I biocidi possono essere utilizzati per degradare l’aflatossina nelle colture

Mais contaminato da Aspergillus che produce aflatossine. Crediti: Lorena A. Maxwell, Kenneth A. Calicut, Ranjit Bandyopadhyay, Hilary L. Mehl, Mark J. Orbach e Peter J. Coty

L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) stima che il 25% delle colture alimentari globali sia contaminato da vari tipi di micotossine, come le micotossine, sostanze altamente tossiche e cancerogene prodotte da alcuni tipi di funghi. Aspergillo fungo. Una nuova ricerca è stata pubblicata in malattia delle piante Rivela una comprensione più profonda di come i membri di questa specie di funghi vengono utilizzati per ridurre l’aflatossina nelle colture.


“Alcuni ceppi di Aspergillus non producono micotossine e sono chiamati ceppi atossici”, ha spiegato la fitopatologa Lorena Aaron Maxwell, parte del team responsabile di questa ricerca. “Questi ceppi atossigeni possono diventare troppo grandi aflatossinaProduzione di ceppi durante la colonizzazione delle colture e riduzione della contaminazione generale da aflatossine negli alimenti e nei mangimi raccolti. “

Questa tecnologia è ciò che è noto come controllo biologico, che si riferisce al processo di utilizzo di organismi utili per controllare i parassiti agricoli anziché affidarsi a sostanze chimiche tossiche. I prodotti di biocontrollo, o biocidi, che utilizzano ceppi di atossine altamente competitivi sono commercializzati e utilizzati in Nord America, Africa, Europa e Asia. Questi prodotti sono sicuri per l’ambiente e il loro uso oggi è il modo più efficiente per produrre alimenti e mangimi sicuri dalla contaminazione da aflatossine.

“La nostra ricerca fornisce prove dettagliate della capacità dei ceppi anossici di Aspergillus, biologicamente controllabili, non solo di prevenire la contaminazione da aflatossine, ma anche di degradare le micotossine già presenti nella coltura”, ha affermato Maxwell. “Per la prima volta, dimostriamo la capacità dell’aflatossina di servire come fonte di cibo per i ceppi di aflatossina”.

I biocidi possono essere utilizzati per degradare l'aflatossina nelle colture

La fitopatologa Lorena A. Maxwell estrae le micotossine. Crediti: Lorena A. Maxwell, Kenneth A. Calicut, Ranjit Bandyopadhyay, Hilary L. Mehl, Mark J. Orbach e Peter J. Coty

I loro risultati forniscono nuove informazioni e metodi che possono contribuire a una migliore selezione di ceppi atossigeni che possono essere utilizzati nei biopesticidi per ridurre la contaminazione da aflatossine in cibo E nutrire le colture in modo più efficace.

“Inoltre, le prove della degradazione dell’aflatossina come nuovo meccanismo attraverso il quale l’atossigeno è tensioni La riduzione delle aflatossine nelle colture suggerisce nuove possibilità applicative, come aiutare a gestire le aflatossine durante lo stoccaggio e per le industrie che subiscono l’ammollo o la fermentazione del mais come nella macinazione sia a umido che a secco e il successivo processo utilizzato per produrre mangimi per il bestiame”.


Il nuovo prodotto di biocontrollo dell’aflatossina riduce la contaminazione di arachidi e mais in Senegal


maggiori informazioni:
Lorena A. Maxwell et al, Degradazione delle aflatossine B1 da parte degli agenti di biocontrollo Atossigenico di Aspergillus flavus, malattia delle piante (2021). DOI: 10.1094/PDIS-01-21-0066-RE

Inserito dalla Società Americana di Patologia Vegetale

la citazione: I biopesticidi possono essere usati per degradare l’aflatossina nelle colture (2021, 29 novembre) Estratto il 29 novembre 2021 da https://phys.org/news/2021-11-biopesticides-degrade-aflatoxin-crops.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  Microbiologia | Microbiologia | professione | formazione scolastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *