– La “National Athletic Parade” del 24 marzo 1935

Nassus Bratsus

Nel marzo 1935, viaggeremo per vedere come il governo dell’epoca fece un severo intervento nel campo dello sport da utilizzare nei suoi sforzi politici.

Il primo ad accorgersi dell’ingresso nel clima dell’epoca, che fu anni con particolare fluidità politica e grandi polemiche. In “Things” c’era il governo di Panaji Tsaldari (marzo 1933 – ottobre 1935). Nell’altro campo, Venizelos tentò di rovesciare il governo con un colpo di stato del 1 marzo 1935, che fallì, e di conseguenza Venizelos lasciò l’estero.

Il colpo di stato fallì ma portò alla persecuzione e all’espulsione dei soldati di Venizelus, per liquidare il settore pubblico dai Venizelisti. Il governo di Tsaldari ha abolito il mandato per i dipendenti pubblici e ha abolito la vita della magistratura.
Quando il colpo di stato fu sconfitto, molti atleti erano stati convocati – erano stati reclutati, il che aveva implicazioni per il movimento sportivo del paese, che in quegli anni aveva un gran numero di club indipendenti – non ufficiali che gareggiavano in tornei piuttosto che ufficiali eventi.

Volendo chiarire la scena, ha deciso di organizzare una “parata sportiva nazionale”, dove la partecipazione significava l’approvazione del governo e la non partecipazione era un segno di concorrenza nella sua iniziativa. La data è stata fissata per domenica 24 marzo 1935, poiché l’anniversario nazionale del 25 marzo cade lunedì.
In un discorso, ha invitato il sindaco di Atene dell’epoca, Kotzias, a prendere parte alla parata, che ha descritto come una “manifestazione di pentimento nazionale” e ha minacciato che qualsiasi sindacato che non avesse partecipato sarebbe stato “di sinistra” del governo. In altre parole, presi di mira e perseguiti.Questo non solo significa sinistra in termini di geopolitica che conosciamo oggi, ma anzi allarga i criteri alla logica, chiunque non è con il governo è un avversario, e quindi una sinistra, la palla ottiene anche le medie potenze. La frase esatta “viene automaticamente collocata a sinistra del governo”. Inoltre, la persecuzione continuò durante la dittatura di Metaxa, come è tipicamente registrato nell’articolo del 14 gennaio 1938 in “Athlitiko Vima”.
Il luogo di osservazione è il punto di partenza allo stadio Panathinaikos, con il punto d’incontro dello stadio Apollo, che allora era sul tetto.
Il periodo precedente la data della marcia, i sindacati annunciano la partecipazione, ma sotto pressione e altro no, e la stampa annuncia in quel momento la partecipazione, mentre la relativa pubblicità prosegue dopo la presentazione con relazioni che vanno oltre la menzione del nome di l’unione e il presente. Membri della sua gestione e forza degli atleti esistenti che chiamiamo oggi. È qualcosa come i detti di penitenza che seguirono alcuni anni dopo altri tempi turbolenti politici.
C’è anche chi evita di partecipare senza avere conseguenze dirette sulla propria spesa. La natura amatoriale delle squadre indipendenti fornisce una scusa per cui molti atleti fanno carriere che si svolgono di domenica, motivo per cui i club indipendenti non hanno sempre o solo giocato la domenica, ma più facile è la loro pianificazione per loro in relazione ai loro obblighi latenti. ..

READ  Italia: Torino e Genova "raggiunte"

Prima del colpo di stato di Venizelos, erano in corso i preparativi per formare un’unione indipendente in occasione di vari eventi nell’Ufficio europeo dei brevetti, che hanno spinto il regime a chiamare il nuovo sindacato “patriota” per nominare un militare incaricato dello sport. outlook sullo sport, che considera solo un laboratorio di modellazione del corpo per i soldati candidati – e fornisce rapporti rilevanti sulla stampa all’epoca sui successori dei combattenti delle Termopili e dei Salami.In definitiva il loro numero è stimato intorno ai 2.200-3.000, per lo più atleti e calciatori, ascoltando le parate ufficiali e registrando il “National Sports Show” nella storia, insieme ai corrispondenti festival nel periodo tra le due guerre, Mussolini e Hitler e. Dopo la seta, cioè nella subordinazione dello sport alla logica del militarismo e della propaganda di regime.

Non hanno nascosto le loro intenzioni (E questa non era la prima volta) gli organizzatori e la loro ammirazione per il regime fascista di Mussolini e Hitler nazista, come ha confermato nel suo discorso all’assemblea, il capo della Federazione Nazionale Sportiva, Petralas: “Il nostro vicino Mussolini si è affidato ai giovani e ha creato il nuovo grande italiano.
In Germania, Hitler, grazie all’esemplare preparazione militare e atletica della gioventù tedesca, è riuscito a infrangere le restrizioni del Trattato di Versailles, limitando così le loro libertà “.Per la gioia dei fascisti di Mussolini e dei nazisti di Hitler, gli atleti furono indirizzati a riceverlo di conseguenza. Resta nella storia che ci furono feste simili che si verificarono durante la dittatura di Metaxas, e sebbene fosse vero, l’ispirazione era preesistente e apparteneva a un sistema parlamentare, ammiravano tutti coloro che, dopo pochi anni, mostravano il volto difficile di governance. Fatih nel nostro paese.

READ  Corretto per cinque cambi in semifinale e finale di Coppa di Lega

Nessuno, però, è caduto dalle nuvole per il contenuto dei discorsi alla National Sports Parade, come riportato dal quotidiano Acropoli il 24/01/1935 Ci sono stati episodi in un discorso tenuto dal sindaco di Atene, Kotzias, in cui ha elogiato il regime fascista in Italia e dal pubblico, e gli studenti del Dodecaneso (il Dodecaneso era sotto l’occupazione italiana dal 1912 ei greci erano sotto pressione e persecuzione) protestò ad alta voce, Diventare sindaco di RomaHanno lanciato lacrimogeni e sono rimasti coinvolti con membri dell’EEE fascista mentre eseguivano gli arresti.)
Da allora, molta acqua è fluita sul fondo e su tutte le lunghezze e larghezze del pianeta, e sforzi simili per “sfruttare” la popolarità dello sport, a volte da parte di governi eletti, a volte da dittature, a volte con “tatto” e talvolta grida forti , offriva molto materiale per lo studio.

Fonti: Athletic Voice, Bradyni e Acropolis, marzo 1935

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *