Gli Stati Uniti abbattono i missili antinave Houthi per la seconda volta in 3 giorni

Gli Stati Uniti abbattono i missili antinave Houthi per la seconda volta in 3 giorni

Gli attacchi dei ribelli yemeniti prendono di mira Israele e le navi collegate a Israele. (sciarada)

Washington:

Un cacciatorpediniere statunitense ha abbattuto due missili balistici antinave lanciati sabato dallo Yemen mentre rispondeva a una chiamata di soccorso da una nave portacontainer che era stata colpita in un raid separato, hanno detto le forze armate statunitensi.

I missili sono stati lanciati dal territorio controllato dai ribelli Houthi sostenuti dall'Iran, ha detto il Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) in un post sui social media, definendolo il “23° attacco illegale alle navi internazionali” degli Houthi dal 19 novembre.

Gli Houthi hanno ripetutamente preso di mira le navi nella vitale rotta marittima del Mar Rosso con attacchi che sostengono siano a sostegno dei palestinesi a Gaza, dove Israele sta combattendo il movimento palestinese di Hamas.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha affermato che la USS Gravely e la USS Laboon hanno risposto a una richiesta di assistenza della Maersk Hangzhou, una nave portacontainer battente bandiera di Singapore di proprietà e gestita dalla Danimarca, che ha riferito di essere stata colpita da un missile mentre attraversava il Mar Rosso.

Ha aggiunto che durante la risposta, Gravely ha abbattuto dei missili che erano stati lanciati “verso le navi”.

Gli attacchi dei ribelli yemeniti – che affermano di prendere di mira Israele e le navi associate – stanno mettendo in pericolo una via di transito che trasporta fino al 12% del commercio globale, spingendo gli Stati Uniti a formare una task force marittima multinazionale. Questo mese per proteggere la navigazione nel Mar Rosso.

L’ultima ondata di conflitto tra Israele e Hamas è iniziata quando il movimento palestinese ha effettuato uno scioccante attacco oltre confine da Gaza il 7 ottobre, uccidendo circa 1.140 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un conteggio preparato dall’Agence France-Presse sulla base di Cifre israeliane.

READ  Come l'innovazione e la tecnologia possono aiutare il Kenya a combattere gli sprechi e le perdite alimentari

In seguito all’attacco, gli Stati Uniti si sono affrettati a fornire aiuti militari a Israele, che ha portato avanti una campagna incessante a Gaza che ha ucciso almeno 21.672 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo il Ministero della Sanità di Hamas. gestire l'enclave.

Queste morti hanno suscitato una diffusa indignazione in Medio Oriente e hanno dato impulso agli attacchi da parte di gruppi armati anti-israeliani in tutta la regione.

Anche le forze statunitensi in Iraq e Siria sono state ripetutamente colpite da attacchi di droni e missili che secondo Washington sono effettuati da gruppi armati sostenuti dall’Iran.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *