Questa vela solare ruota con successo da oltre 2,5 anni

LightSail 2, un piccolo CubeSat con una vela solare di 32 metri quadrati (433 piedi quadrati), sta ancora navigando attraverso l’orbita terrestre due anni e mezzo dopo il lancio.

LightSail 2 è un progetto di crowdfunding da 7 milioni di dollari gestito da The Planetary Society, un’organizzazione no-profit di educazione spaziale e sensibilizzazione con sede negli Stati Uniti. Le vele solari vengono utilizzate per catturare i fotoni del sole nello spazio per spingere in avanti LightSail 2 e dimostrare che può viaggiare nello spazio, proprio come le vele di una barca che catturano il vento per spostarlo in avanti.

“Stiamo andando a un’altitudine orbitale più elevata senza carburante per razzi, solo con la propulsione solare. L’idea che puoi guidare un veicolo spaziale e essere spinto nello spazio da qualsiasi cosa tranne i fotoni, è una sorpresa e per me è molto romantico”, ha dichiarato Bill, CEO della Planetary Society. Nye, in una conferenza stampa dopo il lancio di LightSail 2, ha dichiarato: “Navigare con il sole”.

Da quando il volo LightSail 2 è iniziato nel giugno 2019, la NASA ha implementato vele solari sui progetti per le prossime missioni NEA Scout, Solar Cruiser e ASC3. In orbita a 687 chilometri (426 miglia) sopra la Terra, l’attrito nell’atmosfera agisce contro il velivolo per rallentarlo. In generale, la spinta fornita dalle vele consente di superarla. Tuttavia, la navicella sta attualmente scendendo attraverso l’atmosfera perché le vele non sempre generano una spinta sufficiente per mantenere la stessa quota.

“Grazie a una guida di navigazione ottimale nel tempo, i tassi di decadimento dell’altitudine negli ultimi mesi sono stati i migliori dell’intera missione. Anche la spinta a volte ha superato la resistenza atmosferica, aumentando leggermente l’orbita del veicolo spaziale”. Jason Davis di The Planetary Society ha detto in una nota.

“L’attività mediocre del Sole ha mantenuto debole l’atmosfera superiore della Terra per la maggior parte della missione, riducendo la resistenza sulla vela. Ciò è cambiato di recente, poiché il Sole è diventato più attivo ed emette grandi brillamenti solari. Il team di LightSail 2 ritiene che questa attività provenga da esso. è ora probabile che causi tassi di decadimento orbitale più elevati rispetto a quelli visti in precedenza durante la missione”, ha continuato Davis.

Il LightSail 2 fluttua in altezza di alcune centinaia di metri ogni giorno, salendo quando riceve più luce solare e cadendo senza di essa. In definitiva, l’aumento dell’attività solare derivante dai brillamenti solari e dalla formazione di macchie solari farà perdere quota a LightSail 2 fino a quando non esce completamente dalla sua orbita e brucia al rientro. Questa attività solare addensa l’atmosfera, aumentando l’attrito con il velivolo, ma gli ingegneri della missione stimano che questo risultato potrebbe essere ancora lontano almeno un anno.

READ  Il volo di prova Starliner non tornerà fino al 2 aprile

Durante la sua missione ha scattato molte foto e continuerà a farlo fino alla fine. Puoi guardarlo su The Planetary Society sito web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *