In Italia, 200 bare sono in mare dopo che un cimitero è crollato vicino a Genova

Veduta della tomba crollata di Camogli. – BFMTV

Lunedì il cimitero di Camogli, in provincia di Genova, è parzialmente crollato in mare, soddisfazione Posta internazionale. Il cimitero si trova sulle alture della città su un pendio. Non ci sono feriti condannati perché i lavoratori che hanno lavorato nella zona sono riusciti a lasciare la zona in tempo, ma più di 200 bare sono finite in mare. Secondo la stampa italiana.

Le autorità pubbliche hanno immediatamente inviato agenti sulla scena: vigili del fuoco, agenti di polizia municipale e anche una squadra di sommozzatori che erano i più direttamente responsabili del trasporto della birra in spiaggia.

Scaffale erosione

Le cause del crollo non sono ancora ufficialmente note, ma l’agenzia di stampa italiana ANSA ha diffuso una spiegazione geologica: questo scivolamento verso il mare è causato dall’erosione della scogliera, e dall’accelerazione dell’erosione dovuta alla violenta marea che ha coperto il mare. La costa ligure negli ultimi anni.

Qualche mese fa, all’inizio di ottobre, è ancora in Liguria ma questa volta nei pressi di Ventimiglia, i corpi sono stati scoperti sulla spiaggia dopo aver soggiornato nel Mediterraneo. Ben presto le autorità si resero conto che potevano essere gli occupanti delle bare Valle RoyaSpazzato via dalla tempesta Alex.

Articolo originale pubblicato su BFMTV.com

READ  Papa Francesco in Plaza de Espana, Roma - per evitare il sovraffollamento | Globalismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *