In Max Mara il know-how prima di tutto

La Ludmilla, il secondo dei tre modelli firmati appositamente foderati in Nylon per la capsule anniversario di Max Mara, che festeggia il suo 70° anniversario.

I tre cappotti sono appesi uno accanto all’altro sulle grucce al centro della scrivania di Ian Griffiths. La stanza si trova in cima alla sede di Max Mara, di cui è il direttore artistico, un enorme edificio di vetro e tutto ad angolo retto, con l’aria di un campus della Silicon Valley. Il vasto parco verde e i suoi maestosi pioppi allineati si trovano alle porte di Reggio Emilia, città in cui il marchio regna dal 1951 e in cui ha aperto, nel 1964, in un’arteria centrale, Via Emilia San Pietro, il suo primissimo negozio .

Questa capsule di tre cappotti è così che Griffiths ha scelto di celebrare i 70 anni del brand, cifra imposta che fa impazzire gli uffici marketing. Il britannico, che presto compirà trentacinque anni di servizio, scelse tre modelli di successo in cashmere o pelo di cammello – il 101801 del 1981, il Ludmilla del 1992, il Teddy Bear del 2013 – che aveva foderato con nylon idrorepellente. che possono essere indossati sia sul lato destro che sulla schiena. “Modelli d’autore che possono essere capovolti per proteggere il materiale più vulnerabile quando piove. Ho pensato al modo in cui si vestono i giovani di oggi, a questo lato due in uno, subito pratico”, lui spiega.

Lana, cashmere, alpaca, pelo di cammello

Il progetto richiedeva pazienza e precisione, per costruire capi irreprensibili, per moltiplicare le prove. Il modello Manuela, nato nel 1998, momento previsto per integrare questa collezione mini-anniversario, è stato scartato: la sua forma a cintura si è rivelata troppo difficile da lavorare sul rovescio. Per il resto, si congratula con Griffiths davanti alla sua scrivania invasa da disegni, penne Pilot, matite Caran d’Ache e una bracciata di rose bianche, “Il primato del saper fare italiano ha fatto il suo lavoro. Perché, qui, non creo in una torre d’avorio abbozzando fantasie irrealizzabili, ma lavoro all’italiana: in dialogo con le fabbriche per rispondere a questioni tecniche. Che questi cappotti sbadigliano, che i tagli siano approssimativi mi avrebbe inorridito”.

“Ogni capospalla è tagliato dallo stesso rotolo in modo che maniche, tronchi e colli abbiano lo stesso materiale, lo stesso colore, lo stesso peso, senza alterare il drappeggio. »Alessandro Bianchi, responsabile di produzione

Questi capi, infatti, vengono confezionati a soli dieci minuti di macchina, nei due stabilimenti del gruppo, che impiegano 300 dipendenti (90% donne) e dai quali escono ogni settimana 2.250 cappotti e giacche. Max Mara ha costruito la sua reputazione su questo “sarto” di lusso. “Siamo l’unico brand italiano di moda femminile ad aver mantenuto i nostri stabilimenti, elogia Alessandro Bianchi, il direttore di produzione. Questo ci permette di non scendere a compromessi sulla qualità, di trasmettere il nostro know-how ai nostri apprendisti e di poter adattare ogni prototipo discutendo con lo studio di creazione vicino. ”

Hai il 62,41% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

READ  Il turco in Italia scende al Grand Hotel Budapest al Teatro Colón - News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *