La sonda Emirati Hope entra nell’orbita di Marte

La sonda degli Emirati Al-Amal è riuscita ad entrare nell’orbita del Pianeta Rosso, in una giornata storica di missioni al vicino della Terra.

Questo risultato rende gli Emirati Arabi Uniti il ​​quinto paese nella storia a raggiungere Marte.

Sette mesi fa, la speranza è partita dalla Terra con la missione di raccogliere dati sul clima del pianeta.

Ma entrare nell’orbita del pianeta ha comportato una manovra cruciale e impegnativa, il Mars Orbital Insertion (MOI).

Un’indagine del Ministero dell’Interno ha portato il veicolo spaziale a ruotare in posizione per bruciare una decelerazione per 27 minuti e rallentare dalla sua velocità di crociera di 121.000 km / h a una velocità più vicina a 18.000 km / h.

(Disegni PA)

Durante questo processo, avrà bruciato circa la metà del suo carburante.

Muoversi troppo lentamente avrebbe significato che la navicella si schiantasse su Marte e, se fosse andata troppo veloce, avrebbe rischiato di saltare attraverso il pianeta.

Con un ritardo radio unidirezionale di 11 minuti a terra, la sonda ha dovuto fare affidamento su sistemi di autocorrezione indipendenti per indagare sul Ministero dell’Interno, gestire qualsiasi circostanza eccezionale e mitigare eventuali guasti del sistema o problemi di prestazioni durante il funzionamento senza intervento umano.

La notizia di un segnale dalla sonda è stata accolta con applausi e applausi, poiché quelli nella sala di controllo – che indossavano maschere per il viso – hanno mantenuto le distanze sociali.

Imran Sharaf, Direttore dell’Emirates Mars Exploration Project (Hope Probe) presso il Mohammed bin Rashid Space Center, ha dichiarato: “Il Ministero degli Interni è stata la parte più importante e pericolosa del nostro viaggio su Marte, poiché ha esposto la sonda Hope alle pressioni. e pressioni che non aveva mai dovuto affrontare prima.

READ  Maiali e roditori possono respirare il sedere

“Anche se abbiamo trascorso sei anni a progettare, testare e riprovare il sistema, non c’è modo di simulare in modo indipendente gli effetti del rallentamento e della navigazione necessari per indagare sul Ministero dell’Interno.

“Con questo enorme risultato raggiunto, ci stiamo ora preparando a passare alla nostra orbita scientifica e iniziare a raccogliere dati scientifici”.

Dopo che la gravità di Marte avrà ripreso speranza, entrerà in una fase chiamata orbita di cattura.

L’orbita di cattura porta il veicolo spaziale da 1.000 a 49.380 chilometri dalla superficie di Marte.

In questa fase, i dispositivi verranno testati e la navicella, entro i prossimi due mesi, si sposterà nella sua orbita scientifica.

Il passaggio all’orbita scientifica di Hope sarà completato entro aprile 2021.

La sonda ha un’orbita scientifica ellittica compresa tra 20.000 e 43.000 km e completa un’orbita del pianeta ogni 55 ore.

Mentre sarà in contatto quotidiano con la Terra durante la sua fase orbitale, i suoi contatti in orbita scientifica si verificheranno due o tre volte alla settimana.

Saranno necessarie dalle sei alle otto ore per scaricare i dati, gli aggiornamenti e le istruzioni alla volta.

La sonda esplorerà l’atmosfera del pianeta, cosa che nessuna sonda precedente ha fatto per il pianeta.

Hope mira a rispondere a una serie di domande, incluso il modo in cui le condizioni dell’atmosfera marziana influenzano i tassi di fuga di idrogeno e ossigeno, i mattoni della vita.

E come si comporta lo strato più esterno di Marte (atmosfera superiore) in momenti diversi durante il giorno ea diverse distanze rispetto a Marte.

Gli strumenti a bordo raccoglieranno vari punti dati sull’atmosfera per misurare anche i cambiamenti stagionali e giornalieri.

Sarah Yousef Al Amiri, ministro di Stato per le tecnologie avanzate e capo dell’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti, ha affermato di sperare che la missione sia in grado di condividere i dati entro settembre.

READ  Un misterioso gruppo di pianeti canaglia avvistati vicino al centro della nostra galassia

“Uno dei nostri obiettivi principali è assicurarci di condividere i dati non appena ci sentiamo a nostro agio, come team scientifico, che i dati siano utilizzabili dagli scienziati e che siano corretti”, ha detto all’Agenzia di stampa dell’Autorità Palestinese.

Ha aggiunto: “Speriamo di rilasciare i dati al più tardi all’inizio di settembre, e saranno i dati dell’orbita di cattura che è stata catturata intorno a Marte, così come dall’inizio della nostra fase scientifica”.

Hope è la prima di tre missioni a raggiungere Marte questo mese.

Mercoledì, anche la missione cinese Tianwen-1 proverà a raggiungere l’orbita e il perseverante rover della NASA arriverà il 19 febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *