Italia – Rassegna stampa: Juventus Torino e Cristiano Ronaldo sotto tiro in Italia dopo l’eliminazione in Champions League

Italia

Dopo che la Juventus Torino ha lasciato nuovamente la strada dagli ottavi di finale di Champions League contro il Porto, la stampa italiana ovviamente non risparmia il club torinese e Cristiano Ronaldo.

Ronaldo “imperdonabile” per Fabio Capello

Muto e poco in vista, Cristiano Ronaldo, perfettamente bloccato dal suo “amico” Pepe, è nel mirino delle gazzette transalpine che lo mostrano tutto infastidito, prendendogli la testa tra le mani. “Tradito da Ronaldo”, viene visualizzato sulla sua prima pagina Corrierre dello Sport. Il portoghese è il peggiore valutato dai tre maggiori quotidiani sportivi in ​​Italia, che gli danno un punteggio di 4,5 su 10. Quello che tante volte ha permesso di ribaltare situazioni complicate ha fallito questa volta. Particolarmente acuto è stato l’ex allenatore di Juventus, Milan o Roma, Fabio Capello Sky Italia contro l’attaccante lusitano, “imperdonabile” per saltare e voltarsi sulla punizione del 2-2 trasformata al 115 ‘da Sergio Oliveira, già autore del gol del primo calcio di rigore al 19’. “Non ha scuse”, ha insistito l’ex allenatore. La palla è passata sotto le gambe di CR7 e ha concluso la sua gara nella rete di un Wojciech Szczesny poco contento anche lui con le mani sul dischetto.

Leggere :
– Valutazioni Manchester United – Liverpool FC
– Ronaldo, salvatore in perdizione

READ  "Vietato passeggiare nei centri storici"

“Pirlo-CR7, e adesso? “

Si presenta ora il futuro di Ronaldo, come quello di Andrea Pirlo sulla panchina della Juve. “Pirlo-CR7, e adesso?”, domanda Gazette nelle sue pagine interne. Nominato capo allenatore lo scorso agosto a poche ore dall’eliminazione contro l’OL e dall’addio di Sarri, Pirlo ha vissuto “Una serata incredibile, una delle più tristemente assurde della sua vita con Istanbul e la folle eliminazione contro La Coruña”, stima il quotidiano dalle pagine rosa che ricorda la terribile finale di C1 2005 contro il Liverpool e la rimonta di La Coruña nel 2004 quando Pirlo giocò al Milan. “Abbiamo fatto quattro errori in due partite e questo è troppo”, si lamentava l’allenatore Juventus la cui squadra ha comunque lottato, come Federico Chiesa, autore di un doppio e miglior elemento torinese. Pirlo, che ha già discusso del futuro con il suo presidente Andrea Agnelli, guarda comunque avanti e “Continua a lavorare su un progetto più ampio. Questo è solo il primo anno di questo nuovo progetto. “

Ronaldo, lui, a “Molto deluso”. “Aveva fiammato agli ordini di Zidane, Ferguson e Ancelotti, non con Pirlo”, punto Gazette il che ricorda che il giocatore 36enne ha ancora un anno di contratto. L’attuale capocannoniere del campionato (20) è in parità fino a giugno 2022 e lui “Sembra difficile vedere oltre”. “I prossimi mesi diranno di più”, indica i principali sport transalpini quotidiani. In Spagna, dove l’attaccante 36enne ha brillato tantissimo, marca punto “L’anno più difficile di Ronaldo a Torino, senza Champions e con la Serie A quasi persa. Con il Real Madrid aveva giocato otto semifinali consecutive di C1 con quattro incoronazioni ”.

Emmanuel Langellier

READ  Senza risorse finanziarie, combatte contro il cancro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *