Il presidente senegalese Macky Sall rifiuta di incolpare il caos elettorale

Il presidente senegalese Macky Sall rifiuta di incolpare il caos elettorale

Il presidente senegalese ha dichiarato alla BBC di non pentirsi del rinvio delle elezioni previste per quest'anno, una mossa che ha scatenato sanguinose proteste.

Macky Sall ha affermato di non aver preso la decisione da solo, ma piuttosto in risposta alle preoccupazioni sollevate dai parlamentari.

Dopo la reazione negativa, molti temevano che il paese, relativamente stabile, stesse scivolando in una crisi politica.

Ma il tentativo di rinviare le elezioni di 10 mesi è stato bloccato dalla Corte Suprema del Senegal.

La votazione si svolgerà ora domenica, un mese dopo rispetto a quanto inizialmente previsto.

Il presidente Sall ha detto alla BBC: “Non ho scuse, non ho fatto nulla di male”.

“Tutte le azioni intraprese rientravano nel quadro della legge e dei regolamenti”.

A sole tre settimane dalle elezioni previste per il 25 febbraio, Sall ha annunciato che sarebbero state rinviate, una mossa successivamente approvata dal Parlamento.

I critici hanno accusato Sall di aver tentato di rimanere in carica oltre il suo mandato, cosa che il presidente ha negato. Ha detto che il ritardo era necessario per risolvere la disputa sull'eleggibilità dei candidati presidenziali.

Secondo lui sono stati i politici dell'opposizione a sollevare questi timori.

Ha detto: “Se l'Assemblea nazionale non avesse approvato la legge e non me l'avesse sottoposta, le elezioni non sarebbero state rinviate”.

L'annuncio di Sall ha scatenato violenti scontri tra polizia e manifestanti, in cui sono rimaste uccise tre persone.

Molti temono che sia in gioco la reputazione del Senegal come bastione della democrazia in una regione instabile.

Il progetto del presidente di rinviare le elezioni ha scatenato diffuse proteste

Il Senegal ha assistito a tre passaggi pacifici del potere dall’indipendenza ed è l’unico paese dell’Africa occidentale continentale a non aver subito un colpo di stato.

READ  La visita del ministro degli Esteri cinese in Africa orientale mostra l'importanza della regione

Sall ha detto alla BBC che i recenti disordini “dimostrano che esiste una campagna mediatica contro il Senegal e il suo presidente”, poiché c'è solo “un mese” tra la data originaria delle elezioni e quando avrà luogo la votazione.

Ha aggiunto: “Sono davvero stupito dai giudizi di valore che sono stati espressi. Se volessi restare, mi candiderei e basta. In Africa, chiunque può avere cinque mandati, se lo desidera”.

“Se questa fosse stata la mia decisione, nessuno avrebbe potuto fermarmi, tranne il popolo senegalese che ha votato”.

La settimana scorsa, il principale leader dell'opposizione senegalese e uno dei critici più severi di Sall, Ousmane Sonko, e il candidato presidenziale del suo partito, Basserou Diomaye Faye, sono stati rilasciati dal carcere con la grazia presidenziale.

Sonko è stato processato con una serie di accuse, tutte motivate politicamente al fine di escluderlo dalle elezioni.

A causa della sua condanna per condotta non etica con un minore, gli viene vietato di gareggiare e il signor Fay prende il suo posto.

Alcuni importanti candidati dell’opposizione sono stati esclusi anche dalle precedenti elezioni del 2019.

Ma il presidente Sall ha negato che le accuse contro i suoi rivali fossero politicamente motivate.

“Solo perché sei un politico, non devi rispondere delle tue azioni davanti alla legge”, ha detto.

Ha anche detto che Sonko e altri avrebbero potuto candidarsi se le elezioni fossero state ritardate più a lungo.

“Se mi avessero seguito, ci sarebbe stato un processo in cui tutti i rappresentanti sarebbero stati nominati”, ha detto Sall.

Il presidente Sall ha servito due mandati presidenziali, il massimo consentito dalla costituzione del Senegal.

READ  La Internet Society si impegna a espandere l'accesso a Internet in Africa

Nella sua intervista alla BBC, ha ribadito il suo impegno a non prolungare la sua permanenza.

“Se il prossimo presidente non verrà eletto il ventiquattro di questo mese [March]Partirò il 2 aprile comunque. “Questa è la scadenza e non intendo restare un altro giorno.”

Amadou Bah, che è stato primo ministro sotto Sall finché non si è dimesso per fare campagna elettorale, e Fay sono visti come i favoriti tra i 19 candidati.

Se nessuno di loro riceverà più del 50% dei voti, si procederà al secondo turno.

Disclaimer: I punti di vista, i commenti, le opinioni, i contributi e le dichiarazioni fatte dai lettori e dai contributori su questa piattaforma non rappresentano necessariamente le opinioni o la politica di Multimedia Group Limited.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *