La NASA lancia il telescopio James Webb nello spazio il giorno di Natale

È stato il miglior regalo di Natale NASA posso chiedere.

agenzia Telescopio spaziale James WebbIl telescopio più grande e potente del mondo mai costruito, lanciato con successo in orbita sabato. Il lancio ha segnato l’inizio tanto atteso della prossima missione del telescopio Webb Oltre 30 anni di sviluppo e ritardi infiniti.

L’osservatorio da 10 miliardi di dollari, annunciato come il successore del famoso telescopio spaziale Hubble, è progettato per studiare i primi giorni dell’universo, quasi 100 milioni di anni dopo il Big Bang, quando le prime stelle nell’universo lampeggiarono.

Un osservatorio delle dimensioni di un campo da tennis è stato lanciato in cima a un razzo Ariane 5 alle 7:20 ET da uno spazioporto europeo a Kourou, Guiana francese. Il lancio dell’osservatorio è stato più volte rinviato, Compreso all’inizio di questo mese Per indagare su un cavo dati difettoso e recentemente a causa del maltempo nel sito di lancio in Sud America.

Ora che il telescopio è nello spazio, sta intraprendendo un viaggio straziante di un mese verso la sua orbita designata intorno al sole, a più di un milione di miglia dalla Terra.

Mentre Webb viaggia verso la sua destinazione finale, le parti chiave dell’osservatorio che si sono piegate per adattarsi all’interno del razzo dovranno propagarsi nello spazio. Alcune delle acrobazie più snervanti arriveranno circa cinque giorni dopo il lancio, quando l’enorme parasole multistrato del telescopio verrà esteso e il suo enorme specchio di base placcato in oro si aprirà.

Le manovre rischiose e attentamente progettate sono così complesse e richiedono una tale precisione che la NASA ha chiamato la sequenza “29 Days on the Edge”.

READ  Perché la sonda Mars Insight si copre di sporcizia

“Abbiamo circa 50 implementazioni per iniziare con quel primo mese dopo il lancio”, ha detto Greg Robinson, responsabile del programma Webb Telescope della NASA, a NBC News all’inizio di questo mese. “Le prime due o tre settimane saranno quella che qualcuno potrebbe definire una buona preoccupazione”.

Lo specchio primario del telescopio Webb è largo più di 21 piedi, il che lo rende lo specchio più grande per volare nello spazio. Le dimensioni dello specchio, che sminuiscono quelle di Hubble e di altri telescopi spaziali esistenti, danno a Webb una sensibilità per vedere corpi celesti precedentemente non rilevabili.

“Più un oggetto è lontano, più debole appare. Quindi più grande è lo specchio, più debole è la cosa che puoi vedere”, ha detto Marcia Rick, astronomo dell’Università dell’Arizona e ricercatore principale per uno dei quattro strumenti principali di Webb. . Più grande è lo specchio, più precisi sono i dettagli che puoi vedere.”

I telescopi agiscono fondamentalmente come macchine del tempo perché impiegano tempo perché la luce viaggi nello spazio. Ciò significa che quando Webb studia la luce proveniente dalle galassie più lontane dell’universo, il telescopio sta effettivamente osservando com’era l’universo miliardi di anni fa.

Le squadre di lancio monitorano il conto alla rovescia per il lancio presso il Centro spaziale della Guyana.NASA/Bill Ingalls/Getty Images

Il telescopio Webb è progettato per “vedere” oltre la portata dell’occhio umano e altri telescopi che monitorano principalmente la luce visibile. La visione a infrarossi di Webb può penetrare spesse barriere di gas e polvere cosmici, permettendogli di vedere corpi celesti che normalmente apparirebbero invisibili ad altri osservatori.

Gli strumenti di Webb sono anche abbastanza sensibili da esplorare le atmosfere degli esopianeti, esaminarne la composizione chimica e valutare se possono supportare la vita aliena.

“È concepibile che potremmo trovare un esopianeta la cui composizione dell’atmosfera – quel gruppo di molecole – sarebbe molto simile a quella della Terra”, ha detto Rickey. “Sarebbe assolutamente fantastico se potessimo farlo.”

Ma prima che Webb inizi a raccogliere dati scientifici o a scattare foto dell’universo, il telescopio sarà sottoposto a un rigoroso periodo di messa in servizio di sei mesi per calibrare i suoi strumenti e valutare lo stato di salute dei suoi vari componenti.

Se fosse uscito tutto, i controllori della missione avrebbero finalmente tirato un sospiro di sollievo.

“La nostra pressione sanguigna sarà alta e il nostro cuore batterà forte fino a quando non sarà completamente messo in funzione”, ha affermato Daniel Neuschwander, direttore del trasporto spaziale dell’ESA, uno dei partner internazionali della NASA nel telescopio Webb.

Dopodiché, disse Robinson, nessuno indovina cosa potrebbe scoprire Webb.

“Sono curioso di sapere cosa c’è là fuori”, ha detto. “Da dove veniamo? Qual è il nostro posto nell’universo? Questo è il genere di cose che non vedo l’ora di imparare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *