Le autorità di Hong Kong hanno risposto alle accuse di “attacchi continui” alla libertà di stampa dopo che 24 paesi hanno firmato una dichiarazione in cui accusano la città di limitare i media.

Le autorità di Hong Kong hanno risposto alle accuse di “attacchi continui” alla libertà di stampa dopo che 24 paesi hanno firmato una dichiarazione in cui accusano la città di limitare i media.

Il governo di Hong Kong ha risposto alle affermazioni di 24 paesi secondo cui le autorità locali e la Cina continentale attaccano costantemente la libertà di stampa in città, affermando che la loro dichiarazione congiunta era un tentativo di diffamazione.

In una risposta rilasciata venerdì sera, le autorità cittadine hanno affermato che la dichiarazione rilasciata dalla Media Freedom Alliance, firmata da Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Giappone e altri 20 paesi, includeva “dichiarazioni che distorcono i fatti e calunnie infondate” contro il governo. sforzi per proteggere la libertà di stampa.

“Le forze dell'ordine dentro [Hong Kong Special Administrative Region] “Abbiamo intrapreso azioni di contrasto basate sulle prove e in stretta conformità con la legge per quanto riguarda le azioni delle persone o organizzazioni interessate, che non hanno nulla a che fare con la libertà di stampa o con il background di qualsiasi persona o organizzazione.” Lo ha detto un portavoce del governo di Hong Kong.

“I tentativi da parte di qualsiasi paese straniero di minare lo stato di diritto, la prosperità e la stabilità del paese [Hong Kong Special Administrative Region]Diffamare lo status della città porterà solo allo smascheramento [country’s] La tua debolezza e gli argomenti sbagliati e sei destinato al fallimento.

La polizia di Hong Kong ha fatto irruzione nell'ufficio di Stand News nel 2021. Fotografia: Sam Tsang

La coalizione ha affermato che i 24 paesi che hanno firmato la dichiarazione sono profondamente preoccupati per i “continui attacchi” di Hong Kong e delle autorità del continente alla libertà di stampa e per la repressione dei media locali indipendenti nella città.

Ha aggiunto: “I media locali hanno intensificato l’autocensura dall’imposizione della legge sulla sicurezza nazionale nel giugno 2020”. “I procedimenti giudiziari contro gli operatori dei media sono aumentati in relazione alla legislazione sulla sedizione”.

READ  I kenioti presentano una petizione al principe William per gli sfratti di terre

Ha aggiunto che il perseguimento giudiziario di giornalisti di Hong Kong, compresi quelli che lavorano per il portale di notizie online Stand News ed editori come il fondatore dell'ormai defunto Apple Daily, Jimmy Lai Chi-ying, ha avuto un effetto agghiacciante su altri nel settore dei media.

“Ciò avviene in un contesto di perdita di indipendenza editoriale, di divieto dei giornalisti che cercano di coprire i briefing stampa del governo e di rimozione di materiale dagli archivi delle emittenti pubbliche”, ha affermato la coalizione.

Il tribunale di Hong Kong respinge la richiesta di Jimmy Lai di far cadere le accuse di sedizione

Stand News ha sospeso le operazioni alla fine del 2021 dopo che la polizia ha arrestato sette persone collegate al portale di notizie online, tra cui ex e attuali redattori, che sono stati poi accusati di aver pubblicato materiale provocatorio.

Lai è sotto processo in un caso di sicurezza nazionale. È accusato di cospirazione, sedizione, collusione con forze straniere per la presunta imposizione di sanzioni internazionali a Hong Kong e alle autorità centrali e incitamento all'odio pubblico sulla scia delle proteste. Proteste antigovernative Nel 2019.

L'emittente pubblica RTHK ha dichiarato nel 2021 che avrebbe rimosso i programmi dal suo sito Web e dagli account sui social media un anno dopo la loro prima trasmissione.

La coalizione ha esortato le autorità di Hong Kong e della terraferma ad aderire ai loro diritti umani e agli obblighi legali internazionali e a mantenere un elevato grado di autonomia e rispetto dei diritti e delle libertà universali nella città.

“La libertà di stampa è stata fondamentale per il successo di Hong Kong per molti anni… La libera circolazione e lo scambio di opinioni e informazioni sono vitali per la gente, le imprese e la reputazione internazionale di Hong Kong”, afferma il rapporto.

5 giorni di reclusione per il capo del sindacato dei giornalisti di Hong Kong con l'accusa di ostacolo alla polizia

Un portavoce del governo di Hong Kong ha affermato che le istituzioni mediatiche della città possono esercitare la libertà di stampa in conformità con la legge, ma questa libertà non è assoluta ed è limitata dalla legge per proteggere la sicurezza nazionale e l'ordine pubblico.

“Come sempre, i media possono esercitare la loro libertà di stampa in conformità con la legge. La loro libertà di commentare e criticare le politiche del governo rimane illimitata finché ciò non costituisce una violazione della legge”, ha affermato.

La dichiarazione del governo afferma inoltre che le forze dell'ordine della città hanno agito contro le azioni di individui o organizzazioni sulla base delle prove e della legge, e ciò non aveva nulla a che fare con il loro background o con la libertà di stampa.

Ha aggiunto che l'ambiente mediatico della città rimane vivace, affermando che ci sono 213 agenzie di stampa continentali, straniere e nazionali registrate per i servizi di informazione governativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *