Perché pensiamo – i filosofi rispondono

Un pensiero è un’immagine del mondo o una simulazione del mondo che creiamo nella nostra mente. E lo creiamo con l’aiuto dei sensi.

Molti di noi hanno pensato O in parole o immagini. Chi pensa alle parole sente una voce interiore che discute avanti e indietro, mentre chi pensa alle immagini attraverso impressioni sensoriali può voltarsi e guardarle in modi diversi. Questo è ciò che ha detto Karim Jabbari, filosofo e ricercatore presso l’Institute for Future Studies.

Ad esempio, i giocatori di scacchi esperti possono visualizzare una scacchiera di fronte a loro e pensare a quale potrebbe essere la loro prossima mossa.

Karim Jabbari è un filosofo e ricercatore presso l’Institute for Future Studies.

Foto: Daniel Costanini

Stena Bjorkholm, filosofa dell’Università di Stoccolma, afferma che il pensiero può essere molte cose diverse.

Potrebbe essere un’idea, un’idea del mondo o un desiderio di come vuoi che sia il mondo. Ma lei dice che l’idea può anche essere una ragione, che stai cercando di capire qualcosa.

Erik Engner è professore di filosofia pratica presso l’Università di Stoccolma. Crede che molti filosofi credano che questo pensiero sia ciò che fa il pensiero, qualcosa chiamato funzionalismo. C’è l’idea che pensieri, sentimenti e idee siano determinati dalla funzione che svolgono e che le idee sorgano perché svolgono una funzione in una prospettiva teorica evolutiva.

Stena Bjorkholm è una filosofa all'Università di Stoccolma.

Stena Bjorkholm è una filosofa all’Università di Stoccolma.

Fotografia: Amir Nabi Zadeh

Perché pensiamo?

Secondo Stena Bjorkholm, pensiamo per poter dare un senso al mondo, distinguendo tra giusto e sbagliato e cosa esiste e cosa non lo è. A seconda di ciò che pensiamo sia giusto o sbagliato, agiamo di conseguenza.

Eric Engner pensa che abbiamo idee perché svolgono una certa funzione. L’idea ci aiuta a navigare nel mondo e trovare una connessione sociale.

Alcune idee sono migliori, poiché ci aiutano a svolgere determinati compiti e a raggiungere determinati obiettivi in ​​misura maggiore rispetto ad altre idee. C’è una grande differenza tra i nostri pensieri, ad esempio le idee che costituiscono la base delle scoperte scientifiche sono idee fruttuose, mentre altre idee possono portare a comportamenti scorretti. Quindi i nostri pensieri possono essere valutati non solo come veri o falsi, ma come più o meno efficaci per noi e per il gruppo a cui apparteniamo, afferma Eric Unner.

Che riteniamo sia stato fondamentale per il nostro benessere, soprattutto durante questa pandemia. Questa è l’opinione di Anandi Hattiangadi, professore di filosofia all’Università di Stoccolma, che afferma che uno dei motivi per cui pensiamo di sentirci bene è perché i nostri pensieri possono portarci in luoghi dove il nostro corpo fisico non può portarci.

– Durante questa pandemia, i miei pensieri mi hanno aiutato. Anandi Hatiangadi dice che pensando di essere sdraiato su una spiaggia a Goa e sentire il sole sulla mia pelle, è stato più facile affrontare le condizioni prevalenti.

Anandi Hatiangade è Professore di Filosofia all'Università di Stoccolma.

Anandi Hatiangade è Professore di Filosofia all’Università di Stoccolma.

Foto: Daniel Costanini

Noi pensiamo che lo sia Karim El-Jabbari dice che è incredibilmente utile e prezioso e prende un coniglio come esempio. Il coniglio non può creare una simulazione della realtà che gli umani possono fare. Il coniglio vede una foglia di lattuga e poi sente il bisogno di mangiarla, ma non riesce a immaginare la foglia di lattuga all’interno e pensa a cosa può fare per ottenere la foglia di lattuga, in modo che le persone possano fare un piano per ottenere qualcosa.

Allo stesso modo, un coniglio non può stabilire un dialogo interno con se stesso, solo gli umani possono farlo, e questo ci dà un enorme vantaggio rispetto agli animali. Ciò significa che possiamo pianificare in un modo che altri animali non possono prevedere, afferma Karim Jabbari.

Puoi diventare un pensatore migliore?

– Sì, naturalmente. Eric Unger afferma che la capacità di pensare è come altre abilità, può migliorare e fornisce esempi di come praticare abilità più generali come logica, critica e pensiero sulle statistiche o informazioni limitate per trarre conclusioni.

Ma il miglior consiglio per diventare un pensatore migliore non è quello di dimostrare che hai ragione, ma piuttosto di fornire suggerimenti concreti sul motivo per cui hai sbagliato. Erik Angner e Stina Björkholm credono entrambi che questo renda un pensatore migliore.

Esistono ricerche che dimostrano che le persone hanno un livello molto elevato di fiducia in se stesse riguardo ai propri pensieri, il che significa che credono che i loro pensieri siano più validi di quanto potrebbero essere effettivamente. Ma se poi chiedi a qualcuno di pensare e di trovare dei motivi per sbagliare, la sua autostima viene portata a un livello più logico e può essere un buon esercizio diventare meno eccessivamente sicuro di sé, dice Eric Unner.

Erik Engner è professore di filosofia pratica presso l'Università di Stoccolma.

Erik Engner è professore di filosofia pratica presso l’Università di Stoccolma.

Fotografia: Amir Nabi Zadeh

Puoi sviluppare la tua capacità di pensare chiedendoti ciò che ritieni più chiaro e chiedendoti: come sarebbe se non fosse giusto? Dice Stina Bjorkholm.

Anche Anandi Hatiangade Dentro sulla stessa pista. Crede che la cosa più pericolosa, sia per un individuo che per la società, sia quando una persona ha accesso solo a informazioni che confermano la sua immagine della realtà.

– Se ottieni informazioni da fonti basate sui fatti, le idee diventano più veritiere, ma se ottieni le tue informazioni da fonti dubbie, ovviamente influiscono sui pensieri e sulla percezione della realtà del destinatario.

Crede che diventiamo più bravi a pensare e ragionare se lo facciamo in gruppo o se dobbiamo discutere le nostre conclusioni quando qualcun altro la pensa diversamente.

Se credi, ad esempio, che il cambiamento climatico non sia causato dagli esseri umani, assorbirai solo le informazioni che confermano la tua percezione della realtà e viceversa. Anandi Hatiangade dice che ascoltare qualcuno che ha un’opinione diversa, capire cosa sta dicendo e pensare al motivo per cui quella persona ha ragione sono strumenti importanti per sviluppare le proprie capacità di pensiero.

Un altro modo per migliorare il pensiero è leggere molta letteratura, preferibilmente saggistica, dice Karim Jabbari.

– Puoi migliorare la tua capacità di pensare con l’accesso a un dispositivo concettuale avanzato. Significa che se leggi, ad esempio, le mie storie in un campo specifico, forse psicologia o chimica, impari nuove parole e concetti intenzionalmente progettati per affinare la mente ed essere in grado di pensare in modo critico e produttivo su alcuni problemi.

READ  Scegli una foto e scopri la tua personalità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *