La Corea del Nord sta combattendo una crisi alimentare? | Notizia

La Corea del Nord sta combattendo una crisi alimentare?  |  Notizia

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha ordinato miglioramenti all’agricoltura tra notizie dall’esterno del paese di un peggioramento della crisi alimentare.

La Corea del Sud ha detto che il suo vicino sembrava avere a che fare con una situazione alimentare “seria”, mentre il think tank 38 North, con sede a Washington, DC, che fa parte dello Stimson Center, ha affermato che il paese era sull’orlo della carestia.

Cosa sta succedendo in Corea del Nord?

La Corea del Nord ha sofferto a lungo di insicurezza alimentare con una devastante carestia negli anni ’90 che si stima abbia ucciso tra 240.000 e 3,5 milioni di persone.

Gli analisti hanno incolpato le condizioni meteorologiche estreme e le chiusure delle frontiere durante la pandemia di COVID-19 per il peggioramento della situazione alimentare, che era già fragile a causa di decenni di stagnazione economica causata dalla pianificazione centrale, risorse dirottate verso lo sviluppo di armi e sanzioni internazionali.

“È probabile che la disponibilità di cibo sia al di sotto della soglia minima in relazione ai bisogni umani”, ha affermato un rapporto di 38 North a gennaio.

L’economia della Corea del Nord si è ridotta di circa lo 0,1% nel 2021, il secondo anno consecutivo di declino, secondo la banca centrale della Corea del Sud.

Qual è lo stato del suo sistema agricolo?

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha esortato i funzionari a raggiungere gli obiettivi di produzione agricola, dichiarando che “nulla è impossibile” sotto la guida del Partito dei lavoratori al potere.

Ha anche chiesto migliori infrastrutture per aumentare la produzione alimentare, secondo i media statali.

La Corea del Nord si basa su un sistema agricolo collettivo che esiste dagli anni ’50.

READ  I 6 posti migliori per osservare le stelle in tutto il mondo, secondo gli esperti di viaggio

“[Its] Il sistema agricolo si basa sugli agricoltori che producono quanto più cibo possibile”, ha detto ad Al Jazeera Martyn Williams, collega e giornalista dello Stimson Center.

Ha aggiunto che la maggior parte del cibo va in un sistema di distribuzione centralizzato, “e in passato ha fornito ai nordcoreani un’adeguata fornitura di nutrizione di base”.

Ma negli ultimi 10 anni o più, ha iniziato a crollare. E ora è a un livello in cui la maggior parte dei nordcoreani non può rimanere su ciò che, se del caso, ottengono dallo stato “.

Secondo Williams, la maggior parte del cibo raccolto viene consegnato “alle capitali dove vive l’élite… e anche all’esercito e alle unità militari”.

Il ministero dell’Unificazione della Corea del Sud ha affermato che ci sono state segnalazioni di morti per fame, mentre l’Agenzia per lo sviluppo rurale di Seoul ha affermato che la produzione agricola del paese è diminuita di quasi il 4% nel 2022, citando le forti piogge estive e le condizioni economiche.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un visita un orto e un vivaio nel distretto di Jungphyong, nella provincia di Kyongsong. [File: Reuters]

L’ambiente naturale della Corea del Nord è anche una sfida per l’agricoltura.

Secondo una ricerca condotta esclusivamente dalla Brookings Institution di Washington, D.C circa il 20 per cento Dell’area del paese, o circa 2,2 milioni di ettari (5,4 milioni di acri), è arabile.

Il paese inoltre non dispone di infrastrutture, macchinari e rifornimenti adeguati, inclusi fertilizzanti e carburanti, oltre ad essere vulnerabile ai disastri naturali.

“L’agricoltura nordcoreana è rimasta bloccata nella tecnologia per diversi decenni”, ha affermato Williams. “Il riso viene coltivato e raccolto molto a mano”.

Queste condizioni portano a inefficienze nell’agricoltura, ha spiegato Willian, “quindi i raccolti possono essere coltivati ​​meno dove possono essere… Ogni anno la Corea del Nord ha problemi a nutrire la sua popolazione, ma sembra che quest’anno potrebbe essere particolarmente negativo”.

READ  Quem é o 'Bolsonaro chileno', que tenta ser 'menos bolsonarista' para ganhar votos

Nonostante le difficoltà segnalate, la Corea del Nord ha respinto i suggerimenti di accettare aiuti esteri, con il quotidiano ufficiale Rodong Sinmun della scorsa settimana che ha chiesto una maggiore autosufficienza economica e ha paragonato gli aiuti esteri a “caramelle avvelenate”.

Un agricoltore fertilizza le piantine di riso nei campi lungo un’autostrada a Pyongyang, Corea del Nord, 13 giugno 2017. [File: Wong Maye-E/AP]

Qual è il pasto per il cittadino medio?

Secondo Williams, ciò che mangia un nordcoreano dipende in gran parte da dove vive.

C’è un grande divario tra cibo rurale e urbano e poi Pyongyang. Se hai i soldi, il cibo è relativamente conveniente a Pyongyang”.

Forse le persone lì mangiano due o forse tre pasti al giorno. I piatti tradizionali sono molto simili alla Corea del Sud. Ma ovviamente in Corea del Nord carne, frutta fresca e cose del genere sono difficili da trovare. [their diet is] Si basa principalmente su riso e verdure”.

Williams ha affermato che la situazione sta iniziando a cambiare nelle campagne dove le scelte delle persone dipenderanno da ciò che sono state in grado di coltivare o acquistare nei mercati.

“Ufficialmente non ci sono vendite private di cibo, ma la Corea del Nord ha dovuto sopportarlo negli ultimi anni perché il sistema pubblico di distribuzione alimentare è fallito”.

“Quindi poi dipende da quanti soldi hai. Può essere brutto come una ciotola di porridge di riso al giorno e poi salire da lì, a seconda dei soldi. “

“È una società molto disuguale, ed è molto difficile per noi avere una visione molto accurata di quante persone vivono, diciamo, con un piatto oggi e quante persone mangiano tre pasti solo perché non riusciamo a vedere bene il paese”, ha aggiunto Williams.

Una venditrice di snack e bevande parla al cellulare all’interno della sua bancarella a Pyongyang, in Corea del Nord [File: Dita Alangkara/AP]

La Corea del Nord si concentra troppo sui suoi obiettivi militari?

Secondo il Council on Foreign Relations, un think tank statunitense, la Corea del Nord ha il quarto esercito più grande del mondo, con oltre 1,2 milioni di dipendenti.

READ  سد النهضة: السودان يطالب مجلس الأمن الدولي بعقد جلسة طارئة حول الأزمة

Gli Stati Uniti stimano che il paese spenda quasi un quarto del suo prodotto interno lordo per le sue forze armate.

Nel 2017, i funzionari dell’intelligence statunitense hanno stimato che Pyongyang disponesse di materiale fissile sufficiente per un massimo di 60 armi nucleari e, nonostante le sanzioni internazionali, ha continuato a portare avanti il ​​suo programma di armi.

A febbraio, il paese ha mostrato il suo arsenale durante una parata militare notturna, che ha mostrato più missili balistici intercontinentali che mai in una sola volta.

“La Corea del Nord non può nutrire correttamente tutti i bambini sotto i cinque anni, eppure ha un programma per sviluppare armi nucleari. Lancia missili in continuazione. Quest’anno mette in orbita un satellite”, ha detto Williams.

Ha aggiunto: “Molti dei soldi che entrano nel paese vanno nell’esercito, e vi entrano perché la Corea del Nord vede che ha bisogno di essere forte perché è preoccupata che i sudcoreani o gli Stati Uniti stiano cercando di rovesciare il suo governo».

“Tutto questo costa un’enorme quantità di denaro e l’agricoltura sembra essere al secondo posto dopo tutto questo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *