Godongwana vuole che il Sudafrica si separi dall’Occidente – BusinessTech

Godongwana vuole che il Sudafrica si separi dall’Occidente – BusinessTech

Il ministro delle Finanze sudafricano Enoch Godongwana ha invitato le economie emergenti a rimodellare i loro modelli commerciali e ha sollecitato un “disaccoppiamento” dalla dipendenza economica dall’Occidente.

Ciò avviene in un momento in cui i paesi BRICS+ stanno cercando un punto d’appoggio più forte nell’economia globale.

Intervenendo ad un panel sull’espansione dei BRICS al World Economic Forum, Godongwana ha dichiarato: “Le nostre economie, in particolare il Sud Africa, hanno fatto molto affidamento sull’Occidente, quindi per noi il disaccoppiamento è cruciale, in altre parole, cambiare i modelli commerciali”. Giovedì il World Economic Forum a Davos.

Il tema del World Economic Forum di quest'anno è “Ricostruire la fiducia”. Il forum afferma che ciò è dovuto ai conflitti geopolitici che hanno portato a ciò Un mondo sempre più diviso e polarizzato, che provoca increspature attraverso le catene di approvvigionamento globali e fa salire l’inflazione. Il vertice spera di ricostruire e rafforzare la fiducia tra le parti interessate a livello mondiale.

Cercando di incrementare il commercio nel Sud del mondo, Godongwana ha affermato: “I nostri modelli commerciali con l’Africa sono cambiati radicalmente [as a whole] Ora è il nostro secondo partner commerciale, il che è molto importante per noi perché riduce tale dipendenza.

I paesi occidentali rappresentano un'ampia quota delle esportazioni del Sud Africa, con tre paesi occidentali tra i primi cinque partner di esportazione che rappresentano il 19,5%. Fonte: SARS

I BRICS, un gruppo di economie emergenti che comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, hanno guadagnato un’ampia attenzione alla fine di agosto 2023 con l’inclusione di diverse economie emergenti.

A gennaio il gruppo si è ampliato per includere Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

READ  – Lokalsamfunnets mann – VG

L’alleanza rappresenta ora il 25% delle esportazioni globali.

“In un colpo solo, l’importanza dei BRICS è aumentata di nuovo, aggiungendo nuovo potere finanziario e peso geopolitico a un gruppo che è stato visto da alcuni come la nuova voce del Sud del mondo”, ha affermato Afshin Molvi, senior ricercatore presso l'Università di Pittsburgh. Università Johns Hopkins.

Tuttavia, Abdullah bin Touq, ministro dell’Economia degli Emirati Arabi Uniti, ha cercato di sottolineare che i BRICS non sono un’alleanza politica nel suo discorso al Forum economico mondiale.

“Questo è qualcosa su cui dobbiamo essere chiari a questo punto qui proprio ora… sono le opportunità. È commercio. Sono motori economici. Sono loro che ci permettono di vedere i BRICS attraverso l’agenda commerciale ed economica del Sud del mondo.

Parlando di BRICS+, Godongwana ha affermato: “C’è anche un’agenda comune che condividiamo”.

Secondo lui ciò è dovuto al fatto che “la maggior parte di questi paesi non sono necessariamente uguali in un certo numero di aree, ma ci sono aree comuni su cui siamo d'accordo, una visione comune secondo cui deve esserci una riforma delle istituzioni multinazionali”.


Leggi: Godongwana illustra i problemi del Sud Africa agli investitori a Davos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *