Un nuovo studio fornisce informazioni sulla dieta estinta di Little Bush Moa | Paleontologia

I paleontologi hanno esaminato coproliti di età compresa tra 6.800 e 4.600 anni attribuiti a Piccolo Cespuglio Moa (Anomalia oftalmologica). I risultati supportano l’ipotesi attuale che questa specie di moa brucasse alberi e arbusti all’interno della foresta inferiore e forniscono nuove prove che anche le felci erano una parte importante della sua dieta.

Moa vaga tra alberi e arbusti all’interno della foresta inferiore. Credito immagine: Heinrich Harder.

La maggior parte di ciò che gli studiosi attualmente so La dieta della Nuova Zelanda estinta è fortemente sbilanciata verso solo tre specie (Dinornis RobustosE il Megalabyrix Didino E il Elefante Pachyornis), che rappresenta circa il 90% di tutti i campioni di contenuto di coproliti e coproliti identificati. In confronto, le diete delle altre sei specie di moa non sono ben note.

Il contenuto di coproliti e ventrigli Moa può essere sezionato e analizzato al microscopio o utilizzando tecniche di identificazione del DNA per decodificare ciò che gli uccelli mangiano. Il contenuto può anche essere controllato per i semi che possono disperdere gli uccelli.

Rari depositi tra 6.800 e 4.600 anni sono stati scoperti nel Parco Nazionale di Fiordland nell’angolo sud-ovest dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda.

“Questi depositi di rifugi rocciosi sono scientificamente molto importanti in quanto sono il sito più meridionale da cui sono stati recuperati i coproliti moa, con il periodo documentato più lungo di accumulo di coprolite (2.200 anni) all’interno dell’orizzonte dei sedimenti che è stato preservato in un punto”, ha affermato il dott. Jamie Dr. Jamie Wood, ricercatore presso Manaaki Whenua – Landcare Research.

“Ad oggi, sono stati precedentemente identificati solo cinque piccoli arbusti di coproliti, tutti provenienti dal centro di Otago”.

READ  La Stazione Spaziale Internazionale cattura magnificamente l'immagine dell'Aurora Terra

Utilizzando l’analisi del DNA e le distribuzioni di specie conosciute di moa, gli scienziati hanno rintracciato i sedimenti nel piccolo arbusto di moa, una specie di moa di piccole e medie dimensioni che vive nelle foreste chiuse nelle pianure della Nuova Zelanda.

Il polline e il DNA vegetale dei coproliti, così come i macrofossili vegetali che li accompagnano, mostrano che i sedimenti abbracciano un periodo in cui la volta della foresta si è spostata dalle conifere (dominata da Meru, Matai, Tutara e il Monte Tuatwa da Famiglia delle Podocarpaceae) per faggio argentato (Lovosonia menziesi) Circa 6800-4600 anni fa.

DNA, polline e frammenti di cuticola fogliare da vischio rosso (Peraxilla tetrapetala), specie comunemente associata al faggio argentato, si trova anche sul giovane arbusto moa coprolites.

Le foglie nutrienti di questo vischio sono molto appetibili e oggi è ricercato anche dall’introduzione opossum (Trichosurus vulpecula) Mammiferi surfisti come i cervi.

I giovani coproliti del cespuglio moa contenevano pochissimi semi rispetto agli altri coproliti analizzati.

“Questa osservazione è stata intrigante perché contrasta con ciò che sappiamo di altre specie di moa che hanno svolto un ruolo importante nel disperdere i minuscoli semi (<3 mm) di molte specie di piante nei loro escrementi", ha affermato il dott. Janet Wilmshurst, ricercatore di Manaaki Whenua - Ricerca sulla cura del territorio e Università di Auckland.

“L’assenza quasi completa di semi nell’arbusto di moa coproliti suggerisce che non erano importanti disperdenti di semi e che potrebbero aver preso di mira i semi di conifere più grandi che si sono raccolti completamente nelle loro cavità muscolari e sono stati danneggiati piuttosto che dispersi”.

Lo studio ha anche fornito nuove prove sorprendenti che il fogliame di felce era una parte importante della loro dieta.

READ  Ecologia ed evoluzione: ecologia ed evoluzione: esseri umani e animali: notizie:

“Anche se alcuni arbusti di moa potrebbero non essere una grande dispersione di semi, in base alla nostra scoperta di DNA di felci macinate, resti di cuticole fronde e alto numero di spore, potrebbe aver svolto un ruolo precedentemente non riconosciuto come dispersione di spore di felci macinate in tutta la Nuova Zelanda. foreste”, ha detto il dottor Wood.

Il uno studio È stato pubblicato sulla rivista Recensioni di scienza quaternaria.

_____

Jimmy R. Wood e altri. 2021. I coproliti del medio olocene della Nuova Zelanda meridionale forniscono nuove intuizioni sulla dieta e sull’ecologia del giovane cespuglio di moa estinto (Anomalia oftalmologica). Recensioni di scienza quaternaria 263:106992; doi: 10.1016/j.quascirev.2021.106992

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *