L’impatto del contenimento sull’economia misurato da Google

TRIBUNE è gratuito

Poiché l’Europa ha chiuso i battenti per la seconda volta quest’anno, guardiamo di nuovo ai numeri di Google sulla mobilità della popolazione per valutare l’impatto del contenimento. Il grafico sottostante mostra l’andamento delle presenze e del tempo trascorso nel settore della distribuzione e dell’intrattenimento, uno dei settori più colpiti dalla pandemia. I dati coprono i principali paesi sviluppati e si riferiscono alla situazione com’era due o tre giorni fa. Questo ritardo di tempo corrisponde al tempo necessario per raccogliere i dati.

Non sorprende che il contenimento sia meno rigoroso del contenimento primaverile, ma colpisce alcuni paesi più di altri. Finora, la maggiore contrazione dell’attività economica si è verificata in Francia, che dal 30 ottobre ha imposto misure di contenimento alquanto severe e che si prevede si protrarranno oltre la scadenza originariamente prevista per il 1 dicembre. . La scorsa settimana, il primo ministro francese ha avvertito in un discorso televisivo che le grandi restrizioni potrebbero durare almeno fino alle vacanze di Natale.

>> Leggi anche – Ristoranti illegali a Marsiglia in fase di prenotazione

Crediamo che altri paesi europei faranno lo stesso e si asterranno dal ripetere gli stessi errori verificatisi nel terzo trimestre, durante il processo di disgregazione. Riteniamo che le restrizioni verranno mantenute nei prossimi mesi, possibilmente fino alla prossima primavera, e che la loro portata dipenderà dall’evoluzione dell’epidemia.

Saxo Bank (con MacroBond)

Nel caso della Francia, le visite a supermercati e luoghi di intrattenimento sono diminuite del 55% rispetto al benchmark, contro un calo dell’88% durante il contenimento più rigoroso della scorsa primavera. Molto forte anche la diminuzione del traffico nelle stazioni di transito (-47%), e si osserva un andamento simile per le visite sul posto di lavoro (-31%) che riflette la volontà del governo di promuovere il telelavoro.

READ  Sono venuti da Barbados, Johannesburg, Verona e Connecticut per studiare e vogliono restare

Possiamo trarre due conclusioni dalla situazione in Francia. A differenza della prima ondata di pandemia, questa volta il governo è riuscito a trovare il giusto equilibrio tra la tutela della salute delle persone e la tutela dell’economia. Il ricontenimento potrebbe causare una contrazione del PIL del 4% -5% nel quarto trimestre, dopo l’erosione del 13,8% nel secondo. Inoltre, sembra che i cittadini francesi stiano ampiamente rispettando le misure di allontanamento fisico. L’applicazione di un approccio più mirato alla lotta contro l’epidemia e la forte tendenza dei francesi a rispettare le nuove restrizioni hanno permesso di ridurre il tasso di nuove infezioni in meno di due settimane.

>> Iscriviti alla nostra newsletter aziendale e di mercato

Anche altri paesi del nostro campione hanno registrato una contrazione dell’attività economica, ma più contenuta rispetto alla Francia. Le visite a supermercati e luoghi di intrattenimento sono diminuite del 47% nel Regno Unito, del 34% in Italia e del 31% in Germania. In questi tre paesi, le restrizioni sono meno rigorose che in Francia. Ad esempio, nessuno di questi paesi ha messo in atto un certificato di viaggio che ti consenta di lasciare la tua casa per motivi molto specifici (un appuntamento medico o un viaggio da e verso il lavoro).

Infine, all’altra estremità dello spettro, troviamo due paesi con poche restrizioni: il Giappone e gli Stati Uniti. In Giappone, la mancanza di qualsiasi diminuzione dell’attività è spiegata dalla gestione efficace dell’epidemia di COVID-19 (il numero di nuovi casi è sceso a 1.459 ieri), mentre negli Stati Uniti, tutti indicano che la situazione sanitaria si deteriorerà rapidamente perché il Paese è stato duramente colpito dalla seconda ondata. .

READ  Matthias Schoenarts è il nuovo Django

>> Leggi anche – CovidTracker: un simulatore di rischio interessante ma non del tutto affidabile

Negli ultimi due giorni, diversi stati hanno implementato nuove restrizioni, che devono ancora apparire nei dati di navigazione di Google a causa del lasso di tempo tra la raccolta e la pubblicazione dei dati. 31 paesi hanno deciso di adottare nuove misure per combattere la diffusione di COVID-19. Dovremmo quindi vedere un forte calo dell’attività nei prossimi 2-3 giorni, soprattutto per quanto riguarda le visite a supermercati e luoghi di intrattenimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *