L’economia del Regno Unito si riduce del 7% in base alle attuali politiche climatiche

Nella foto: il parco eolico di Scout Moor è il secondo parco eolico onshore più grande d’Inghilterra

In un nuovo importante studio del Grantham Institute for Climate Change and Environmental Research presso la London School of Economics and Political Science, viene rivelato che le attuali traiettorie di riscaldamento sembrano aggirare l’accordo di Parigi e provocare uno shock sismico ai livelli del PIL globale. .

La ricerca ha rilevato che la crisi climatica porterebbe a “un’interruzione catastrofica del sistema economico globale” attraverso problemi come l’agricoltura e il bestiame, la carenza di pesca, la siccità, le inondazioni e i danni costieri.

Per il Regno Unito, questi effetti globali potrebbero portare a un calo dell’economia del 7,4% entro la fine del secolo.

Il dottor James Rising, che ha condotto l’analisi presso l’Università del Delaware, ha dichiarato: “Queste stime forniscono un chiaro avvertimento sul futuro danno economico al Regno Unito dovuto alla mancanza di azione per il clima e un confronto dei costi degli effetti del cambiamento climatico e i costi di riduzione delle emissioni”.

“Stimiamo che è improbabile che i costi di mitigazione implicati dal percorso del Regno Unito verso lo zero netto entro il 2050 superino l’equivalente del 2% del PIL durante il periodo di transizione. Inoltre, le politiche di mitigazione del cambiamento climatico apportano vantaggi aggiuntivi, ad esempio migliorando la salute e rivitalizzare l’economia attraverso gli investimenti, equivalente a un aumento del 6,1% del PIL entro la fine di questo secolo”.

La ricerca indica che le attuali politiche climatiche sembrano pronte a fornire una temperatura globale di 3,9°C al di sopra del livello preindustriale entro il 2100. L’impatto sul PIL del Regno Unito è aumentato del 3,3% entro il 2050 e del 7,4% entro il 2100.

READ  Un'interessante raccolta di attività ed eventi per la Dubai Super Week

Tuttavia, la ricerca suggerisce che raggiungere lo zero netto a livello globale entro il 2075 limiterebbe il riscaldamento a 2,1°C, un effetto che limiterebbe la contrazione del PIL del Regno Unito al 2,4%, una differenza del 5%.

Raggiungere lo zero netto fornirà anche ulteriori vantaggi per il Regno Unito, incluso un vantaggio economico del 2,8% attraverso tecnologie, industrie e infrastrutture verdi. In uno scenario in cui il Regno Unito raggiunge lo zero netto entro il 2050 e poi il resto del mondo entro il 2075, ci sarebbe un beneficio economico netto per l’economia britannica del 9,1%.

I ricercatori hanno anche scoperto che raggiungere lo zero netto ridurrebbe il tasso di decessi dovuti al caldo a 0,9 ogni 100.000 persone, rispetto a 7,1 decessi ogni 100.000 persone secondo le attuali politiche climatiche.

© Faversham House Ltd 2022 Gli articoli di notizie edie possono essere copiati o reindirizzati solo per uso individuale. Nessuna copia o altra distribuzione è consentita senza il nostro previo consenso scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.