Ministro degli Esteri cinese: La provocazione delle Filippine nei confronti di Jiao Renai viola la sovranità della Cina

Ministro degli Esteri cinese: La provocazione delle Filippine nei confronti di Jiao Renai viola la sovranità della Cina

Una nave filippina si avvicina in modo pericoloso a una nave della guardia costiera cinese e la fa schiantare nelle acque al largo della barriera corallina cinese di Renai, nelle isole Nansha, nel Mar Cinese meridionale, il 22 ottobre 2023. Foto: screenshot da un video diffuso dai cinesi guardia Costiera

La palese pretesa delle Filippine di costruire una struttura permanente nell’area di Renai Jiao (Renai Reef) nel Mar Cinese Meridionale è una grande mossa che serve ancora una volta come tentativo di infrangere una promessa, cambiare la politica e abbandonarla. Il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato venerdì che la zona disabitata di Renai Jiao sarà distrutta.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha dichiarato in una conferenza stampa di routine che la mossa viola gravemente la sovranità della Cina e viola il diritto internazionale e la Dichiarazione sulla condotta delle parti nel Mar Cinese Meridionale, aggiungendo che la Cina risponderà risolutamente a qualsiasi violazione e provocazione e con fermezza. mantenere la propria sovranità territoriale e i propri diritti e interessi marittimi.

La risposta della Cina è arrivata dopo che il portavoce delle forze armate filippine, colonnello Medel Aguilar, ha dichiarato martedì che il governo filippino sta valutando la possibilità di costruire un rifugio per pescatori – una struttura permanente – sul fiume Renai Jiao.

Antonio Carpio, ex giudice capo della Corte Suprema delle Filippine, in precedenza aveva affermato che le Filippine dovrebbero costruire la struttura. Ha detto che lì “costruiranno un edificio civile”, come un faro o un centro di ricerca scientifica marina. Ha anche affermato che Renai Jiao fa parte della zona economica esclusiva delle Filippine e che le Filippine “sono l'unico che può creare una struttura lì”.

READ  La Germania sostiene progetti di energia verde in Sud Africa e Namibia con nuovi investimenti Da Investing.com

“Invece di inviare forniture militari, invieremo forniture civili in seguito. Sposteremo l'attività da militare a civile”, ha detto Carpio.

Mao ha confutato queste affermazioni, affermando che Renai Jiao fa parte delle Isole Nansha cinesi e che la Cina ha una sovranità indiscutibile sulle Isole Nansha, comprese Renai Jiao e le sue acque adiacenti.

Ciò è stato fatto nel rispetto del diritto internazionale, inclusa la Carta delle Nazioni Unite. Sulla base del cosiddetto lodo arbitrale illegale e non valido, le Filippine sostengono che Renai Jiao appartiene alla “zona economica esclusiva” e alla piattaforma continentale delle Filippine e negano la sovranità territoriale della Cina su di essa, il che viola i principi del diritto internazionale. La legge non è giuridicamente difendibile.

Ren'ai Jiao non ha dipendenti o strutture. Mao ha detto che secondo la Dichiarazione sulla condotta delle parti nel Mar Cinese Meridionale firmata dalla Cina e dai membri dell'ASEAN, tutte le parti dovrebbero mantenere lo status di Renai Jiao senza persone o strutture, aggiungendo che le provocazioni delle Filippine hanno complicato il processo. Situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *