Ittiosauro gigante di 244 milioni di anni scoperto in Nevada

Con una dimensione del cranio di 2 metri (6,6 piedi) e una dimensione corporea stimata di 17 metri (56 piedi), la specie di ittiosauro appena identificata è l’animale più grande scoperto dal periodo Triassico medio (242-244 milioni di anni fa). il nome della cosa Cymbospondylus youngorumTuttavia, i rettili marini giganti esistevano più di 8 milioni di anni dopo la comparsa dei primi ittiosauri, indicando un’espansione di dimensioni molto più rapida che potrebbe essere stata alimentata da processi successivi all’estinzione di massa del Permiano.

ricreazione della vita Cymbospondylus youngorum Inseguendo gli oceani del Nevada nel tardo Triassico, circa 246 milioni di anni fa. Credito immagine: Stephanie Abramovich.

Gli ittiosauri erano un gruppo di successo di grandi rettili marini per la maggior parte dell’era mesozoica.

Queste creature sono apparse per la prima volta negli oceani dopo l’estinzione di massa del Permiano, circa 248 milioni di anni fa (primo Triassico), e si sono estinte all’inizio del tardo Cretaceo, 90 milioni di anni fa.

Respiravano aria come delfini e balene, e avevano un corpo affusolato per muoversi nell’acqua, occhi grandi per una migliore visione in profondità e un cranio allungato con mascelle piene di denti conici, adatto alla caccia di pesci e calamari.

Come gli squali moderni o i grandi squali bianchi, possono essere predatori all’apice nei loro ecosistemi, ma fino a poco tempo c’erano poche prove dirette per questo.

“Gli ittiosauri derivano da un gruppo finora sconosciuto di rettili terrestri che respiravano aria”, ha affermato il dott. Martin Sander, paleontologo dell’Università di Boone e del Dinosaur Institute presso il Museo di storia naturale nella contea di Los Angeles.

READ  È stata creata la mappa più dettagliata dei buchi neri

“Dalle prime scoperte scheletriche nel sud dell’Inghilterra e in Germania più di 250 anni fa, questi” pesci sauri “sono stati tra i primi grandi rettili fossili conosciuti dalla scienza, molto prima dei dinosauri, e da allora hanno catturato l’immaginazione popolare”.

Il volontario ha scosso Fiji mentre giaceva accanto al cranio di Cymbospondylus youngorum per misurare il volume.  Credito immagine: Martin Sander/Museo di storia naturale della contea di Los Angeles.

Il volontario Fiji tremava sdraiato accanto a un teschio Cymbospondylus youngorum per scala. Credito immagine: Martin Sander/Museo di storia naturale della contea di Los Angeles.

Cranio Cymbospondylus youngorum – Insieme a parte della colonna vertebrale, della spalla e del formaggio – sono stati recuperati da Fossil Hill, un membro delle montagne di Augusta in Nevada, Stati Uniti.

I resti fossili risalgono al periodo Triassico medio, che rappresenta il caso più antico di un ittiosauro che ha raggiunto proporzioni mitiche.

Cymbospondylus youngorum Si sono evoluti solo 2,5 milioni di anni dopo la comparsa del parente più antico degli ittiosauri proposti, che erano di dimensioni inferiori a un metro, e al massimo 8 milioni di anni dopo la comparsa del gruppo, indicando una rapida evoluzione delle dimensioni del corpo.

Il naso allungato e i denti conici indicano che l’animale predava calamari e pesci, ma le sue dimensioni significano che avrebbe potuto cacciare anche piccoli rettili marini e giovani.

“Come ricercatori, parliamo spesso di somiglianze tra ittiosauri e cetacei, ma raramente entriamo nei dettagli”, ha affermato il dott.

“Questo è uno dei motivi per cui questo studio si distingue, perché ci ha permesso di esplorare e ottenere ulteriori informazioni sull’evoluzione delle dimensioni corporee all’interno di questi gruppi di tetrapodi marini”.

I ricercatori hanno scoperto che mentre i cetacei e gli ittiosauri evolvevano ciascuno di dimensioni corporee molto grandi, i loro percorsi evolutivi verso il gigantismo erano diversi.

READ  Quindi due buchi neri stanno danzando l'uno intorno all'altro

Gli ittiosauri hanno avuto un aumento iniziale delle dimensioni, diventando giganti all’inizio della loro storia evolutiva, mentre le balene hanno impiegato più tempo per raggiungere i loro enormi limiti esterni.

Hanno anche trovato una relazione tra grandi dimensioni e prede da caccia e una relazione tra grandi dimensioni e perdita dei denti.

“L’ingresso iniziale degli ittiosauri nel gigantismo è stato probabilmente grazie al boom delle ammoniti e agli assembramenti a forma di anguilla senza mascelle che hanno riempito il vuoto ecologico dopo l’estinzione di massa alla fine del Permiano”, hanno detto.

“Mentre i loro percorsi evolutivi erano diversi, sia le balene che gli ittiosauri facevano affidamento sullo sfruttamento di nicchie nella catena alimentare per renderli davvero grandi”.

un carta I risultati sono stati pubblicati oggi sulla rivista Scienza.

_____

P. Martin Sander e altri. 2021. I primi colossi rivelano un’evoluzione più rapida delle grandi dimensioni corporee negli ittiosauri rispetto ai cetacei. Scienza 374 (6575); doi: 10.1126/scienza. abf5787

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *