La Terra ha una seconda piccola luna che è stata lanciata dalla grande luna

Jeffrey Kluger ha scritto questo articolo per TIME:

È facile essere fedeli al marchio Moon. Dopotutto, ne abbiamo solo uno, a differenza di Giove e Saturno, dove avrai dozzine tra cui scegliere. Qui è luna o rugiada. o no. La verità è che c’è un’altra specie di luna nell’orbita terrestre che è stata scoperta solo nel 2016. E secondo un nuovo studio su Nature, potremmo finalmente sapere come si è formata.

La semiluna – chiamata Kamo’oalewa, dopo la parola hawaiana per un corpo celeste in movimento – non è molto di cui parlare, poiché è larga meno di 50 metri (164 piedi). Orbita intorno alla Terra in un percorso ripetitivo, simile a un interruttore, che non lo porta da 40 a 100 volte più vicino della distanza di 384.000 km (239.000 mi) della nostra luna più familiare. La sua strana traiettoria di volo è dovuta alle forze gravitazionali concorrenti della Terra e del Sole, che piegano e torcono costantemente i movimenti della giovane luna, impedendole di raggiungere un’orbita più convenzionale.

“È principalmente influenzato solo dalla gravità del Sole, ma questo schema emerge perché è anche – ma non del tutto – in un’orbita simile alla Terra. È una specie di danza strana”, dice lo studente laureato Ben Sharkey dell’Università dell’Arizona’s Lunar and Planetary Laboratorio, autore principale del documento di ricerca. .

Niente di tutto ciò significa che Kamo’oalewa doveva avere origini particolarmente esotiche. Il sistema solare è disseminato di asteroidi, alcuni dei quali vengono catturati dalla gravità di altri pianeti e diventano lune più tradizionali, anche se frammentate. Altri non orbitano in modo comune ad altri pianeti ma cadono in fila davanti a loro o dietro di loro e viaggiano nelle loro orbite intorno al sole, come stormi dei cosiddetti asteroidi troiani che precedono e seguono Giove.

Ad ogni modo, Kamo’oalewa era sicuro di attirare l’attenzione perché il suo trucco poneva un tenace enigma. Gli asteroidi tendono a riflettere brillantemente ad alcune frequenze infrarosse, ma Kamo’oalewa no. È piuttosto noioso: è chiaramente composto da cose diverse, il che indica un’origine diversa.

Per indagare sul mistero, Sharkey, sotto la guida del suo consulente di dottorato, lo scienziato planetario Vishnu Reddy, si è rivolto a un telescopio della NASA alle Hawaii, utilizzato abitualmente per studiare gli asteroidi vicino alla Terra. Ma anche con lo strumento solitamente affidabile, la firma a infrarossi sembrava molto debole. Invece, sono passati a un telescopio monoculare gestito dall’Università dell’Arizona che, dice Sharkey, può “spremere fino all’ultima oncia di fotoni da questo oggetto”.

Ciò ha portato a risultati migliori e spiegati, ma è ancora incompleto. La roccia era fatta di silicati comuni come altri asteroidi, ma era comune solo nella sua composizione generale, non nella sua firma infrarossa, che ostinatamente ne stava alla larga.

Infine, ho suggerito la stessa risposta. Se Kamo’oalewa si stesse comportando come una specie di semiluna, potrebbe essere stato un vero artefatto lunare. All’inizio del programma di dottorato di Sharkey, uno dei suoi consulenti ha pubblicato un articolo sui campioni lunari restituiti dalla missione Apollo 14 nel 1971. Quando Sharkey ha confrontato i dati che stava ottenendo nel suo telescopio con quelli dei primi geologi del laboratorio di roccia, i risultati corrispondevano perfettamente. Questo tipo di silicato lunare che si acclimata all’erosione spaziale quando si trova sulla superficie lunare è strettamente governato dalle differenze nella riflettanza infrarossa tra gli asteroidi comuni e Kamo’oalewa.

“Visivamente, quello che vedi è silicato alterato”, dice Sharkey. “Eoni di esposizione all’ambiente spaziale e agli impatti dei micro-meteoriti, è quasi come un’impronta digitale e difficile da perdere”.

Come Kamo’oalewa sia stato scosso dal nostro compagno lunare non è un mistero. La Luna è stata bombardata da rocce spaziali per miliardi di anni, lanciando nello spazio ogni tipo di detriti lunari (circa 500 pezzi di esso hanno raggiunto la superficie terrestre sotto forma di meteoriti). Kamo’oalewa è un pezzo di macerie lunari che si è gonfiato lontano dalla luna. Ma invece di atterrare sulla Terra o semplicemente crollare nel vuoto, si è trovato un semi-satellite a sé stante.

“Vediamo migliaia di crateri sulla superficie lunare, quindi alcuni di questi ejecta lunari devono essere bloccati nello spazio”, afferma Sharkey.

Kamo’oalewa non durerà così a lungo, poiché la sua attuale traiettoria è completamente instabile. Stimato da Sharkey e altri, l’oggetto rimarrà un compagno sulla Terra solo per circa 300 anni – assolutamente nulla sull’orologio cosmico – dopo di che si libererà dalle sue attuali catene gravitazionali e orbiterà nel vuoto. Originariamente faceva parte della Luna, poi compagno della Terra, e avrebbe trascorso il resto della sua lunga vita viaggiando da solo.

READ  Una delegazione del Consiglio di sicurezza in Mali per fare pressione sulle autorità militari – Gerusalemme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *