Basteranno le misure Covid prese dal Codeco per evitare il peggio? Aspettative dei ricercatori nella modellazione matematica

Venerdì si è riunito un comitato consultivo di fronte al riemergere dell’epidemia nel nostro Paese. Inoltre, il Belgio è al sesto posto tra i paesi europei più inquinati. Basteranno le azioni per evitare il peggio? Una delle discussioni in Not Every Sunday è stata questo pomeriggio.

Nicolas Franco, ricercatore in modellistica matematica presso l’Università di Namur e Hasselt, ha discusso dei possibili scenari futuri sullo stato di diffusione del virus in Belgio, questo mezzogiorno a “C’est pas tous les jours dimanche”, ospite di Christophe Deborso sul set dello spettacolo. Numeri”fastidioso“, la modellazione dello scenario è pessimistica: in uno scenario, potremmo raggiungere 1.200 letti di terapia intensiva con un picco a Natale. Come evitarlo? Possiamo evitarlo? Per adottare nuove misure? Ecco la sua risposta.

“Non siamo molto a corto di stabilizzazione, al momento”Iniziato da Nicolas Franco. Quindi si sviluppa: “Se le cose si sistemano, seguiremo gli scenari della curva blu e/o verde con l’atterraggio dell’epidemia che avverrà solo a metà gennaio per raggiungere i 500 posti letto in terapia intensiva”. Per riuscire a seguire questi scenari, il ricercatore in modellistica matematica incoraggia i cittadini a farlo “Riduci i loro contatti”.

Avverte che il rischio è la curva gialla, la più pessimista. “Questo è ciò che accadrebbe se i contatti aumentassero ulteriormente, da qui l’interesse a ridurre i contatti per evitare lo scenario più pessimista”.

Se riduciamo i nostri contatti ora, “Ci aspettiamo di scendere a Natale con un ritardo di 2/3 mesi per alleviare il sovraffollamento negli ospedali”, identifica Nicolas Franco. Ha sottolineato che è quindi necessario limitare i nostri contatti sociali per salvare il Natale.

READ  Perché pensiamo - i filosofi rispondono

Per lui, le azioni restrittive di Codeco venerdì avrebbero dovuto essere intraprese da: “L’unica cosa è che sarebbe stato meglio agire un po’ prima. Ma spesso aspettiamo l’ultimo momento per farlo quando è efficace un po’ prima”, Spiegato sul sito delle riprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *