La Francia assisterà a più terremoti in futuro?

La Francia assisterà a più terremoti in futuro?

Venerdì 16 giugnoFrancia occidentale Ho vissuto un terremoto senza precedenti. con una magnitudo da 5,3 a 5,8 della scala Richter secondo la Rete Sismologica Nazionale (Renas) e l’Ufficio sismologico centrale francese (BCSF), la violenta scossa si è verificata nel comune di Cram Chaban (Charente Marittima) tra La Rochelle e Niort.

Questo è il più grande terremoto in questa regione in cinquant’anni e il terremoto è stato registrato a Oléron nel 1972.

Questo terremoto è il risultato di sollecitazioni meccaniche che si accumulano sulle rocce a livello delle placche tettoniche. La Francia è sotto l’influenza della placca africana, che spinge verso l’Europa, e della placca italiana, che spinge verso l’interno delle Alpi.

>>Leggi anche: Tornado: come si formano e quali sono le zone più esposte in Francia?

Anche se i terremoti sono molto meno potenti che in alcune regioni del mondo, la Francia è davvero un paese soggetto a rischi sismici. Ogni anno nella regione si registrano centinaia di terremoti anche se solo decine sono avvertiti dalla popolazione. Con magnitudo generalmente ben al di sotto di 6, la Francia è considerata un paese in cui il rischio di terremoti è moderato.

Un evento imprevedibile

Ancora oggi è molto difficile prevedere con precisione il verificarsi di questi eventi devastanti. Tuttavia, grazie alle nuove conoscenze scientifiche in questo campo, è sempre meglio valutata.

Inoltre, sulla base di modelli probabilistici di rischio, vengono stabilite norme edilizie antisismiche per la progettazione di edifici antisismici. Ogni paese dovrebbe adottare modelli formali per lo sviluppo di strategie nazionali di adattamento e riduzione del rischio.

Come definito dal CRNS Un nuovo modello probabilistico di pericolosità sismica, Accompagnato per la prima volta da un modello di rischio sismico, denominato rispettivamente ESHM20 e ESRM201 , su scala europea. Le mappe generate da questi modelli consentiranno di prevedere meglio i rischi associati ai terremoti.Tuttavia, l’esito è inevitabile. Non resta che prepararsi il più possibile, migliorare la prevenzione e fare in modo che le sue conseguenze siano il meno dannose possibile.

READ  Esempi di animali insettivori, loro caratteristiche e classificazioni

Le zone più soggette a terremoti

Tuttavia, alcune aree sono ancora più vulnerabili di altre. Quindi, se l’attività sismica è molto bassa, soprattutto nel nord-est, a Seine-et-Marne, a L’Eure o nella Gironda; È moderato e persino moderato, soprattutto nel sud-est e parte del sud-ovest.

Tra le regioni con attività sismica moderata troviamo anche i dipartimenti di Vandea, Maine-et-Loire, Indre-et-Loire, Charente-Maritime, Charente, Vienne e Deux-Sèvres. In questo elenco sono incluse anche alcune contee del sud-est, come l’Ardèche e la Drôme.

La cosiddetta sismicità media interessa principalmente i dipartimenti dei Pirenei atlantici, Haute-Pyrenees, Haute-Garonne, Ariège, Pyrenees Orientales, Alpes-Maritimes, Hautes-Alpes, Savoy, Vaucluse e Alpes-de-Haute-Provence.

Nei Pirenei i terremoti sono molto frequenti (più di 500 terremoti all’anno), ma la stragrande maggioranza non supera i 3 terremoti. Il massiccio subisce alcuni eventi di magnitudo 4 ogni anno e ogni 15-20 anni (in media) un terremoto di magnitudo 5. D’altra parte, alcuni terremoti (più rari) possono essere più intensi e potenzialmente pericolosi. Questo è stato il caso molte volte in passato.

Si ricorda ancora il terremoto di Arguelles-Gazost negli Alti Pirenei, di magnitudo 4,9 della scala Richter. È stato avvertito fino a Barcellona e Tolosa e, fortunatamente, ha causato solo lievi danni nelle vicinanze di Lourdes (camini caduti e brevi interruzioni di corrente) a causa della profondità del focolaio (9 km) e della zona molto scarsamente popolata. epicentro. Il più forte terremoto storico nella regione sarebbe avvenuto nel 1660 e avrebbe potuto uccidere molte migliaia, aveva una magnitudo di 6,5. Non si può escludere un nuovo terremoto di questa portata, soprattutto nei Pirenei occidentali.

Divisione sismica della Francia. Credito: governo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *