Il Sudafrica cerca di fermare l'asta dei manufatti storici di Nelson Mandela Notizie su Nelson Mandela

Il Sudafrica cerca di fermare l'asta dei manufatti storici di Nelson Mandela  Notizie su Nelson Mandela

Si prevede che circa 75 manufatti saranno venduti in un accordo tra la famiglia Mandela e un banditore di New York.

Il governo sudafricano ha dichiarato che si opporrà all'asta di dozzine di manufatti appartenenti al leader anti-apartheid del paese, Nelson Mandela, affermando che sono di importanza storica e dovrebbero essere preservati nel paese.

I 75 oggetti appartenenti a Mandela – il primo presidente democraticamente eletto del paese che trascorse 27 anni in prigione per la sua lotta contro l'apartheid contro il governo della minoranza bianca – saranno messi in vendita il 22 febbraio in un accordo tra Guernsey Auctions con sede a New York. La famiglia Mandela, guidata da sua figlia Makaziwe Mandela.

Ma il Ministero della Cultura del Sud Africa ha dichiarato di aver presentato un appello per fermare “l'esportazione non autorizzata” di questi pezzi.

“L'ex presidente Nelson Mandela è parte integrante del patrimonio del Sudafrica”, ha affermato in una nota il ministro dello sport, delle arti e della cultura Zizi Kodwa.

“È quindi importante garantire che il suo lavoro e le sue competenze rimangano nel Paese per le generazioni a venire”. Mandela è morto nel 2013.

Tra gli oggetti figurano i famosi occhiali Ray-Ban, le magliette “Madiba” che indossava il defunto leader, le lettere personali che scrisse dal carcere, oltre a una coperta donatagli dall'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e da sua moglie Michelle .

Nelson Mandela, a sinistra, era noto per indossare le sue famose magliette “Madiba”, alcune delle quali sono all'asta. All'asta anche un refrigeratore per champagne, regalo dell'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton [File: Scott Applewhite, Pool/AP]

Nella lista c'è anche un refrigeratore per champagne, regalo dell'ex presidente Bill Clinton, con offerte a partire da $ 24.000. Tra gli oggetti c'è anche il “libro d'identità” di Mandela, il suo documento d'identità dopo il suo rilascio dal carcere negli anni '90.

READ  China Builds Mockups Of US Warships As Coaching Targets, Demonstrate Pictures

Il mese scorso, l'Alta Corte del North Gauteng a Pretoria ha dato il via libera all'asta dopo aver respinto un divieto emesso dalla South African Heritage Resources Agency, responsabile della protezione del patrimonio culturale del Paese.

'Quasi inimmaginabile'

Guernsey afferma sul suo sito web che l'asta “sarà a dir poco fantastica” e il ricavato sarà utilizzato per costruire un Mandela Memorial Park a Qunu, il villaggio dove è sepolto.

“Immaginare di possedere un manufatto toccato da questo grande leader è quasi inimmaginabile”, afferma.

In un'intervista con i media statunitensi pubblicata giovedì, Makaziwe Mandela ha detto che suo padre voleva che l'ex regione del Transkei, dove è nato e cresciuto, beneficiasse economicamente del turismo.

“Voglio che gli altri nel mondo abbiano un pezzo di Nelson Mandela e che si ricordino, soprattutto nella situazione attuale, compassione, gentilezza e tolleranza”, ha detto al New York Times.

I resoconti dell'asta hanno suscitato un acceso dibattito sulle piattaforme dei social media in Sud Africa, con molti che hanno criticato l'asta di quello che considerano il patrimonio culturale del paese.

L’asta pianificata arriva mentre diversi paesi africani cercano di preservare le opere d’arte e i manufatti africani rimossi dal continente durante gli anni coloniali e di restituirli in Africa.

Recentemente, la Nigeria e la Germania hanno firmato un accordo per restituire centinaia di manufatti conosciuti come “Bronzi del Benin”.

L'accordo fa seguito alla decisione del presidente francese Emmanuel Macron nel 2021 di cedere 26 oggetti conosciuti come i Tesori di Abomey, opere d'arte inestimabili del Regno di Dahomey del XIX secolo nell'attuale Benin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *