L’attenzione dell’Africa si sposta dai diritti sulla carta all’inclusione economica delle donne

L’attenzione dell’Africa si sposta dai diritti sulla carta all’inclusione economica delle donne

Le donne africane hanno sempre più ragioni per sentirsi fiduciose riguardo al loro futuro mentre celebriamo la Giornata internazionale della donna. È vero che c’è ancora molta strada da fare verso l’uguaglianza di genere, ma il cambiamento sta prendendo slancio ei giorni in cui nient’altro che uno sfogo sui diritti delle donne stanno volgendo al termine.

Ad esempio, la Banca Mondiale riferisce che l’Africa ha attuato la maggior parte delle riforme per promuovere l’uguaglianza di genere in qualsiasi regione del mondo, con 71 riforme negli ultimi 10 anni.

C’è anche una maggiore attenzione al superamento del mero riconoscimento legale dell’uguaglianza e una maggiore intenzione di promuovere un reale emancipazione economica che ridurrà la dipendenza delle donne dagli uomini e aumenterà la loro capacità di scegliere da sole.

Questo è fondamentale perché senza i mezzi per mantenersi, le donne spesso non sono in grado di esercitare le libertà riconosciute dalla legge.

Secondo un rapporto della Brookings Institution, dal 75 al 90 per cento del lavoro non agricolo in Africa è informale e sottopagato, con le donne tre volte più probabilità di essere impiegate come collaboratrici familiari rispetto ai loro colleghi maschi. Ciò significa che sono spesso non retribuiti e quindi vulnerabili allo sfruttamento.

Riconoscendo che l’emancipazione economica delle donne sarà fondamentale per la capacità del continente di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2063, l’Unione Africana ha dichiarato il periodo dal 2020 al 2030 come un decennio per l’inclusione finanziaria ed economica delle donne africane.

In linea con questa agenda, Coca-Cola Beverages Africa (CCBA) adotta un approccio rigoroso e basato sulla ricerca per garantire il massimo impatto dei suoi programmi di inclusione economica per le donne.

READ  Il principe Harry perde l'offerta dell'Alta Corte per pagare le guardie di polizia armate e deve affrontare una fattura legale di 900.000 dollari australiani

L’azienda ha commissionato una ricerca per valutare l’efficacia delle sue iniziative esistenti in modo che possa prendere decisioni informate che possono essere accelerate o ampliate e replicate in tutto il continente. La ricerca, condotta dalla società di consulenza SSK Investments, ha anche esaminato esempi di programmi di emancipazione femminile di successo al di fuori del sistema Coca-Cola, nonché opportunità di collaborare con altri per ottenere un maggiore impatto.

Ciò fa seguito al successo della Coca-Cola System 5by20 Women’s Empowerment Initiative, che mira a dare potere a 5 milioni di donne a livello globale entro il 2020.

I risultati verificati del programma hanno mostrato che due milioni di donne in Africa sono attrezzate per avere successo come imprenditrici, contribuendo anche a creare comunità sostenibili.

Il CCBA ha ora adottato i tre pilastri dell’istruzione, dell’occupazione e dell’imprenditorialità come quadro per la sua strategia di inclusione economica.

Definiamo l’inclusione economica come l’apertura di opportunità economiche redditizie fornendo accesso ai mercati e ad altre attività economiche che migliorano il business e l’intero settore.

Il nostro obiettivo è aumentare il reddito, fornire un potenziale di guadagno dignitoso e migliorare le capacità e le conoscenze aziendali per le donne, consentendo loro di accedere ad altre opportunità.

Ad esempio, in Etiopia, CCBA ha collaborato con il Comitato per la creazione di posti di lavoro per costruire 150 chioschi al dettaglio per 600 donne di ritorno dai paesi del Medio Oriente.

Oltre ai chioschi allestiti in 11 città del paese, le donne sono state formate nel servizio clienti e nella gestione finanziaria per sviluppare le loro capacità imprenditoriali e garantire il loro successo come imprenditrici.

READ  BioNTech'in kurucu ortağı Türeci: Aşıların patent haklarının kaldırılması kötü bir fikir

Il CCBA ha anche aiutato 263 donne a guadagnarsi da vivere raccogliendo legna da ardere per creare nuove fonti di reddito dopo l’apertura di Entoto Park, poiché non potevano più guadagnarsi da vivere con la legna da ardere.

Le donne ora raccolgono invece la plastica per il riciclaggio e vendono anche rinfreschi, compresi i prodotti Coca-Cola, in cinque negozi allestiti nel parco.

Nel frattempo, il CCBA South Africa (CCBSA) ha istituito un fondo per borse di studio presso l’Università di Pretoria per sostenere le studentesse provenienti da ambienti precedentemente svantaggiati nel loro ultimo anno di studi di ingegneria.

Le tasse degli studenti sono state pagate per intero, consentendo loro di laurearsi.

I destinatari stavano studiando per lauree in ingegneria elettrica, meccanica e industriale.

L’anno scorso Velavi Ratchivola, amministratore delegato di CCBSA, ha vinto ancora nella categoria “Top Gender Empowerment: Male Leadership for Gender-Based Leadership” agli Standard Bank Awards for Best Women.

Questi premi onorano la leadership, l’ispirazione, la visione e l’innovazione eccezionali nelle organizzazioni che svolgono un ruolo nel garantire la partecipazione paritaria delle donne alla costruzione dell’economia.

In Ghana, la sussidiaria del CCBA Voltic GH Limited ha unito le forze con l’organizzazione no-profit Girls in Science and Technology (GIST) per lanciare la GIST- University of Mines and Technology, Tarkwa Chapter.

Il programma introduce GIST alle studentesse dell’università e migliora la loro partecipazione nei campi della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM), suscitando al contempo il loro interesse per le opportunità di carriera a loro disposizione.

Il programma fornisce anche consulenza e orientamento per le ragazze della scuola primaria in varie università. Flora Gika, Managing Director di Voltic GH Limited, è la prima delegata donna al CCBA.

READ  Chakwera ritiene che le obbligazioni USA-Malawi siano vantaggiose per i malawiani - Malawi Nyasa Times

I benefici per l’Africa della promozione di una partecipazione significativa delle donne all’economia saranno sentiti da tutti.

Si stima che i divari di genere esistenti costino all’economia circa il 15% del PIL, mentre l’emancipazione economica delle donne aumenta la produttività, aumenta la diversificazione economica e riduce la disuguaglianza di reddito, oltre ad altri risultati positivi sullo sviluppo, secondo UN Women.

Le aziende possono anche trarre vantaggio dall’avere più donne in posizioni di leadership, il che ha dimostrato di aumentare l’efficacia e la crescita organizzativa. Si stima che le aziende con tre o più donne in posizioni dirigenziali di alto livello abbiano punteggi più alti su tutte le dimensioni della performance organizzativa.

Il CCBA sta raccogliendo i frutti dell’aumento del numero di donne leader nel mondo degli affari, con la percentuale di leadership femminile che ora si attesta al 38%, con un aumento di 9 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

È chiaro che affinché l’Africa possa realizzare il suo pieno potenziale, deve creare opportunità per farlo anche per le donne.

Ciò richiederà partenariati ponderati per garantire che le donne imprenditrici abbiano accesso al capitale. Sebbene ci sia stato qualche miglioramento in quest’area, l’84% dei finanziamenti raccolti dalle startup in Africa l’anno scorso è andato solo a fondatori o team di fondatori maschi.

Il finanziamento rimane la sfida più grande e abbiamo bisogno di più partnership con i finanziatori per liberare tutto il potenziale delle imprenditrici africane.

Chedi Ramogaz è Direttore delle Pubbliche Relazioni, Comunicazione e Sostenibilità del CCBA Group

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *