La decorazione più antica del mondo: dita di cervo intagliate di 51.000 anni

Secondo i ricercatori, la scultura della punta di cervo di 51.000 anni è l’ornamento più antico del mondo e dicono che mostra che i Neanderthal avevano occhi esteticamente gradevoli.

È stato abilmente intagliato utilizzando lame posizionate regolarmente e impilate ordinatamente, afferma un team del Dipartimento del patrimonio culturale della Bassa Sassonia ad Hannover, in Germania.

Antichi ornamenti vicino all’ingresso della grotta del rinoceronte ai piedi dei monti Harz in Germania sono stati trovati dagli archeologi.

Aveva un fondo piatto per tenerlo in posizione verticale, suggerendo che fosse un ornamento, suggerendo che l’immagine dei Neanderthal come “bestie che tirano le nocche” fosse un “randagio”.

Scansione MicroCT dell’osso scolpito e interpretazione delle sei linee rosse che compongono il simbolo chevron. Evidenziato in blu è un insieme di linee subparallele

Il moderno ingresso della grotta di Einhornhöhle (Grotta degli Unicorni) presenta tonnellate di repliche di scheletri di unicorno pubblicate su Protogaea, un libro del paleontologo Gottfried Wilhelm Leibniz

Cos’è l’Unicorn Cafe?

La grotta del rinoceronte (Einhornhöhle) si trova nella Germania centrale ed è la più grande grotta di osservazione dell’Harz occidentale.

Menzionato per la prima volta nel 1541 nelle Cronache, fu codificato più dettagliatamente nel XVII secolo.

Si dice che la grotta sia un luogo dove le persone scambiano reliquie di unicorni.

Secondo la leggenda, le ossa fossilizzate che si dice provenissero da unicorni furono macinate e utilizzate in medicina durante il XVI e il XVII secolo.

Gottfried Leibniz visitò la grotta e scrisse un rapporto sul commercio.

Successivamente, ha creato una ricostruzione fittizia di uno scheletro di rinoceronte basata su ossa trovate in una grotta, pubblicata nel suo libro Protagaea.

La grotta fu scavata nel 1872 dove le ossa sconosciute appartenevano a un gruppo di animali estinti tra cui mammut e orsi delle caverne.

Nel 1905 fu messo a disposizione dei visitatori e aperto al turismo.

Chevron sull’osso, che verrà bollito prima di essere intagliato per renderlo più morbido, suggerisce che abbia un “significato simbolico” ed è un’opera d’arte precedentemente meditata.

Responsabile dello studio Dott. Dirk Leader ha detto: “Questo è un ottimo esempio delle loro capacità cognitive. Le ossa scavate sono uniche nel contesto di Neanderthal”.

READ  La vita è in giro? Poi rompi la tristezza

Ciò che rende questo oggetto interessante sono i motivi molto chiari e gli intagli molto profondi. La scultura Chevron richiederà circa 90 minuti.

C’erano sei linee individuali scolpite nell’osso, indicando che doveva esserci stata un’idea per combinarle in modo coerente.

Dott. Il capo ha detto che le tacche scavate nell’osso erano lunghe circa mezzo pollice e un pollice e disposte a un angolo di 90 gradi, il che significava “non un taglio da macellaio”.

“Questo dimostra che i Neanderthal erano capaci di comportamenti avanzati e complessi, inclusa la produzione di impressioni artistiche”, ha aggiunto.

“Un’incisione a una linea di un disegno chevron mostra l’immaginazione concettuale.”

Il pezzo era lungo circa due pollici e un quarto, largo un pollice e mezzo e pesava poco più di un’oncia.

Il dott. Lieder ha dichiarato: “I cervi giganti sono rari oggi nelle Alpi settentrionali, rafforzando l’idea che l’iscrizione abbia un significato simbolico.

Questa scoperta si aggiunge alla crescente evidenza del complesso comportamento delle specie estinte.

L’osso scolpito è stato trovato vicino a una grotta di rinoceronti, dove i cacciatori di tesori hanno cercato prove di rinoceronti dal XV secolo.

L’antica decorazione vicino all’ingresso della grotta del rinoceronte ai piedi dei monti Harz in Germania è stata scoperta dagli archeologi.

Situato lungo il confine settentrionale del mondo è abitato da uomini di Neanderthal, che cacciavano grandi mammiferi, come dimostrano i resti di orsi delle caverne – tra cui un teschio e scapole.

Sono stati scavati anche bisonti e cervi rossi, comprese specie le cui corna cresceranno fino a 5 piedi e 12 piedi di altezza, il più grande dei cervi.

Scientificamente conosciuto come Megaloceros giganteus, è alto sette piedi sulle spalle e ha quattro lunghe dita su ogni piede, una delle quali è usata in questa opera d’arte.

L’analisi microscopica e la replica sperimentale hanno mostrato che le ossa del mostro sono state prima bollite in acqua calda, per rendere più facile lo scavo, ha affermato il dott. Il leader renderà più facile intagliare con strumenti di pietra.

Le dita giganti di cervo scolpite risalgono al Paleolitico medio e comprendono sei linee scolpite

“Ciò significa che c’è un piano dietro tutti questi passaggi necessari, dalla caccia all’animale alla bollitura delle ossa e allo scavo”, ha spiegato.

Utilizzando la tomografia computerizzata e la microscopia digitale 3D, i ricercatori hanno scoperto che i tagli sono stati effettuati utilizzando schegge di pietra affilate anziché asce manuali.

Gli studi non hanno rivelato alcuna prova che il pezzo inciso fosse usato come collana o posto su una corda per essere indossato sul corpo: era un ornamento.

L’arte creata dal primo Homo sapiens è stata trovata in tutta l’Africa e l’Eurasia, ma non sono stati trovati esempi di opere d’arte simili di Neanderthal.

ha detto il dottor. capi.

Gli studi dimostrano che le ossa possono essere pre-bollite per facilitare la scultura con strumenti di pietra

I ricercatori hanno utilizzato micrografie digitali 3D dell’osso scolpito per comprendere meglio la profondità e la regolarità delle linee.

Schema e sezione dell’ex ingresso della grotta. L’osso scolpito è stato trovato tra le ossa di un orso delle caverne nel nord-ovest

La dottoressa Sylvia Bello, del Museo di Storia Naturale di Londra, che non è stata coinvolta nello studio, ha affermato che gli esseri umani si sono incrociati con l’Homo sapiens 50.000 anni fa.

“Non possiamo escludere un simile scambio di conoscenze precoci tra umani moderni e uomini di Neanderthal, che potrebbe aver influenzato la produzione di manufatti scavati”, ha detto.

Ma ciò non abbasserebbe la loro intelligenza e potrebbe persino farli salire di rango.

Il dottor Bello aggiunge: “Al contrario, la capacità di apprendere, integrare l’innovazione nella propria cultura e adattarsi alle nuove tecnologie e ai concetti astratti, dovrebbe essere riconosciuta come elementi di complessità comportamentale.

Immagine in scala di grigi generata da microtomografia computerizzata. Il leader dello studio, il dott. Dirk Lieder, ha dichiarato: “Questo è un meraviglioso esempio delle loro capacità cognitive. Le ossa scavate sono uniche nel contesto di Neanderthal”.

“In questo contesto, le ossa estratte da una grotta di rinoceronti hanno avvicinato il comportamento di Neanderthal al moderno Homo sapiens”.

È noto che i Neanderthal usavano tinture e oggetti sepolti insieme a piume e artigli di uccelli morti e raccolti.

Sono anche segni di abitudini che un tempo si pensava fossero piuttosto uniche per l’Homo sapiens.

I risultati sono pubblicati sulla rivista ambiente naturale e sviluppo.

I Neanderthal, un parente stretto degli esseri umani moderni, si estinsero 40.000 anni fa

I Neanderthal sono antenati stretti degli umani che si estinsero in circostanze misteriose circa 40.000 anni fa.

Questa specie ha vissuto in Africa con i primi esseri umani per migliaia di anni prima di spostarsi in Europa circa 300.000 anni fa.

In seguito furono raggiunti da umani che entrarono in Eurasia circa 48.000 anni fa.

I Neanderthal sono una specie vicina all’uomo ma non un antenato diretto – due specie separate da un antenato comune – estintosi circa 50.000 anni fa. Nella foto c’è una mostra del Museo di Neanderthal

Questo è l’originale “uomo delle caverne”, che è storicamente considerato stupido e brutale rispetto agli umani moderni.

Tuttavia, negli ultimi anni, e soprattutto nell’ultimo decennio, è diventato sempre più chiaro che stiamo vendendo Neanderthal a prezzi bassi.

Sempre più prove indicano un tipo di “cavemen” più sofisticato e dai molti talenti di quanto chiunque si aspettasse.

Ora sembra che i Neanderthal raccontassero di coloro che morirono, furono sepolti, dipinti e persino incrociati con gli umani.

Hanno usato l’arte del corpo come coloranti e perline e sono stati i primi artisti, poiché l’arte rupestre (e il simbolismo) di Neanderthal in Spagna sembra precedere la prima arte umana moderna di circa 20.000 anni.

Si ritiene che cacciassero a terra e cacciassero. Tuttavia, si è estinto circa 40 mila anni fa dopo il successo dell’Homo sapiens in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *