Il più grande furto di terre in Cina invade i domini ancestrali della famiglia reale del Bhutan

Il più grande furto di terre in Cina invade i domini ancestrali della famiglia reale del Bhutan

L'attività di costruzione a Pechino avviene nonostante i colloqui in corso sul confine con il Bhutan. Immagine ad alta risoluzione Qui

Nuova Delhi:

Una nuova serie di immagini satellitari, risalenti a meno di un mese fa, indicano il ritmo sorprendente con cui la Cina continua la sua intrusione illegale nel Bhutan nord-orientale costruendo township lungo una valle fluviale a Beul Khenpagong, un’area di profondo significato culturale.

Il Bhutan, un paese con una popolazione di meno di 8.000 abitanti – appena un quarto della popolazione della regione della capitale nazionale dell’India – non può fare molto, ma osservate come la Cina continua ad affettare il salame sui suoi bordi settentrionali, occidentali e sud-occidentali, un modello di commercio illegale e furti di terra, oltre il confine himalayano.

“Questo caso rappresenta la recente e discutibile rivendicazione della Cina su un'area di grande importanza culturale nei confronti di un vicino molto meno potente, sapendo che il vicino ha poche, se non nessuna, opzioni in termini di risposta”, afferma l'esperto professor Robert Barnett. . sulla storia del Tibet presso la School of Oriental and African Studies (SOAS), Università di Londra.

Un'immagine satellitare scattata il 21 dicembre 2023 mostra la costruzione di una township a Beulkhenbagung, una delle numerose township.  Una foto precedente, datata 9 novembre 2020, mostra che i lavori di costruzione non sono ancora iniziati.  Immagine ad alta risoluzione qui

Un'immagine satellitare scattata il 21 dicembre 2023 mostra la costruzione di una township a Beulkhenbagung, una delle numerose township. Una foto precedente, datata 9 novembre 2020, mostra che i lavori di costruzione non sono ancora iniziati. Immagine ad alta risoluzione Qui

L’attività di costruzione a Pechino avviene nonostante i colloqui in corso sul confine con il Bhutan, e la portata delle costruzioni qui e nella vicina area di Jakarlung indica chiaramente che Pechino potrebbe essere troppo lontana per contemplare qualsiasi ritiro da queste aree.

In risposta alle domande sull’attività di costruzione cinese a Beul Khenpagong, l’ambasciatore del Bhutan in India, il maggiore generale Phitsop Namgyel (in pensione), ha dichiarato: “Sebbene sia nostra politica non fare commenti ai media sui colloqui in corso sui confini, vorrei sottolineare che sosterremo e proteggeremo sempre gli interessi territoriali del Bhutan durante i negoziati sui confini.

Gli esperti di immagini satellitari di NDTV hanno parlato per descrivere le immagini dell’attività di costruzione pubblicate qui come “insediamenti su larga scala in grado di ospitare centinaia di persone”. NDTV ha censito più di 200 edifici a uno o più piani, anche se si ritiene che il numero finale sia molto più alto perché la costruzione delle tre enclavi qui visibili non è ancora completata.

Le immagini precedenti di novembre 2020, pubblicate qui come punto di riferimento, mostrano che l’attività di costruzione su larga scala nell’area non è ancora iniziata. Da novembre 2020, Byul Khenbagung è stata completamente trasformata, ritagliando valli e colline, per ospitare un’ampia rete stradale che collega le enclavi.

Gli edifici polifunzionali costruiti nell’area di Byul Khenbagung potrebbero potenzialmente ospitare diverse centinaia di residenti.  La continua attività di costruzione in Cina avviene nonostante i colloqui in corso tra Pechino e Thimphu.  Immagine ad alta risoluzione qui

Gli edifici polifunzionali costruiti nell’area di Byul Khenbagung potrebbero potenzialmente ospitare diverse centinaia di residenti. La continua attività di costruzione in Cina avviene nonostante i colloqui in corso tra Pechino e Thimphu. Immagine ad alta risoluzione Qui

In un recente articolo pubblicato da Chatham House, John Pollock e Damian Simon, uno dei principali ricercatori nel campo dell'intelligenza geografica, spiegano l'importanza del pyol, o valle nascosta. “La famiglia reale fa risalire la sua eredità ancestrale alla regione montuosa, eppure il governo non è stato in grado di fermare l’insediamento cinese lì”.

READ  Peng Liyuan incontra la First Lady dello Zambia - Xinhua

L’occupazione di parti del Bhutan da parte della Cina ha profonde conseguenze anche per la sicurezza dell’India. Nel 2017, i soldati indiani e cinesi si sono affrontati sull’altopiano di Doklam al confine con lo stato del Sikkim. I soldati indiani hanno fisicamente impedito ai soldati cinesi di espandere la strada che avevano costruito nell'area, che è riconosciuta a livello internazionale come territorio del Bhutan.

Da allora, i lavoratori cinesi hanno spartito il territorio del Bhutan per costruire tre villaggi lungo la valle del fiume Amu Chu, che si trova a est e direttamente adiacente a Doklam. Nuova Delhi vede la conquista del territorio del Bhutan da parte della Cina come parte di un processo di espansione della propria presenza verso sud al fine di minacciare il Corridoio Siliguri, la stretta striscia di terra che collega l’India nord-orientale al resto dell’India.

“L’attività edilizia cinese che viola la sovranità territoriale del Bhutan potrebbe avere lo scopo di minare le relazioni tra Bhutan e India e costringere Thimphu ad acconsentire alle richieste cinesi”, afferma il dottor Brahma Chellaney, il più importante osservatore della Cina in India.

Un'immagine che mostra tre distinti complessi segreti nell'area di Byul Khenbagung collegati da un'ampia rete stradale.  I lavori di costruzione sono in corso da tre anni.  Immagine ad alta risoluzione qui

Un'immagine che mostra tre distinti complessi segreti nell'area di Byul Khenbagung collegati da un'ampia rete stradale. I lavori di costruzione sono in corso da tre anni. Immagine ad alta risoluzione Qui

In effetti, le preoccupazioni per la sicurezza dell’India rappresentano un ulteriore problema per Thimphu. “La Cina ha imposto un cosiddetto pacchetto di accordi al Bhutan: si rifiuta di restituire Jakarlung e le aree a sud e a ovest a meno che il Bhutan non ceda le aree del Bhutan occidentale alla Cina, in particolare l'altopiano di Doklam, a cui il Bhutan non può rinunciare a causa dei suoi obblighi derivanti dal trattato “La Cina ha imposto un cosiddetto pacchetto di accordi al Bhutan: si rifiuta di restituire Jakarlung e le aree a sud e a ovest a meno che il Bhutan non ceda le aree del Bhutan occidentale alla Cina, in particolare l'altopiano di Doklam, a cui il Bhutan non può rinunciare a causa del suo trattato obblighi”, afferma il dottor Barnett. “Relazioni diplomatiche e priorità geostrategiche rispetto all’India”.

READ  Iran cảnh báo Trump sẽ 'không an toàn'

Sotto la forte pressione della Cina, il Bhutan desidera porre fine una volta per tutte all’incursione nel suo territorio. Nell'ottobre dello scorso anno, il ministro degli Esteri Tandi Dorji si è recato a Pechino, il primo del suo genere in Bhutan. Nello stesso mese, il primo ministro Lotay Tshering ha affermato di sperare che venga delimitato un confine adeguato tra Cina e Bhutan. Thimphu non ha rilasciato commenti pubblici sull'andamento dei colloqui, anche se ritiene che Nuova Delhi sia stata tenuta al passo con gli ultimi sviluppi.

Tuttavia, la preoccupazione più grande per l’India potrebbe essere il futuro delle relazioni del Bhutan con la Cina.

“Il Bhutan si sta lentamente spostando nell’orbita strategica della Cina e c’è poco che l’India possa fare, a meno che non venga firmato un nuovo accordo di sicurezza tra Nuova Delhi e Thimphu”, ha detto a NDTV il mese scorso Claude Arpi, un eminente studioso del Tibet.

Non ci sono segnali di alcun movimento in questa direzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *