La sonda della NASA batte due record mondiali e ora è l’oggetto più veloce mai costruito

La sonda solare Parker della NASA ha appena completato il suo decimo passaggio verso il sole, battendo due record mondiali mentre ci volava vicino.

Guarda la galleria – 2 foto

La sonda della NASA ha avuto un incontro molto ravvicinato con il Sole il 21 novembre 2021, alle 4:35 EDT. La sonda si trovava a soli 5,3 milioni di miglia dalla superficie della nostra stella e passava alla sorprendente velocità di 363.660 miglia all’ora, rendendolo l’oggetto artificiale più veloce mai creato. Inoltre, Parker Solar Probe ha battuto il record per il satellite più vicino sopravvissuto vicino al corridoio del Sole.

La sonda continuerà a ruotare e ad avvicinarsi sempre di più al Sole, raggiungendo infine una distanza di 4,3 milioni di miglia dalla superficie a una velocità di oltre 430.000 miglia all’ora. Ad ogni passaggio, la sonda raccoglie dati preziosi sulla nostra stella e trasmette le informazioni alla Terra affinché gli scienziati possano interpretarle. Le informazioni sul vento solare e la quantità di particelle di polvere nell’area sono le due principali serie di dati raccolti dalla sonda. Se sei interessato a leggere di più su questa storia, dai un’occhiata a questo link Qui.

L’avvicinamento ravvicinato (noto come perigeo), anch’esso a una distanza record, è avvenuto alle 4:25 am EDT (8:25 UTC), con Parker Solar Probe in movimento a 364.660 mph (586.864 km/h). , iniziata il 16 novembre e durata fino al 26 novembre.

La navicella spaziale è entrata nell’incontro in buona salute, tutti i sistemi funzionano normalmente. Parker Solar Probe dovrebbe tornare con gli operatori di missione presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory a Laurel, nel Maryland, dove è stato anche progettato e costruito, il 24 novembre.

La navicella trasmetterà i dati scientifici dell’incontro – che coprono in gran parte le proprietà e la struttura del vento solare e l’ambiente polveroso vicino al Sole – sulla Terra dal 23 dicembre a gennaio. 9″, ha scritto la NASA.

READ  I ricercatori rivelano il funzionamento interno del motore di confezionamento del DNA virale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *