesaggio pleistocenico in Patagonia e in altre parti del Sud America ad alte e medie latitudini, come questo ricostruito circa 12.000 anni fa di fronte alla famosa Grotta del Melodon (Cueva del Melodon) nel sud del Cile. Credito immagine: Jorge Blanco.

benché Sei specie vive di bradipo Tutti sono relativamente piccoli abitanti degli alberi erbivori limitati alle foreste tropicali dell’America centrale e meridionale e centinaia di specie estinte di bradipo – alcune delle dimensioni di un elefante – vagare Antichi paesaggi dall’Alaska alla punta meridionale del Sud America.

Uno di questi giganti, il Bradipo di terra di Darwin (melodon darwiniano)e Abitare In Sud America tra 1,8 milioni e 12.000 anni fa.

Le specie estinte erano lunghe tra 3 e 4 metri (10-13 piedi) e pesavano tra 1 e 2 tonnellate.

Sulla base delle caratteristiche dentali, della biomeccanica della mascella, degli escrementi conservati di alcune specie fossili molto recenti e del fatto che tutti i bradipi viventi sono erbivori, è stato a lungo ipotizzato che anche il bradipo terrestre di Darwin e i suoi parenti estinti siano erbivori.

Ha detto la dottoressa Julia Tejada, ricercatrice presso l’Università di Montpellier, il Museo Americano di Storia Naturale, la Columbia University, il Museo di Storia Naturale-UNMSM.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato un approccio innovativo chiamato analisi isotopica del complesso di amminoacidi.

Si trovano in proporzioni variabili nel cibo consumato dall’animale e gli isotopi di azoto stabili sono conservati anche nei tessuti del corpo, compresi i capelli e altri tessuti cheratinizzati come le unghie, così come nel collagene che si trova nei denti o nelle ossa.

READ  Gli astronomi osservano da vicino l'epica esplosione

Analizzando prima i valori di azoto degli amminoacidi in un’ampia varietà di erbivori e carnivori moderni per determinare una chiara indicazione del consumo di una miscela di alimenti vegetali e animali, i fossili possono quindi essere misurati per determinare il cibo che consumano.

Ciò fornisce ai paleontologi una finestra unica direttamente sulla dieta degli animali, consentendo loro di determinare il loro livello nutrizionale, siano essi onnivori, carnivori, carnivori o consumatori specializzati di animali marini.

“I metodi precedenti si sono basati esclusivamente su analisi combinate dell’azoto e formule complesse che contengono molte ipotesi non testate o scarsamente supportate”, ha affermato il dott. John Flynn, ricercatore presso l’American Museum of Natural History e la Columbia University.

“Il nostro approccio analitico e i risultati mostrano che molte delle precedenti conclusioni sui livelli tropicali non sono ben supportate nella migliore delle ipotesi, o sono chiaramente sbagliate e fuorvianti nella peggiore delle ipotesi”.

Gli scienziati hanno utilizzato campioni di sette specie viventi ed estinte di bradipi e formichieri, nonché di un’ampia varietà di carnivori moderni.

Mentre l’altro bradipo estinto nello studio, il bradipo Bradipo di terra in Nord America (Nothrotheriops shastensis)Intento ad essere esclusivamente un erbivoro, i dati indicavano chiaramente che il bradipo terrestre di Darwin era un carnivoro.

“Questi risultati, che forniscono la prima prova diretta della presenza di carnivori nelle antiche specie di bradipi, richiedono una rivalutazione dell’intera struttura ecologica delle antiche comunità di mammiferi sudamericani, dove i bradipi hanno rappresentato una componente importante di questi ecosistemi negli ultimi 34 milioni. anni”, il dott. ha detto Tejada.

_____

JV Tejada e altri. 2021. I dati sugli isotopi degli amminoacidi indicano che il bradipo di Darwin non era un erbivoro. rappresentante della scienza 11, 18944; doi: 10.1038/s41598-021-97996-9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *