Il Boeing Starliner trasporterà finalmente gli astronauti – rts.ch

Il Boeing Starliner trasporterà finalmente gli astronauti – rts.ch

Tutto è finalmente pronto: la navicella spaziale Starliner della Boeing decollerà lunedì e trasporterà gli astronauti della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale per la prima volta, diversi anni dopo SpaceX.

Quest'ultimo volo di prova dello Starliner, prima dell'inizio delle sue operazioni regolari, è cruciale per il colosso dell'aviazione, che, tra le altre cose, ha la sua reputazione a rischio. Lo sviluppo della navicella spaziale, ordinato dalla NASA dieci anni fa, è stato segnato da spiacevoli sorprese e successivi rinvii, una serie oscura che Boeing spera di porre fine.

Il decollo degli astronauti americani Sonny Williams e Butch Wilmore è previsto lunedì alle 22:34 da Cape Canaveral in Florida (martedì alle 4:34 ora svizzera) a bordo della capsula Starliner, che sarà spinta in orbita da un razzo Atlas V. dallo spazio. Gruppo ULA.

Gli astronauti della NASA Sonny Williams (a sinistra) e Butch Wilmore (a destra) si trovano di fronte alla navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner mentre il veicolo esce dall'impianto di produzione della Boeing al Kennedy Space Center al Kennedy Space Center Complex-41 Cape Canaveral Space Station in Florida, 16 aprile 2024. . [Keystone – Cristobal Herrera-Ulashkevich]

Questi due veterani, entrambi della Marina americana, hanno visitato due volte la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), su uno space shuttle e poi su una navicella spaziale russa Soyuz: “Sarà come tornare a casa”, ha previsto Sonny Williams, 58 anni. Ma per quanto riguarda la capsula che li porta lì, “Tutto è nuovo, tutto è unico”, ha detto Butch Wilmore, 61 anni. “Non credo che nessuno di noi oserebbe sognare di essere associato al viaggio inaugurale di un marchio -nuova nave”, sorrise raggiante.

Anche per la Nasa la posta in gioco è alta: avere un secondo veicolo oltre a quello di SpaceX per trasportare gli astronauti americani «è molto importante», come conferma Dana Weigel, responsabile del programma della Stazione Spaziale Internazionale. Questa capacità, ha spiegato, permetterebbe di rispondere meglio a “vari scenari di emergenza”, ad esempio in caso di problemi su una delle navi.

READ  Diverse persone risultano scomparse e tre corpi sono stati ritrovati a Gard

Una serie di battute d'arresto

La navicella spaziale Starliner su un razzo Atlas V è impilata presso la struttura di integrazione verticale della United Launch Alliance, pronta per il trasporto sulla rampa di lancio. [Boeing]
La navicella spaziale Starliner su un razzo Atlas V è impilata presso la struttura di integrazione verticale della United Launch Alliance, pronta per il trasporto sulla rampa di lancio. [Boeing]

L'attracco del veicolo Starliner alla Stazione Spaziale Internazionale è previsto mercoledì intorno alle 7 in Svizzera e vi rimarrà per poco più di una settimana. Verranno condotti dei test per accertarne il funzionamento, dopodiché i due astronauti ritorneranno sulla Terra con esso. Il successo di questa missione porterebbe a buon fine un programma di sviluppo che si è rivelato irto di insidie.

Nel 2019, durante il primo test senza equipaggio, non è stato possibile rimettere la capsula sulla giusta rotta e restituirla senza raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale. Poi, nel 2021, mentre il razzo era già sulla rampa di lancio per ritentare il volo, un problema con le valvole intasate della capsula ha portato ad un altro rinvio. La nave vuota è riuscita finalmente a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale nel maggio 2022.

D'ora in poi, il primo volo con equipaggio dovrebbe consentire alla capsula di essere certificata, in modo che possa poi iniziare i suoi voli regolari verso la Stazione Spaziale Internazionale.

La Boeing sperava di poter effettuare questo primo volo con equipaggio già nel 2022, ma i problemi scoperti tardi, in particolare con i paracadute che frenano la capsula mentre rientra nell'atmosfera terrestre, hanno posticipato la scadenza.

“C’erano una serie di sorprese che abbiamo dovuto superare”, ha detto il CEO di Boeing Mark Nappi in una conferenza stampa. Ha sottolineato che questo “ha reso i nostri team molto forti e orgogliosi del modo in cui hanno superato ogni problema”. “Ci volevano dieci anni per sviluppare un veicolo spaziale per gli esseri umani”, ha difeso.

READ  Qualcosa di strano sta accadendo con la sonda interstellare Voyager 1

“imbarazzato”

“Avremo sicuramente eventi inaspettati durante questa missione, cose che ci aspettiamo di apprendere, perché è una missione di prova”, ha avvertito l'amministratore associato della NASA Jim Frey. Ha sottolineato che si trattava della sesta navicella spaziale americana lanciata dagli astronauti.

La capsula Dragon di SpaceX si è effettivamente unita a questo club molto speciale nel 2020, sulla scia dei programmi Mercury, Gemini, Apollo e dello Space Shuttle. Una volta che Starliner sarà operativo, la NASA vuole alternare i voli SpaceX e Boeing per traghettare i suoi astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.

Nel 2014, l’agenzia spaziale ha firmato un contratto del valore di 4,2 miliardi di dollari con Boeing e di 2,6 miliardi di dollari con SpaceX per lo sviluppo di queste navi. “Tutti pensavano che Boeing sarebbe arrivato per primo”, ricorda Eric Seedhouse, professore associato alla Embry-Riddle Aeronautical University. “SpaceX ha avuto successo molto prima che Starliner diventasse troppo imbarazzante per Boeing.”

Con la Stazione Spaziale Internazionale che verrà ritirata nel 2030, sia Starliner che Dragon potrebbero eventualmente essere utilizzati per trasportare esseri umani verso future stazioni spaziali private, che diverse aziende stanno già pianificando di costruire.

ats/afp/sjaq

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *