Il finanziamento del clima rappresenta una sfida per i paesi in via di sviluppo: rapporto

Il finanziamento del clima rappresenta una sfida per i paesi in via di sviluppo: rapporto

Punti salienti :

  • La Banca Mondiale stima inoltre che i paesi a basso e medio reddito ospitano l’89% della produzione mondiale di energia da carbone, per un valore di circa 1 trilione di dollari, e che è a rischio di chiusura.

Il finanziamento del clima rimane una sfida per i paesi in via di sviluppo nel contesto degli sforzi per le energie rinnovabili

Tra le preoccupazioni per il peggioramento degli effetti del cambiamento climatico e il passaggio alle energie rinnovabili, il finanziamento della transizione verso fonti energetiche più verdi rimane una questione cruciale. Un rapporto della Banca Mondiale incentrato sui paesi in via di sviluppo ha sottolineato che la transizione energetica richiederà “una trasformazione senza precedenti delle infrastrutture del settore energetico”. Oltre a ciò, sarà necessario anche un aumento delle fonti energetiche rinnovabili e una graduale riduzione delle centrali elettriche a carbone.

La Banca Mondiale stima inoltre che i paesi a basso e medio reddito ospitano l’89% della produzione mondiale di energia da carbone, per un valore di circa 1 trilione di dollari, e che è a rischio di chiusura. Pertanto, l’implementazione di un approccio scale-up-scale-down richiederà afflussi di capitale molto più elevati per metodi di produzione di energia a basse emissioni di carbonio.

A questo proposito, l’incremento dell’approccio tapering, come menzionato nel rapporto della Banca Mondiale, diventa cruciale per i paesi in via di sviluppo. Inoltre, 10 banche multilaterali hanno anche formato un gruppo volto a facilitare il finanziamento di progetti relativi agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delineati durante il G20, fornendo ulteriore spazio di prestito di 300-400 miliardi di dollari nel prossimo decennio e sostegno da parte del paese. e piattaforme. Ciò porta a rendere più semplice per i paesi la collaborazione con le banche e ad aumentare i finanziamenti del settore privato per raggiungere gli obiettivi di sviluppo, anche attraverso metodi e strumenti finanziari innovativi.

READ  L'ex presidente Donald Trump ha vinto le primarie repubblicane nella Carolina del Sud, sconfiggendo l'ex governatore Nikki Haley.

Anche la Banca asiatica di sviluppo ha impegnato 23,6 miliardi di dollari di risorse proprie nel 2023, compreso $ 9,8 miliardi A clima Azione, per aiutare la regione Asia-Pacifico a promuovere lo sviluppo sostenibile. Inoltre, secondo l’OCSE, i finanziamenti pubblici per il clima, compresi i finanziamenti bilaterali e multilaterali, sono quasi raddoppiati nel periodo 2013-2021, da 38 miliardi di dollari a 73,1 miliardi di dollari, rappresentando la stragrande maggioranza del totale di 89,6 miliardi di dollari nel 2021 .

Ostacoli che affronti Paesi in via di sviluppo I cambiamenti nella transizione energetica spaziano da elevati costi iniziali di capitale, sussidi energetici inefficaci, alto costo del capitale e fondamentali deboli del settore energetico. Secondo la Banca asiatica di sviluppo, RI 23,6 miliardi di dollari consistevano in prestiti, sovvenzioni, investimenti azionari, garanzie e assistenza tecnica ai governi e al settore privato.

Nel marzo di quest’anno, l’India, nel suo ultimo rapporto all’organismo delle Nazioni Unite per il clima, ha invitato i paesi sviluppati a fornire almeno 1 trilione di dollari all’anno in finanziamenti per il clima ai paesi in via di sviluppo a partire dal 2025 per azioni relative agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *