Il razzo sonda CIBER-2 finanziato dalla NASA identifica il numero completo di stelle che dovrebbero crescere

Il numero di stelle nel nostro universo non è numerabile, eppure siamo stati in grado di ottenere una stima dei piccoli punti luminosi nel nostro universo. Gli esperti invieranno una missione spaziale per riconfermare il numero di stelle, che potrebbe aumentare a causa del numero extra non perso nell’ultimo totale di conteggi. Un razzo sonda, finanziato dalla NASA, è stato scelto per determinare il suo percorso nello spazio per raccogliere il numero di stelle.

CIBER-2 indica il numero totale di stelle nell’universo

(Foto: Eberhard Grossgasteiger/Pixel)

L’esperimento cosmico infrarosso background-2, noto anche come Sciabola -2, è il missile sonoro o trasportatore di strumenti che verrà utilizzato per la missione stellare. CIBER-2 fa parte di una serie di progetti in corso volti all’osservazione delle luci integrate nell’universo. Il lancio di CIBER-2 è guidato da Michael Zimkoff, professore associato di fisica e astronomia al Rochester Institute of Technology. Il razzo sonda sarà lanciato il 6 giugno a White Sands Missile Range, nel New Mexico.

Si stima che ci siano 100 milioni di stelle osservabili nella nostra galassia e che appaiono con le loro luci scintillanti nel cielo notturno. Questa stima sarà la base per i ricercatori per determinare il totale esatto delle stelle nell’universo. fisica I rapporti indicano che il numero medio di stelle nell’intero universo, inclusa la Via Lattea, formerà fino a cento quintilioni di stelle, a una velocità di 10 stelle per granello di sabbia terrestre.

CIBER-2 aiuterà a valutare e trovare il vero numero di stelle, poiché il numero stimato più alto di corpi celesti dall’universo massiccio potrebbe non essere sufficiente. Stimando quintilioni sono solo stelle all’interno di ammassi di galassie e i ricercatori sono positivi nel trovare altre stelle tra i sistemi galattici.

READ  La stampa 3D aiuterà a colonizzare Marte grazie a Zebro

Il razzo sonda che verrà inviato nello spazio trasporterà molte attrezzature scientifiche per la ricerca. Includono il telescopio Cassegrain con un diametro di 28 centimetri che fornirà un’ampia risoluzione spettrale coprendo una lunghezza d’onda maggiore.

La prima fase di CIBER-2 si svolgerà nell’atmosfera terrestre. Otterrai i dati da una porzione di cielo come riferimento. Questa patch contiene ammassi di galassie che verranno esaminati per trovare l’illuminazione cosmica e la diffusione nota come luce di fondo extragalattica.

Leggi anche: La navicella spaziale SpaceX Dragon invia minuscoli calamari fosforescenti alla Stazione Spaziale Internazionale per esperimenti spaziali della NASA

Sfondo chiaro extragalattico e sfondo cosmico a infrarossi

Luci di sfondo extragalattiche O EBL è il bagliore di fondo dei fotoni collettivi prodotti nell’universo nel tempo, ha affermato Jimmy Bock, professore di fisica del California Institute of Technology e investigatore principale delle missioni CIBER iniziali. L’EBL è stato utilizzato nella prima missione CIBER per determinare la luce totale dalle stelle attraverso la scala dall’ottica all’ultravioletto.

Un altro obiettivo è usare sfondo cosmico a infrarossi, noto anche come CIB, per riferirsi a tipi comuni di stelle come le nane M e K. Il razzo sonda misurerà il numero di stelle non contando gli oggetti fisici stessi, ma tramite le tracce di luce emesse dalle stelle nelle galassie deboli. Utilizzando i dati delle emissioni luminose, tutto sarà incluso nel conteggio, anche le stelle che non sono incluse negli ammassi di galassie.

Il conteggio della prima missione CIBER ha spianato la strada per riorganizzare la ricerca e dare un’altra corsa al conteggio delle stelle. I risultati preliminari del 2007 dello Spitzer Space Telescope della NASA hanno indicato che c’erano altre stelle nascoste in bella vista, rilevando più fluttuazioni di luminosità di quanto gli scienziati si aspettassero.

READ  Test di personalità virale | Chi aiuterà per primo? Scegline uno e la tua risposta determinerà il tuo tipo di personalità | Messico

Questa conoscenza verrà applicata da CIBER-2 e gli scienziati della missione sperano di trovare non solo stelle conosciute ma anche antiche galassie e buchi neri morenti. Sperano anche che il numero aumenti quando CIBER-2 raccoglierà le stelle dall’universo.

Articoli Correlati: Il vento solare e il clima spaziale sono minacce alla tecnologia? Gli esperti studiano la direzione del vento sulla superficie del sole

Scopri altre notizie e informazioni su spazio In tempi di scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *