I più antichi petroglifi attribuiti ai Neanderthal sono descritti in Francia

I più antichi petroglifi attribuiti ai Neanderthal sono descritti in Francia
Leggi anche: Helvetia incognita: sulle orme dei Neanderthal in Val-de-Travers

Jean-Claude Marquet, geologo e primo autore dello studio, racconta: “Nel 1975 contattai il nuovo proprietario del terreno che mi permise di lavorare nella grotta. Davanti all’ingresso trovammo uno strato spesso 1,80 metri che aveva non è stato rimosso nel 1846. Era uno strato musteriano in ottime condizioni. La prima prova della presenza umana di Neanderthal quando la grotta fu interrata. In fondo alla grotta un geologo francese scoprì tracce sulle pareti. “Sarei stato considerato uno sciocco se ne avessi parlato, perché a quel tempo i Neanderthal erano considerati dei selvaggi.”

Jean-Claude Marquet può riprendere la sua ricerca nel 2008 dopo la regia Museo preistorico di Grand-Pressigny per 20 anni. Cinquanta campioni dai sedimenti davanti e intorno alla grotta vengono prelevati e inviati in Danimarca per la datazione con luce stimolata otticamente (OSL), una tecnica per determinare la data in cui i sedimenti sono stati esposti per l’ultima volta alle radiazioni solari e cosmiche. Secondo i risultati di questa analisi, la grotta è stata sigillata con limo circa 57.000 anni fa, molto prima che l’uomo moderno fosse nella zona. Le prove dell’arrivo della nostra specie nell’Europa occidentale risalgono a più di 45.000 anni fa.

Trine Frisleben e Jean-Claude Marquet discutono delle impronte digitali e di dove vengono prelevati i campioni OSL – © Christina Thomsen

uomo moderno, Homo sapiens, Quindi sono entrato in questa grotta solo nel 1912, non prima. Ci sono state pochissime visite al sito, precisa Jean-Claude Marquet che ipotizza che il tracciamento digitale potrebbe essere stato fatto circa 75.000 anni fa, secondo la data. Prima dell’uomo di Neanderthal la grotta era occupata da animali come orsi, leoni e tassi che lasciano tracce che nulla hanno a che fare con essa.

READ  Kakommz's Beauty Review: coltello Citra THAI AURA che sembra luminoso, luminoso e odora tutto il giorno.

Grazie alla fotogrammetria, che consente di effettuare misurazioni precise su una scena a partire dalle immagini, il team scientifico ha studiato in dettaglio i contorni delle impronte digitali sul muro di pietra calcarea. Ad esempio, in uno degli otto pannelli, chiamato “Triangolo”, le linee disegnate rappresentano triangoli in linea. “Colui che ha lasciato quello ha chiesto di passare il dito senza toccare le altre figure. Il dito ha rallentato, poi si è appiattito, poi si è girato di lato”, dice Jean-Claude Marquet. “È un lavoro diligente, ordinato e deliberato. C’è senza dubbio questi elementi grafici avevano un significato per un essere umano.” Neanderthal”.

Molte scoperte negli ultimi dieci anni

“Questo studio serio porta un’aggiunta indiscutibile ai Neanderthal”, commenta da parte sua il paleoantropologo Antoine Balzu, ricercatore presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica e il Museo dell’uomo di Parigi.Non dovremmo più essere sorpresi quando troviamo materiale complesso di questo tipo, che era anche in grado di tracciare tracce con le dita sul muro.

Nell’ultimo decennio sono stati descritti numerosi oggetti recanti segni intenzionali attribuiti ai Neanderthal, come conchiglie contenenti tracce di pigmenti, del periodo Musteriano, In una grotta a Cartagena, in Spagna e dentro Un altro nel nord Italia. Più recentemente, nel 2017, gli scienziati hanno descrittoin revisione Più uno Osso di corvo con tacche regolari trovato in un sito di Neanderthal in Crimea. E nel 2021, Osso inciso trovato nel nord della Germania E 51.000 anni dopo sta ancora rivelando la sua capacità simbolica, secondo uno studio pubblicato su natura e la sua evoluzione.

Leggi anche: Quello che abbiamo ereditato dai Neanderthal

READ  La Terra assisterà a un'imminente inversione dei suoi poli magnetici?

Inoltre, i disegni rupestri di La Roche-Cotard non sono i primi attribuiti ai Neanderthal in Europa. Nel 2018, un team di ricercatori ha fatto lo stesso per i dipinti scoperti in una grotta iberica risalente a -64.800 anni fa, il che implica che gli artisti erano uomini e donne di Neanderthal. Ma questi lavori pubblicati in scienza è stato criticato in Articolo pubblicato in Giornale dell’evoluzione umana da un gruppo di studiosi che hanno espresso dubbi.

«Sono stato uno dei firmatari di questo articolo e non ho cambiato idea su questo punto», commenta oggi Eric Robert, ricercatore francese del Centro nazionale per la ricerca scientifica specializzato nello studio delle rappresentazioni preistoriche. il metodo di datazione inaffidabile utilizzato e dalla mancanza di analisi Nel contesto archeologico e geologico di queste lastre, in un sito dove Homo sapiens Era presente anche lui. Eric Robert ha co-firmato lo studio presso La Roche-Cotard che, secondo lui, “risponde precisamente a questi obiettivi incorporando un approccio globale al sito”. “In genere, quando trovi qualcosa di insolito, deve essere solido.”

Forse lo studio francese chiarisce i recenti dubbi sulla capacità di espressione simbolica dei Neanderthal. I risultati del 2018 sono stati discussi perché hanno sconvolto alcuni a priori: alcuni hanno detto che i Neanderthal erano incapaci di fare arte, commenta Marilyn Patou-Mathis, specialista del comportamento dei Neanderthal presso il Museo Nazionale Francese di Storia Naturale.Dobbiamo rimanere cauti ma aperti. La Roche-Cotard è serio e ben eseguito.” Per ora la piccola grotta francese rimane chiusa al pubblico e le pareti sono molto fragili. Resta da immaginare cosa potrebbero significare questi triangoli, cerchi e linee tratteggiate per i Neanderthal della Valle della Loira.

READ  Ecco come sarà il tempo a Capodanno - VG
Leggi anche: L’ex specialista del DNA Svante Päabo riceve il premio Nobel per la medicina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *