LightSail 2 è nello spazio da 30 mesi, aprendo la strada a future missioni di alianti solari

Questa immagine scattata dalla navicella spaziale LightSail 2 della Planetary Society il 13 novembre 2020 mostra le Filippine settentrionali e il tifone FAMCO. Il nord è più o meno in alto a destra. Spectraline (un materiale tipo lenza da pesca) che originariamente teneva chiusi i pannelli della navicella spaziale può essere visto in basso a destra e a sinistra. I colori dell’immagine sono stati regolati e alcune distorsioni dell’obiettivo fisheye sono state rimosse. Credito: Società Planetaria

Anche dopo 30 mesi nello spazio, La missione LightSail 2 della Planetary Society Continua con successo a “Sail on Sunshine” dimostrando la tecnologia della vela solare nell’orbita terrestre. La missione è fornire dati solidi per missioni future che sperano di utilizzare le vele solari per esplorare l’universo.

LightSail 2, un mini cubo, lanciato a giugno 2019 su a spazioX Falcon Heavy, come missione dimostrativa per testare quanto bene una vela solare possa cambiare l’orbita di un veicolo spaziale. Un mese dopo il lancio, quando LightSail 2 ha lanciato la vela Mylar ultrasottile di 32 metri quadrati, la missione è stata dichiarata un successo perché la vela ha sollevato l’orbita della piccola navicella spaziale.

“Stiamo andando a un’altitudine orbitale più elevata senza carburante per razzi, semplicemente spingendo la luce solare”, ha dichiarato Bill Nye, CEO della Planetary Society (TPS) in una conferenza stampa successiva alla pubblicazione. “L’idea che tu possa guidare una navicella spaziale e essere spinto nello spazio da qualsiasi cosa tranne i fotoni, è una sorpresa, e per me è così romantico che tu stia navigando sulla luce del sole”.

READ  "Un vero incontro con l'universo"...apre in Cina il più grande museo di astronomia del mondo

TPS, i cui membri hanno finanziato la missione da 7 milioni di dollari, ha affermato di condividere i dati della missione con essa NASA Per aiutare tre imminenti spedizioni di alianti solari: NEA Scoute incrociatore solare, E ACS3. Il NEA Scout dovrebbe decollare nello spazio lunare già nel febbraio 2022 su un razzo NASA Space Launch System durante il volo di prova Artemis I. La missione utilizzerà la sua vela solare per lasciare l’oceano lunare e visitare un asteroide.

Le vele solari utilizzano la potenza dei fotoni del sole per spingere i veicoli spaziali. Sebbene i fotoni non abbiano massa, possono comunque trasferire una piccola quantità di quantità di moto. Quindi, quando i fotoni colpiscono la vela solare, l’imbarcazione viene spinta leggermente lontano dal sole. Nel tempo, se il veicolo spaziale fosse nello spazio senza che l’atmosfera lo appesantisse, probabilmente accelererebbe a velocità incredibilmente elevate.

Un veicolo spaziale con una vela solare non avrebbe bisogno di trasportare carburante, e quindi potrebbe teoricamente viaggiare per periodi di tempo più lunghi, perché non avrebbe bisogno di fare rifornimento.

Ma LightSail 2 è in orbita terrestre. Quando l’astronave oscilla nelle sue vele alla luce del sole, alza la sua orbita fino a poche centinaia di metri al giorno. Ma la piccola navicella non ha i mezzi per inclinare le vele in modo abbastanza preciso da impedire che la sua orbita declini dall’altra parte del pianeta. Alla fine, LightSail 2 si immergerà troppo nell’atmosfera terrestre per soccombere alla resistenza atmosferica. Si decomporrà e brucerà.

Cile di LightSail 2

LightSail 2 ha catturato questa foto del Cile il 17 febbraio 2020. La distesa di sale di Uyuni in Bolivia può essere vista in alto al centro. Il nord ha ragione. La vela appare leggermente curva a causa del mirino fish-eye a 185 gradi della navicella. Il colore dell’immagine è stato regolato e alcune distorsioni sono state rimosse. Credito: Società Planetaria

Dice un recente aggiornamento da TPS LightSail 2 si trova attualmente a circa 687 chilometri sopra la Terra.

“Grazie al percorso ottimale della vela nel tempo”, ha scritto Jason Davis di TPS, “i tassi di diminuzione dell’altezza negli ultimi mesi sono stati i migliori dell’intera missione”. La spinta a volte superava persino la resistenza dell’atmosfera, determinando un leggero aumento dell’orbita della navicella. Inoltre, l’attività solare al di sotto della media ha mantenuto debole l’atmosfera superiore della Terra durante la maggior parte della missione, riducendo la resistenza sulla vela”.

Ma il sole è recentemente diventato più attivo, Emissione di grandi brillamenti solari. Il team di LightSail 2 ritiene che questa attività stia ora probabilmente causando tassi di decadimento orbitale più elevati rispetto a quanto visto in precedenza nella missione. Tuttavia, gli ingegneri della missione stimano che il veicolo spaziale possa rimanere in orbita per almeno un altro anno.

Nel frattempo, mentre il veicolo spaziale continua a inviare immagini straordinarie dall’orbita, gli ingegneri continuano a raccogliere idee che possono essere trasferite a missioni future.

Notevole: Se hai intenzione di visitare lo Smithsonian a Washington, D.C., i modelli LightSail 2 faranno parte di una nuova esposizione a Galleria FUTURES di SmithsonianUna collezione di arte e tecnologia che mette in mostra il futuro dell’umanità. La nuova mostra inizia il 20 novembre 2021 presso l’Arts and Industries Building sul National Mall di Washington, DC e durerà fino a luglio 2022. Maggiori informazioni da TPS qui.

Originariamente inviato in universo oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *