In Italia l’home theater, “una forma di disobbedienza civile”

Di fronte a una perdurante crisi sanitaria, due attrici si sono rimboccate le maniche: da quasi due mesi Roberta Paolini e Marica Mastromarino aprono il loro Teatro Delivery. E funziona. Una risposta artistica e politica alla chiusura dei luoghi culturali.

Rispondere alla crisi sanitaria riaffermando la funzione fondamentale dell’arte: cura e nutrimento. Questa è la parola d’ordine del comico italiano Ippolito Chiarello, che ha lanciato la versione “Consegna” del suo Barboncino teatrale, nel novembre 2020, invitando l’intera professione a creare ovunque Unità Speciali di Continuità Artistica (Usca) per far fronte alla chiusura dei teatri (1). Prima a rispondere, le attrici Roberta Paolini e Marica Mastromarino hanno aperto il loro Consegna a teatro 6 dicembre a Milano. Come un nuovo tipo di messaggero, attraversano la città per portare a casa loro quelle che chiamano le loro “pillole teatrali”. Con grande successo. Incontrare.

Perché ti sei imbarcato in questa avventura di “consegna” home theater?
Roberta Paolini:
Per respirare di nuovo. Di fronte alla cancellazione dei miei spettacoli dal primo confino, e non vedendo arrivare la fine del tunnel, non potevo più creare, oscillando tra speranza e disperazione. Durante la breve riapertura, dal 15 giugno al 26 ottobre, ho fatto solo cinque o sei spettacoli, e in novembre avrei dovuto esibirmi con il comico Ippolito Chiarello a Mantova. Quando ha lanciato la sua chiamata, l’ho raggiunto immediatamente e ho suggerito a Marica di creare insieme una Usca. Quando l’abbiamo effettivamente iniziato, è stato come uscire da un periodo di apnea molto lungo.

Marica Mastromarino: Ho vissuto e provato lo stesso. Nel marzo 2020, dopo la cancellazione del mio spettacolo a causa del confino, ho fatto campagna nella Brigata Franca Rame, un collettivo che consegnava pacchi di cibo alle famiglie povere della città. Ho incontrato Roberta lì, ed entrambi abbiamo insistito sul fatto che il teatro era un alimento altrettanto essenziale per il pubblico. Rapidamente e quasi clandestinamente, abbiamo suonato i nostri pezzi gratuitamente nei cortili degli edifici dove abbiamo consegnato i pacchi. Allo stesso tempo, siamo coinvolti anche nel coordinamento lombardo dello spettacolo.

READ  Inizio della realizzazione della piattaforma italo-tunisina "NETTUNIT"

La crisi si trascinava e, incapace di immaginare la mia vita senza teatro, stavo sprofondando nella depressione. L’appello di Chiarello mi è apparso quindi come una formidabile scia di resistenza. Perché se le esibizioni dal vivo sono proibite dentro e fuori, nessun decreto vieta di consegnare “pillole teatrali” nelle case …

Roberta Paolini e Marica Mastromarino propongono tre menù: il Bianca, interpretato da Marica, il Rosso, interpretato da Roberta, e il Speciale, dalle due attrici.

© Daniel Alejandro Gencarelli

Come funziona Teatro Delivery?
RP: Abbiamo scelto degli estratti dalle nostre rispettive directory e composto tre menu: il Bianca, interpretato da Marica, il Rosso, interpretato da me, e il Speciale, da entrambi. Quest’ultimo include La Fame di Zanni, preso da Mistero divertente, di Dario Fo, che abbiamo spesso suonato con la Brigata Franca Rame, e il Remix di Rodari, composta da rime, favole e racconti di Gianni Rodari. Il pubblico può anche offrirci un testo da leggere o da riprodurre.

MM: Questo ci permette di variare i piaceri e divertirci, invitando il pubblico ad andare oltre ciò che è già pronto. Una volta scelto il menù, lo ordina e lo paga sotto forma di donazione, e noi glielo “consegniamo” davanti a casa sua. La durata dello spettacolo è limitata a trenta, quaranta minuti massimo.

“Abbiamo già ‘consegnato’ più di cinquanta menu. La cosa più difficile da fare è evitare le riunioni “. Roberta Paolini

Consegnate ogni giorno?
RP:
Sì, ma la maggior parte delle nostre “consegne” avviene il sabato e la domenica. Abbiamo già “consegnato” più di cinquanta menù. La cosa più difficile da gestire è evitare le riunioni, perché non devi superare le sei o sette persone alla volta, il protocollo sanitario richiede.

READ  Marsilio firma l'ordine, ma il governo rallenta Corriere.it

Riceviamo molte chiamate. Il passaparola funziona molto bene. Le persone udenti ci dicono che il teatro gli manca molto, ci hanno sorpreso e commosso. Stavamo uscendo da mesi molto duri, senza lavoro o un vero sostegno da parte delle istituzioni, che sembravano considerarci “sacrificabili”. Il nostro successo dimostra il contrario.

Durante la “consegna” degli spettacoli, le attrici spiegano al pubblico il loro impegno e le invitano a mobilitarsi per sostenerle.

Durante la “consegna” degli spettacoli, le attrici spiegano al pubblico il loro impegno e le invitano a mobilitarsi a loro sostegno.

© Daniel Alejandro Gencarelli

Teatro Delivery cambia il tuo rapporto con il pubblico?
MM: Ci offre una relazione radicata nella realtà. Lo vediamo che ci guarda, il che rende il nostro dialogo molto più concreto che in un teatro. Non avendo mai sperimentato il teatro di strada, è molto forte per me.

RP: Mi sono esibito in spettacoli di strada e ci sono certamente analogie. Ma qui non dobbiamo cercare il pubblico, perché ci sta già aspettando, e se facessimo teatro di strada il numero molto limitato di spettatori davanti a cui suoniamo, sarebbe piuttosto preoccupante!

“Ricreando il contatto diretto con il pubblico, vogliamo anche trasmettere l’importanza della cultura”. Marica Mastromarino

Che futuro vedi per questa forma di teatro e per la tua attività artistica in generale?
MM:
Questo lavoro è soprattutto un atto politico, una forma di disobbedienza civile. Un modo per infondere forza negli artisti in difficoltà dimostrando che dobbiamo resistere a noi stessi. Molte Usca sono ormai attive in tutta Italia. Ricreando il contatto diretto con il pubblico, vogliamo anche far comprendere l’importanza della cultura per le persone che non vi hanno più accesso a causa della chiusura dei luoghi in cui viene creata e donata. Durante la “consegna”, spieghiamo sempre il nostro impegno nei confronti dei lavoratori dello spettacolo e invitiamo il pubblico a unire le forze con noi.

READ  Coronavirus, blocco parziale a Madrid. In Gran Bretagna 7mila casi, 12mila in Francia
Con Teatro Delivery, le due attrici sperimentano il teatro locale accessibile a tutti.

Con Teatro Delivery, le due attrici sperimentano il teatro locale accessibile a tutti.

© Daniel Alejandro Gencarelli

RP: Mi piace molto che il nostro Teatro Delivery sia uno strumento per socializzare e creare un teatro locale accessibile a tutti. Lo sperimentiamo lavorandolo e ci permette di esplorare tutte le possibilità di questo modo di fare teatro.

MM: Per me ha lo stesso valore di altre forme di teatro esistenti. Stiamo creando un teatro utile. In futuro dovremo ricominciare a prenderci cura del pubblico e tornare alla nostra vocazione originaria ripristinando il “patto teatrale” che consiste nel condividere uno spettacolo con un pubblico presente. Chiediamo la riapertura di teatri e altri luoghi di cultura. Dopotutto, in termini di protocollo sanitario, sono molto più sicuri dei centri commerciali. Il 16 gennaio un migliaio di persone hanno partecipato alla prima Messa Culturale, manifestazione ciclistica degli operatori culturali organizzata dal Coordinamento Lombardo dello Spettacolo, alla quale hanno preso parte i “clienti” del nostro Teatro Delivery. Questa è la prima volta che i lavoratori della cultura e il pubblico si incontrano in questo modo.

RP: Un altro evento è previsto intorno al 23 febbraio, anniversario del primo confino. La nostra lotta continua: il problema è la sopravvivenza stessa della cultura, come bene essenziale dell’intera comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *