La Malesia è grata per le operazioni “regolari” dell’Hajj lungo la rotta della Mecca

La Malesia è grata per le operazioni “regolari” dell’Hajj lungo la rotta della Mecca

GEDDA: Il 47° Grande Simposio dell’Hajj, organizzato dal Ministero dell’Hajj e dell’Umrah, si è tenuto martedì a Gedda, con il titolo “Facilitare la giurisprudenza nell’Hajj”.

Al simposio hanno partecipato eminenti ministri sauditi, tra cui il dottor Tawfiq Al-Rabiah, ministro dell’Hajj e dell’Umrah. Sheikh Abdul Rahman Al-Sudais, Presidente della Presidenza Generale per gli Affari delle Due Sacre Moschee. E Abdel Fattah bin Suleiman Mashat, sottosegretario al ministero dell’Hajj e dell’Umrah. Ayed Al-Quwaim, viceministro per gli affari dell’Hajj, oltre a un gruppo di studiosi e pensatori del mondo islamico e delegazioni rappresentative dei paesi islamici.

Il simposio mirava a promuovere i valori della pace, della comprensione e della cooperazione e ha cercato di creare una piattaforma per discutere questioni urgenti e cruciali che potrebbero influenzare il viaggio dei pellegrini mentre partecipano ai rituali.

Abdel Fattah bin Suleiman MashatE
Vice Ministro dell’Hajj e dell’Umra

Il ministero ha cercato, attraverso l’evento, di evidenziare il ruolo culturale e di civiltà svolto dal Regno dell’Arabia Saudita al servizio dei pellegrini della Santa Casa di Dio sin dall’istituzione del Regno.

Ha anche fatto luce sui risultati più importanti, sui progetti pionieristici e sugli sviluppi.

Al-Rabeeah ha affermato nel suo discorso di apertura che il simposio dedicherà una sessione speciale durante la quale gli alti dirigenti potranno discutere i programmi operativi che sono stati preparati per la stagione dell’Hajj.

L’Hajj in passato non era come l’Hajj dei nostri tempi, e sarà diverso in futuro… La tecnologia dell’informazione è uno degli elementi essenziali dell’Hajj.

Abdel Fattah bin Suleiman MashatVice Ministro dell’Hajj e dell’Umra

Durante il simposio si sono tenute quattro tavole rotonde, tra cui una sessione intitolata “Prontezza del servizio e piani operativi: fattori chiave e opportunità”.

Al-Jouinem ha spiegato che ci sono più di 400 pacchetti di servizi forniti da varie compagnie, che vengono utilizzati da più di 1,4 milioni di pellegrini.

READ  تمت إقالتها.. مسؤولة مصرية قامت بأغرب إجراء في مدينة

Ha aggiunto che il ministero ha lavorato con i suoi partner per autorizzare i fornitori di servizi al fine di raggiungere gli obiettivi relativi all’alloggio, al cibo e alla ristorazione.

Hani Jakhadar, sottosegretario del Ministero della sanità pubblica, ha affermato che 32.000 operatori sanitari forniscono servizi ai pellegrini durante la stagione dell’Hajj attraverso quattro regioni e 14 centri sanitari attraverso porti terrestri, aerei e marittimi.

Inoltre, ci sono 32 ospedali e più di 140 centri sanitari, di cui 46 centri sanitari ad Arafat, 26 a Mina, 6 sulle strade pedonali nei luoghi santi e 16 a Jamarat.

Jakhadar ha consigliato ai pellegrini di usare gli ombrelli a causa delle alte temperature previste.

Ha aggiunto: Consiglio a coloro che soffrono di malattie croniche e alle donne incinte di non andare loro stessi alla lapidazione del Jamarat e di nominare qualcuno per loro conto per svolgere questo compito perché comporta percorrere lunghe distanze mentre c’è il sole. costituiscono un grave pericolo per la loro salute. “

Al-Mashat ha affermato nel suo discorso di chiusura che quest’anno circa 20.000 autobus serviranno i pellegrini.

Ha aggiunto: “Se questi autobus fossero allineati uno dietro l’altro, costituirebbe una distanza di 350 chilometri. Stiamo parlando di due milioni di persone che viaggiano cinque volte in cinque giorni.

“L’Hajj in passato non era come l’Hajj dei nostri tempi, e sarà diverso in futuro … La tecnologia dell’informazione è uno degli elementi essenziali dell’Hajj”.

Per quanto riguarda la tecnologia, Al-Jouinem ha dichiarato ad Arab News: “Il braccialetto intelligente Hajj servirà a tracciare i pellegrini e gestire le folle.

La piattaforma Nisk aiuterà il pellegrino a scegliere l’operatore del servizio per eseguire i rituali, oltre a rilasciare i permessi e i visti necessari. È l’applicazione completa per il viaggio di pellegrinaggio.

READ  Orari di chiusura delle scuole invariati - Zimbabwe Post

Utilizziamo anche la piattaforma Tafweej, che include tutte le questioni relative ai trasporti, per garantire che i pellegrini si spostino facilmente dalle loro case a Makkah Al-Mukarramah ai luoghi sacri e da lì alla Grande Moschea.

Il Great Hajj Symposium è stato istituito nel 1970 e sottolinea il prestigioso status regionale e internazionale dell’Arabia Saudita come faro di religione e cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *